Io ti amo… Robot . La rubrica della sessuologa de.Sidera

di 

28 settembre 2016

d.ssa Sabrina Dini*

Nel Regno Unito all’università di Salford si è tenuta la prima conferenza scientifica sul sesso con i robot: “Tecnologia e vicinanza: scelta o necessità”. La discussione si è incentrata sulla possibilità di instaurare “relazioni romantiche” con l’intelligenza artificiale e si è persino arrivato a parlare di matrimonio tra umani e robot.
La psicologa e sessuologa londinese Kate Moyle ha espresso il timore che se una persona userà i robot per avere rapporti sessuali con l’andare del tempo non riuscirà più ad averne con una persona in carne ed ossa… perché ormai troppo diversi dai robot…
La creazione di un robot che provi sentimenti e abbia libero arbitrio e reazioni imprevedibili, per non parlare della psiche complessa del subconscio, è impossibile in linea di principio.

Fino a poco tempo fa nessuno credeva che ci possono essere individui dipendenti dai giochi online. Oggi è una realtà.
Secondo lo scienziato Henrik Christensen, docente di Robotica all’Università di Stoccolma, “entro cinque anni al massimo la gente comincerà a far sesso con i robot” e l’esperienza diventerà sempre più appagante “a mano a mano che si svilupperà l’intelligenza artificiale. Quindi, quando queste macchine impareranno dalla loro stessa esperienza”. Concorda Riccardo Campa, docente di Sociologia della Scienza all’Università di Cracovia e direttore della World Transhumanist Association: “Ci sarà un momento in cui i robot saranno quasi indistinguibili dagli esseri umani, ma più belli e privi di difetti”

sesso-con-robotMolto evoluta è l”esperienza animatronica’ che viene promessa da Andy, umanoide femmina inventata da Michael Harriman, un meccanico aeronautico di Norimberga: : la sexy bambolona ha al suo interno un cuore artificiale che accelera i battiti durante il rapporto sessuale, un radiatore che alza la temperatura corporea a simulare l’eccitazione, uno speaker collegato al cuore artificiale che produce ansimi in modo direttamente proporzionale al ritmo dell’amplesso, un dispositivo azionabile in remoto per muovere i fianchi, un sistema per l’emissione di finte secrezioni vaginali e un silicone ultra morbido che riproduce la sensazione del contatto con la pelle umana.

Più attraenti, e dalle potenzialità forse più interessanti, sono alcuni umanoidi femminili giapponesi come Actroid: gambe lunghe, minigonna e volto da top model, capace di muovere le braccia con naturalezza e di alternare 40 diverse espressioni emotive del viso, finora ha svolto solo funzioni di hostess (soprattutto alle fiere elettroniche).

” Gli studi di psicologia e sociologia”, sostiene Levy, “indicano che le persone vanno con le prostitute per molte differenti ragioni, ma quella più comune è il fare del sesso senza nessun tipo di coinvolgimento emotivo. Sicuramente le macchine, più degli esseri umani, saranno in grado di soddisfare questo bisogno”.

Il bisogno sessuale sarà appagato … ma l’essenzialità del sentirsi desiderati ?… dell’essere la motivazione per cui l’altro perde l’appetito? … di essere il pensiero fisso per cui l’altro non riuscirà ad addormentarsi ?…di provare quell’ansia del non sapere se, l’altro, il giorno dopo ci sarà ancora? … e la soddisfazione di preparargli la cena?

Quasi mai la cosa più semplice è la più appagante…
Quando l’uomo perde la spontaneità e la libertà di scelta si condanna alla solitudine.

*de.Sidera, chi siamo:

L’associazione di psicologia e sessuologia “de.Sidera” vuole essere uno spazio culturale di discussione di tematiche psico-sessuologiche, un momento per riflettere sulla propria sessualità, per rendersi consapevoli che il piacere, in ogni ambito, è accessibile, basta volerlo.

L’associazione “de.Sidera” è formata da psicologhe e sessuologhe e si occupa inoltre di servizi alla persona attraverso consulenze all’individuo, alla famiglia e alla coppia e fornisce servizi di consulenze ai professionisti.

Siamo a Fermignano e potete seguirci su:
www.desidera.psico@wordpress.it

www.facebook.com/desiderando

oppure contattarci su
mail desidera.info@gmail.com
cellulare 348.6516339

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>