Fondazione Ant, presentato il bilancio di missione

di 

26 settembre 2016

Fondazione AntPESARO – Nata a Bologna nel 1978 e oggi riconosciuta come la più ampia realtà non profit italiana per le attività gratuite di assistenza specialistica domiciliare ai malati di tumore e la prevenzione oncologica, Fondazione ANT è presente nelle Marche dal 1992 con 3 équipe medico-sanitarie attive nelle province di Pesaro e Urbino e nella zona di Civitanova e Fermo per un totale di 11 medici, 6 infermieri e 3 psicologi dedicati all’assistenza medico-sanitaria domiciliare e gratuita ai malati oncologici.

Dall’inizio delle attività, ANT nelle Marche ha curato a casa, con standard di livello ospedaliero e un’assistenza certificata ISO 9001:2008, quasi 8.000 malati di tumore, offrendo supporto medico, infermieristico e psicologico anche alle loro famiglie. In particolare a Pesaro e nella sua provincia, Fondazione ANT è presente con una équipe – coordinata dalla dottoressa Germana Severini – composta da 4 medici, 2 infermieri e 2 psicologi che, nel solo 2015, hanno dato assistenza domiciliare a 300 malati di tumore (146 nel primo semestre 2016). A Urbino l’équipe conta su 2 medici e un infermiere che hanno assistito nel 2015 80 persone (21 nel primo semestre 2016). Il supporto degli psicologi è stato garantito nel 2015 a oltre 120 malati di tumore e familiari complessivi, per un totale di 1.110 colloqui sostenuti.

Dal 2004 grande impulso è stato dato alla prevenzione oncologica, sempre gratuita. Fino a tutto il 2015, ANT nelle Marche ha offerto ai cittadini 3.171 visite dermatologiche per la prevenzione del melanoma (molte delle quali riservate ai ragazzi delle scuole superiori), 342 controlli ecografici gratuiti per la diagnosi precoce di eventuali noduli tiroidei e 127 mammografie digitali per le donne dai 45 anni d’età in avanti.

Per sostenere il lavoro dei propri professionisti, attivi 365 giorni l’anno, 24 ore su 24, ANT investe nelle Marche poco più di 1 milione di euro l’anno. Di questi fondi il 20% deriva da convenzioni con le ASL e oltre 600.000 euro dalle attività di raccolta fondi messe a punto dai Volontari delle delegazioni di Civitanova Marche, Fano, Fermignano, Fermo, Pesaro, Porto Sant’Elpidio, Urbino. Nonostante l’impegno nella raccolta fondi, le risorse reperite sul territorio non sono state sufficienti a coprire, nel 2015, i costi delle attività istituzionali: la sede nazionale di Fondazione ANT è dovuta intervenire con poco più di 100.000 euro come “Contributi per solidarietà e assistenza Medico-infermieristica da altre Delegazioni”. 

In particolare si ringrazia la Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro che da anni sostiene le attività di Fondazione ANT sul territorio.

La giornata di presentazione del Bilancio di Missione è stata anche l’occasione per un ringraziamento speciale alla signora Anne Newman che ha guidato sin qui la Delegazione ANT di Pesaro e che oggi ha ricevuto, dalle mani del presidente Raffaella Pannuti, il riconoscimento a Delegata Onoraria.

I Volontari ANT sono i primi garanti dell’Eubiosia – commenta Pannuti – È grazie al loro impegno se ogni giorno possiamo trasformare l’idea della vita in dignità anche nel momento della malattia, in un’azione concreta a disposizione di tutti i cittadini. Non sappiamo ancora se saremo in grado di chiudere il 2016 nuovamente in positivo, ci auguriamo per il futuro un intervento più consistente da parte della ASL, in modo da poter continuare a dare risposte alle tante richieste di assistenza che ci arrivano da tutto il territorio pesarese.

Profilo Fondazione ANT

Nata nel 1978 per opera dell’oncologo Franco Pannuti, dal 1985 a oggi Fondazione ANT Italia ONLUS – la più ampia realtà non profit per l’assistenza specialistica domiciliare ai malati di tumore e la prevenzione gratuite – ha curato oltre 113.000 persone in 10 regioni italiane (Emilia-Romagna, Lombardia, Veneto, Toscana, Lazio, Marche, Campania, Basilicata, Puglia, Umbria – dato aggiornato a dicembre 2015). Ogni giorno 4.000 persone vengono assistite nelle loro case da 20 équipe multi-disciplinari ANT che assicurano cure specialistiche di tipo ospedaliero e socio-assistenziale, con una presa in carico globale del malato oncologico e della sua famiglia. Sono complessivamente 433 i professionisti che lavorano per la Fondazione (medici, infermieri, psicologi, nutrizionisti, fisioterapisti, farmacisti, operatori socio-sanitari etc.) cui si affiancano oltre 2.000 volontari impegnati nelle attività di raccolta fondi necessarie a sostenere economicamente l’operato dello staff sanitario. Il supporto offerto da ANT affronta ogni genere di problema nell’ottica del benessere globale del malato. A partire dal 2015, il servizio di assistenza domiciliare oncologica di ANT gode del certificato di qualità UNI EN ISO 9001:2008 emesso da Globe s.r.l.. ANT è inoltre da tempo impegnata nella prevenzione oncologica con progetti di diagnosi precoce del melanoma, delle neoplasie tiroidee, ginecologiche e mammarie. Dall’avvio nel 2004 sono stati visitati gratuitamente 138.000 pazienti in 76 province italiane (dato aggiornato a giugno 2016). Le campagne di prevenzione si attuano negli ambulatori ANT presenti in diverse regioni, in strutture sanitarie utilizzate a titolo non oneroso e sull’Ambulatorio Mobile – BUS della Prevenzione. Il mezzo, dotato di strumentazione diagnostica all’avanguardia (mammografo digitale, ecografo e videodermatoscopio) consente di realizzare visite su tutto il territorio nazionale. ANT opera in Italia attraverso 120 delegazioni, dove la presenza di volontari è molto attiva. Alle delegazioni competono, a livello locale, le iniziative di raccolta fondi e la predisposizione della logistica necessaria all’assistenza domiciliare, oltre alle attività di sensibilizzazione. Prendendo come riferimento il 2015, ANT finanzia la maggior parte delle proprie attività grazie alle erogazioni di privati cittadini (30%) e alle manifestazioni di raccolta fondi organizzate (29%) al contributo del 5×1000 (12%) a lasciti e donazioni (5%). Solo il 18% di quanto raccoglie deriva da fondi pubblici. ANT è la 11^ Onlus nella graduatoria nazionale del 5×1000 su oltre 38.000 aventi diritto nel medesimo ambito. Fondazione ANT opera in nome dell’Eubiosia (dal greco, vita in dignità).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>