Il san Leo della pallavolo femminile, un sabato tra Matteo Renzi ed Eleni Kiosi

di 

2 ottobre 2016

PESARO – Lui non ha aderito alla secessione, alla voglia di Romagna che ha animato i residenti nel Montefeltro. Al contrario del paese con il nome dell’omonimo santo – San Leo – centro che s’affaccia sulla valle del Marecchia ed è diventato famoso (anche) perché vi fu imprigionato Cagliostro, il nostro Leo vive a Pesaro.

Il nostro Leo è il santo protettore delle giocatrici di pallavolo, della myCicero Volley Pesaro.

Pensate che sabato Leo ha vissuto una giornata importante. Chi lo ha incontrato ha raccontato la sua emozione di incontrare Matteo Renzi. Non è il massimo, è vero, ma Leo è un sostenitore convinto del presidente del Consiglio e delle sue scelte e merita il rispetto che si deve alle persone perbene, che non mancano neppure nel PD.

Matteo Renzi sul palco del teatro Rossini (foto Luca Toni)

Matteo Renzi sul palco del teatro Rossini (foto Luca Toni)

Dunque, sabato pomeriggio Leo Giulianelli ha raggiunto il Teatro Rossini e prestato, come sempre, la sua opera per la riuscita della manifestazione. Se osservate la fotografia che pu24.it ha pubblicato ieri e riproponiamo oggi, chi sorride di più? Sì, davanti c’è Franco Arceci che sembra Virna Lisi nella famosa pubblicità del dentifricio Chlorodont, ma subito dietro l’ex assessore Biancani c’è il volto di Leo, felicissimo di essere a un abbraccio da Renzi.

Conclusa la manifestazione, un salto a casa, una cena veloce e poi in auto, diretto all’aeroporto di Falconara. Ma no, cosa pensate, non è andato ad accompagnare Renzi. Aveva un impegno – crediamo, conoscendolo – altrettanto importante: alle ore 22,15 era previsto l’atterraggio del volo proveniente da Roma che aveva a bordo, fra gli altri passeggeri, Eleni Kiosi, la giocatrice greca ingaggiata dalla myCicero. Ritirati i bagagli, Eleni è stata accompagnata a Pesaro da Leo, che l’ha condotta a Baia Flaminia, nell’appartamento di Kasia Skowronska, oggi alla Foppapedretti Bergamo, ma in passato campionessa d’Italia con la Scavolini.

Leo è prezioso, il suo contributo impagabile.

Leo, ho problemi con la bicicletta” gli telefona una ragazza. E lui arriva a risolvere il problema.

Leo, non funziona l’impianto elettrico” e lui si precipita.

Leo Giulianelli

Leo Giulianelli

E quando c’è da montare il campo per le partite ufficiali, è soprattutto lui che si occupa della messa in opera del taraflex. In passato, anche la Robur Tiboni Urbino che giocava le coppe europee faceva ricorso alla sua capacità nell’organizzare il campo di gioco. Mai una volta gli arbitri si sono lamentati. E due anni fa, quando fu il palasport di Rimini a ospitare le finali di Coppa Italia di pallavolo femminile, chi fu chiamato per l’installazione del campo? Lui, Leo, con Fiorino e Gianfranco e Carlo, ovvero i pesaresi.

Leo Giulianelli, un santo per la pallavolo femminile.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>