14esimo Rallylegend, inizia lo show

di 

4 ottobre 2016

Rally Legend 2015

Rally Legend 2016

REPUBBLICA DI SAN MARINO – Tutto pronto per la 14° edizione di RALLYLEGEND, come viene ormai definita da tutti la “Woodstock” dei rally, un evento quello sammarinese che non ha bisogno di aggettivi o roboanti parole per presentarsi, basta dire “Rallylegend” e a livello globale si sa di cosa si parla. Nato da un’idea dell’imprenditore-pilota Paolo Valli, sammarinese doc e di Vito Piarulli abile organizzatore di eventi nel motorsport, cresciuto a pane e motori. Di anno in anno la loro creatura da semplice rimpatriata e revival per piloti e macchine che hanno fatto la storia dei rally è diventato un “viaggio” nel tempo di quella che è una delle specialità più affascinanti delle corse.

Il “Legend” è un mix unico che soddisfa gli appassionati da quelli con qualche capello grigio ai giovani, che rivivono momenti ed emozioni passate come se l’orologio si fosse fermato, potendo al tempo stesso assaporare le emozioni del presente, rappresentate al “Legend” dalla VW POLO WRC, dominatrice del Mondiale degli ultimi anni e dalla HYUNDAI R20, antagonista della Volkswagen. Anche quest’anno quattro giorni di full immersion, un lungo week-end che parte giovedì 6 e termina (purtroppo) domenica 9, con un programma coinvolgente, dagli appuntamenti della “Rallylegend Arena”, alle varie parate, dibattiti, presentazioni di libri e ricordi di piloti che ci hanno purtroppo lasciato, come il campione riminese “Pucci” Gross, scomparso di recente, ricorrenze più piacevoli come la storia di Alitalia, sponsor che ha legato il proprio marchio ai successi mondiali di Lancia e Fiat, fino al momento clou, ovvero il rally.

La Lancia Stratos

La Lancia Stratos

Sfondato il tetto delle 160 iscrizioni, si potranno ammirare le auto che hanno fatto la della specialità, tanto per citarne alcune, le “nostre” Lancia Stratos, Delta S4 ,037 e ancora Delta con le varie versioni che hanno vinto titoli mondiali a ripetizione, oltre alla “mitica” Fulvia HF, che ha dato il là all’epopea della casa di Chivasso. Sempre di “nostra” produzione, la Fiat 131 Abarth, anch’essa pluri iridata, che quest’anno al “Legend” festeggia il quarantesimo compleanno, la 124 Abarth, le piccole “bombe” A112 sempre griffate con lo “Scorpione”. Ad emozionare e contendere la scena una schiera di Audi 4, nelle varie versioni, Porsche, Peugeot, Citroen, Ford Escort RS e Cosworth, sempre per l’ovale blu le Sierra anche loro Cosworth, Renault, B.M.W. e la Golf, che sarà anche lei celebrata per un altro importante traguardo, mentre dal “Sol Levante” arrivano Subaru e Toyota. Ancora più complicato citare tutti i piloti, o meglio i campioni presenti a San Marino, da Munari, Biasion, Pregliasco e Verini, ai più “freschi di gloria” Longhi e Navarra e ancora Luigi Battistolli in arte “Lucky”, “Pedro” Pedretti, “Toto” Riolo, tutti quest’ultimi ancora in attività e vincenti nei Campionati rally storici Italiano ed Europeo.

131 Abarth Alitalia

La Fiati 131 Abarth Alitalia

Non potevano mancare come sempre le “leggende” come Marku Alen, Jukka Kankunnen e Timo Salonen, oltre a Panizzi, Swarz, Gronholm, Trelles e tanti altri dal palmares d’oro. Aggiungiamo anche oltre 230 richieste di accredito da sedici nazioni e senz’altro domenica sera si conteranno come ogni anno, a decine di migliaia le presenze di spettatori che invaderanno pacificamente la Repubblica del Titano, questo per dare la dimensione del “Rallylegend”, sempre più unico sempre più spettacolare.

Per il programma completo del week-end, dalle manifestazioni statiche ,l’elenco iscritti, al percorso e orari di gara, vi invitiamo a consultare il sito ufficiale www.rallylegend.com, dove si possono trovare anche delle emozionanti iniziative che coinvolgeranno dei fortunati spettatori. PU 24 sarà presente come sempre per raccontarvi da “dentro” l’emozione di Rallylegend.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>