Cinque strade tornano all’Anas, Tagliolini: “In tanti ci hanno provato, noi ci siamo riusciti”

di 

30 settembre 2016

ACQUALAGNA – “Tutti volevano che le strade ex Anas tornassero allo Stato, in tanti ci hanno provato, noi ci siamo riusciti. Da diversi anni gli amministratori chiedono allo Stato di riprendersi queste strade di grande comunicazione, supportati dai cittadini consapevoli della loro importanza. Numerosi sono stati i tentativi fatti in questi anni e sono soddisfatto di aver raggiunto, insieme ai sindaci, questo risultato. In particolare per la Flaminia, c’è stato un lavoro di squadra con i primi cittadini di Acqualagna Andrea Pierotti e di Cagli Alberto Alessandri”.

Al centro della foto il presidente della Provincia Taglioli; a sinistra il sindaco di Acqualagna Pierotti e a destra il sindaco di Cagli Alessandri

Al centro della foto il presidente della Provincia Taglioli; a sinistra il sindaco di Acqualagna Pierotti e a destra il sindaco di Cagli Alessandri

Il presidente della Provincia di Pesaro e Urbino Daniele Tagliolini firmerà nei prossimi giorni le convenzioni (con le modifiche richieste da tutte le Province su utenze e manutenzione straordinaria, che non possono rimanere in carico alle Province), per il ritorno di ben 5 strade all’Anas, che avverrà ufficialmente il 5 ottobre.

Si tratta della “Flaminia”, “Della Valcesano” (Cesanense), “Contessa”, “Apecchiese” e “Urbinate”, che potranno ora avere maggiori attenzioni dal punto di vista degli investimenti strategici per la viabilità regionale e nazionale.

Si completa così l’iter già avviato dalla Provincia il 31 maggio scorso con il verbale di consegna, adempiendo alla legge regionale 13/2015 con cui era stato previsto tale trasferimento.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>