Un film per il Mago Mancini: successo newyorkese per lo scopritore di Rossi, Capirossi e Dovizioso

di 

22 settembre 2016

Guido Mancini, detto “Guidin”, è stato un bel pilota e, nel 1977, si laureò Campione Italiano della classe 50cc. Appeso il casco al chiodo, Guido ha sempre preparato e anche costruito motociclette ( le Tm Mancini) e alla sua corte hanno appreso i segreti delle corse numerosi campioni.

Il regista Jeff Zani (molto conosciuto per aver girato Storie di Uomini e Moto Veloci dedicato a Giancarlo Morbidelli) gli ha dedicato un film – presentato a New York i giorni scorsi – che riguarda proprio questo aspetto visto che Zani fa raccontare a Mancini la sua storia con Loris Capirossi, Valentino Rossi, Andrea Dovizioso, Romano Fenati e Franco Morbidelli.

E i piloti lo hanno incontrato e insieme hanno rivissuto i momenti importanti degli inizi della loro grande carriera.

E Mancini, nell’incontrare personalmente Morbidelli, Fenati, Dovizioso e Capirossi, con quest’ultimo che lo ha ospitato a Monte Carlo, si è commosso ed è venuta fuori una Opera notevole, di altri tempi, che racconta un motociclismo che non c’è più, quello degli uomini veri. Valentino Rossi, invece, ha risposto ad alcune domande preparate facendo mandando una registrazione da lui stesso realizzata.

In bocca al lupo Guido, alla conquista il Motorcycle Film Festival di New York.

Questo slideshow richiede JavaScript.

2 Commenti to “Un film per il Mago Mancini: successo newyorkese per lo scopritore di Rossi, Capirossi e Dovizioso”

  1. dai de gas scrive:

    Non ha fatto una gran figura…. ma lui è così dimentica….

  2. BRUSCO 54 scrive:

    Grande Guido, grande uomo e grande tecnico

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>