L’Adriatic Arena inizia esultando: la Vuelle stende Brescia (76-63)

di 

2 ottobre 2016

Vuelle (foto Luca Toni tratta dalla pagina Fb Victoria Libertas Pesaro Basket)

Vuelle (foto Luca Toni tratta dalla pagina Fb Victoria Libertas Pesaro Basket)

CONSULTINVEST PESARO – GERMANI BASKET BRESCIA 76-63
CONSULTINVEST PESARO: Fields 16, Gazzotti 0, Cassese ne, Thornton 5, Jasaitis 7, Ceron 8, Jones 19, Serpilli ne, Nnoko 6, Zavackas 5, Harrow 10. All. Bucchi
GERMANI BASKET BRESCIA: Moore 11, Passera 0, Berggren 9, Cittadini 0, Bruttini 0, Vitali L. 15, Landry 15, Vitali M. 5, Moss 8, Bushati 0. All. Diana
ARBITRI: Begnis. Aronne, Belfiore
SPETTATORI: 4.291
PARZIALI: 20-14, 19-9, 12-18, 25-22

PESARO – Inizia nel migliore dei modi il campionato della Consultinvest, che vince con pieno merito un match dove è stata sempre avanti, col punteggio finale di 76 a 63. Sugli scudi la coppia di lunghi, con Nnoko che ha catturato 19 rimbalzi e Jones in doppia-doppia, ma anche il trio degli esterni ha disputato una buona partita, dando anche spettacolo, con Harrow e Fields. Tutto ok insomma, anche se di fronte non c’era uno squadrone ma, dopo le sofferenze degli ultimi anni, non è male iniziare col piede giusto la stagione.

Buon pubblico presente all’Adriatic Arena, con un centinaio di tifosi provenienti da Brescia, per quella che è la partita del ritorno in serie A dopo quasi trent’anni di assenza della Leonessa. Coach Bucchi schiera il quintetto che gli ha dato più garanzie, quello con Thornton e Fields da esterni, Jasaitis da ala piccola e la coppia Jones-Nnoko sotto canestro, la curva biancorossa espone un mega striscione con la scritta “Pesaro ripartiamo”, sperando che sia di buon auspicio per la stagione, i primi due punti li scrive a referto Jasaitis con un tiro dai sei metri, con Brescia che risponde con due canestri da sotto di Berggren per il 4 a 2 ospite, arriva anche la prima tripla del match, siglata da Thornton per il 7 a 6 casalingo, con la coppia di lunghi pesaresi che confeziona un paio di giochi a due, cha fanno alzare in piedi il pubblico di casa e convincono coach Diana a chiamare il suo primo timeout. Primi cambi in casa Consultinvest, con Harrow sul parquet al posto di un positivo Thornton e Ceron che prende il posto di Fields, ma ci pensa Jasaitis a riportare sul più sette (18-11) la Vuelle con una tripla dall’angolo, prima di accomodarsi anche lui in panchina. Pesaro commette il suo primo fallo dopo ben nove minuti, in un primo quarto dove i biancorossi hanno sprecato qualcosina di troppo, ma che si chiude comunque sul 20 a 14.

Thornton e Ceron segnano in entrata ad inizio del secondo quarto, per una Vuelle che vola sul 26 a 16, con un canestro spettacolare di Harrow e si porta sul 31 a 18 grazie ad una tripla frontale di un positivo Jones, che si rende utile anche a rimbalzo, sostituendo nel compito Landry Nnoko, seduto in panchina dopo aver catturato già 10 rimbalzi, Brescia rimane all’asciutto per quasi cinque minuti, grazie anche ad una buona applicazione difensiva di tutti i biancorossi e quando Berggren rompe il digiuno dalla lunetta, il tabellone segna 33 a 19 per Pesaro, con Harrow che spinge ancora sull’acceleratore, dando la possibilità alla Consultinvest di chiudere avanti il primo tempo, sul punteggio di 39 a 23.

Le statistiche di metà partita evidenziano la buona prestazione della coppia di lunghi biancorossi, con Nnoko in doppia cifra a rimbalzo e Jones arrivato a 15 di valutazione, statistica dove la Vuelle conduce per 48 a 17, grazie ad una migliore percentuale dal campo.

Pesaro ricomincia con lo stesso quintetto di inizio match, con qualche problema a ritrovare la via del canestro e il terzo fallo di Thornton da gestire, con Brescia che cerca di riavvicinarsi (39-27 al 23’), passano tre minuti e mezzo, prima che Jones in entrata spezzi il digiuno e sul contropiede finalizzato da Jasaitis, la Vuelle torna sul più sedici (43-27), in un match dove la Germani comunque sembra più convinta rispetto ai primi venti minuti. Il terzo fallo di Jones potrebbe essere un problema, soprattutto perché consente ai bresciani di riportarsi ad una sola cifra di svantaggio (46-37), con la Consultinvest che fatica sia a ritrovare la verve offensiva, sia a trovare un quintetto che funzioni, Zavackas centra la tripla dalla mattonella frontale ed è sempre il lituano a segnare in tap-in il canestro del 51 a 38. In un terzo quarto giocato praticamente alla pari dalle due squadre, che si chiude con i padroni di casa in vantaggio per 51 a 41.

Dieci minuti da giocare e dieci punti da difendere per la Consultinvest, che inizia l’ultimo quarto con un paio di pregevoli giocate, anche se dall’altra parte sale in cattedra Moore, il ritmo del match si alza improvvisamente, con Harrow che si esalta in velocità (59-48) e Fields che trova sei punti consecutivi, per il massimo vantaggio pesarese (67-50 al 35’), replicato nell’azione successiva da una tripla di Jones che vale il più 20. C’è così il tempo per lo spettacolo, con Harrow che distribuisce assist solo da scartare, e per vedere il primo canestro segnato da David Moss, dopo sei errori, Bucchi allena fino all’ultimo minuto, come è giusto che sia in questa fase del campionato e i tifosi pesaresi possono festeggiare la prima meritata vittoria dei loro ragazzi, con il punteggio finale di 76 a 63.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>