F1 Gp della Malesia: assolo Mercedes, Ferrari in terza fila

di 

1 ottobre 2016

SEPANG (Malesia) – Mentre gli altri aspettavano la pioggia per tentare di fermali, Hamilton e Rosberg nell’ ordine se ne andavano ad occupare la prima fila per l’ennesimo monologo targato Mercedes. Monologo che a meno di sorprese, quelle che sperano da inizio anno gli altri venti piloti, si ripeterà domani in gara.

A dire il vero Rosberg è apparso in difficoltà se così si può dire, accusando problemi di aderenza della sua Mercedes, che per alcuni momenti lo hanno relegato in quinta posizione, nonostante questo il leader del Mondiale è riuscito ad ottenere la prima fila, per un’ altra dimostrazione di forza delle argentee di Stoccarda. Per il gran premio degli “altri” pole, o meglio seconda fila tutta Red Bull con Verstappen davanti a Ricciardo. I due ” bibitari” sembrano gli unici in grado di poter sfruttare un’ eventuale deffaillance delle Mercedes, assecondati da una macchina “risorta” dopo un inizio di stagione deludente con Verstappen, oggi davanti a Ricciardo, unico ad aver interrotto il dominio Mercedes, con la sua vittoria in Spagna. Capitolo Ferrari, una terza fila deludente, con Vettel quarto che precede un Raikkonen “sconsolato”, tanto che il finlandese nell’ultimo giro utile quando ha capito che non c’era niente da fare è rientrato al box. Una situazione che come ripetiamo ad ogni gara, è per certi versi  sconcertante, assodato che contro le Mercedes non c’è nulla da fare, gli unici obbiettivi rimasti erano vincere almeno un g.p. ed  il secondo posto nel Costruttori.

Allo stato attuale delle cose invece sembra che nemmeno queste due “consolazioni”  siano alla portata di Maranello, obiettivi che si allontanano con il ritorno alla competitività come detto della Red Bull. Arrivabene ed i piloti continuano a rilasciare interviste che hanno del patetico, appellandosi sempre a piccole scuse o al “famoso” passo gara della Ferrari, che tutti visti i risultati, desideriamo sapere in cosa consiste.Per gli irriducibili fans di Maranello ( e meno male che ci sono), non resta che sperare ormai nel prossimo anno, una promessa che da quasi nove anni sembra come il ritornello di quelli che decidono di iniziare la dieta lunedì,  senza specificare quale.Tornando seri l’unico leit motiv rimane la lotta fra i due galletti Mercedes e perché no anche fra quelli della Red Bull, con un Verstappen che quando fa l'” adulto”,come oggi, ed il sempre sorridente quanto veloce Ricciardo, sono in grado di offrire spettacolo al pari di Hamilton e Rosberg. Chiudiamo con gli altri che fanno parte dei “magnifici dieci” delle qualifiche di Sepang: settima e ottava la Force India, ormai di diritto fra i top team, con Perez davanti ad Hulkenberg, al nono e decimo posto i due prossimi “pensionati” , nell’ordine Button con la McLaren-Honda in continua crescita, che precede Massa con la Williams, altra delusa della stagione,  entembi da “vecchi” irriducibili le hanno suonate ai rispettivi compagni, l’inglese ad un Alonso in difficoltà eliminato addirittura nel Q1, il brasiliano alla ormai ex speranza Bottas, escluso dalla Q3 proprio dall’ex ferrarista.Diretta esclusiva Sky alle 9 di domani.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>