Che peccato Vuelle: a Torino nel finale vince la Fiat (83-79)

di 

9 ottobre 2016

FIAT TORINO – CONSULTINVEST PESARO 83-79
FIAT TORINO: Wilson 0, Harvey 3, Wright 20, White 24, Parente 0, Alibegovic 15, Poeta 7, Washington 11, Okeke 0, Fall 0, Mazzola 3. All. Vitucci
CONSULTINVEST PESARO: Fields 18, Gazzotti 3, Cassese ne, Thornton 10, Jasaitis 8, Ceron 8, Jones 22, Serpilli ne, Nnoko 7, Zavackas 3, Harrow 0. All. Bucchi
ARBITRI: Lo Guzzo, Weidmann, Borgioni
PARZIALI: 21-19, 20-21, 12-21, 30-18

PESARO – Sfuma negli ultimi secondi la possibilità della Consultinvest di espugnare Torino, con Ceron che fallisce la tripla del pareggio, al termine di un match dove la Vuelle ha condotto anche con otto punti di margine, prima di subire il rientro della Fiat nell’ultimo quarto, con i padroni di casa trascinati da Wright e Alibegovic, due ex che hanno fatto molto male a Pesaro. Un peccato, perché sarebbe bastato un Harrow decente – zero punti – e un Thornton più in palla, per portare a casa i due punti, in un match dove Jones è stato a tratti dominante (22 punti e 16 rimbalzi) e dove Fields e Jasaitis hanno dato un buon contributo, mentre Nnoko è stato limitato dai falli. Niente di grave comunque, perché la Consultinvest ha dimostrato di poter combattere ad armi pari anche in trasferta e domenica prossima proverà a fare lo sgambetto ad una Cantù che ha preso venti punti da Brescia.

Buon colpo d’occhio al PalaRuffini per il debutto stagionale dell’Auxilium, con la Vuelle che schiera lo stesso starting five di sette giorni fa, con Jasaitis sul parquet, dopo aver recuperato dalla botta al ginocchio subita martedì in allenamento, partono bene i padroni di casa, sfruttando qualche errore offensivo di troppo dei biancorossi, che sbloccano il tabellone grazie ad una tripla di Jasaitis e sull’entrata di Fields si portano sul 5 a 4. Nnoko commette un prematuro secondo fallo, che costringe Bucchi a richiamarlo in panchina, inserendo Zavackas in quintetto e l’attacco pesarese si affida ancora a Fields, che dai cinque metri insacca il 9 a 8 ospite e nell’azione successiva trova la tripla centrale che vale il 12 a 10, mentre Jones fatica a liberarsi dentro l’area, ben marcato dalla difesa ospite. Entra anche Harrow, al posto di un evanescente Thornton e su una schiacciata in contropiede di White, il punteggio torna in parità a quota 14, mentre Harrow si fa subito notare con un assist al bacio per Jones, in un primo quarto giocato discretamente dalle due squadre, che si chiude sul punteggio di Fiat 21 – Consultinvest 19.

C’è anche Ceron nel quintetto che inizia il secondo quarto e il numero 17 biancorosso, si iscrive subito a referto con la tripla del 22 a 21, in un match che continua a mantenersi equilibrato, dove si fa notare Jones con due semi ganci di buona fattura e su una stoppata dello stesso Jarrod, Ceron vola in contropiede per il 28 a 23 ospite, anche se la Fiat non molla un centimetro e con la tripla di Alibegovic si riporta sul meno due, coach Bucchi cambia la coppia di lunghi, composta adesso da Gazzotti e Nnoko, che rientra sul parquet giusto in tempo per commettere il suo terzo fallo e su un’altra tripla segnata da Alibegovic, la Fiat rimette il naso avanti (33-32 al 16’), vantaggio annullato dalla tripla di capitan Gazzotti che vale il 35 pari, in un secondo quarto giocato sulla falsariga del primo, con le due squadre che non sono riuscite a piazzare un break e che si conclude con Torino avanti per 41 a 40.

Le statistiche di metà partita evidenziano la buona verve di Fields, arrivato a quota 12 punti e la concretezza di Jones (8 punti e 9 rimbalzi), in una Vuelle che ha potuto schierare Nnoko per soli 4 minuti, fermato dai falli, e che è andata in lunetta una sola volta. Sostanziale parità in tutte le altri voci statistiche, con Pesaro che ha catturato due rimbalzi in più (17-15) e che sta tirando con una percentuale dal campo, vicina al 50% (17 su 36).

C’è Zavackas nel quintetto che inizia il secondo tempo per la Vuelle, che torna in vantaggio grazie a quattro punti consecutivi firmati Jasaitis (41-44) e finalmente si vede anche Thornton con la tripla del 47 a 43 e un assist per Jones che vale il massimo vantaggio pesarese (43-49), che diventa più sette, sempre grazie a Jarrod Jones (14 punti), con Pesaro che fallisce un paio di ghiotte occasioni per dilatare ulteriormente il punteggio e deve subire il ritorno dei padroni di casa, che con Wright e White tornano sul meno due (53-55). L’attacco biancorosso è tutto nelle mani di Jones, con gli esterni che faticano a trovare la via del canestro, anche se un tecnico fischiato a Mazzola – fuori per falli – consente a Pesaro di segnare i liberi del 59 a 53, in un terzo quarto che la Consultinvest chiude in vantaggio per 61 a 53.

Il PalaRuffini si scalda per qualche decisione arbitrale non favorevole ai padroni di casa, ma ineccepibili a norma di regolamento e la Fiat in un amen si riporta a meno tre grazie a cinque punti consecutivi di Chris Wright, con coach Bucchi che prova a schierare i suoi a zona per preservarsi dai falli ed inserisce sul parquet Ryan Harrow, ancora fermo a zero punti. E’ sempre Jones a muovere il tabellone della Vuelle, dopo tre minuti di digiuno offensivo e dopo due triple sbagliate colpevolmente da Harrow, il punteggio torna in parità a quota 63 con sei minuti ancora sul cronometro, mentre si aspetta che la Vuelle trovi il primo canestro di un periodo nel quale è arrivata a sette errori consecutivi, mentre Harvey dall’angolo centra la tripla del 66 a 64 casalingo, portando i padroni di casa avanti per la prima volta nella ripresa, grazie a quattro punti consecutivi di Peppe Poeta che valgono il 70 a 66 a duecento secondi dalla sirena. Thornton segna due liberi, ma la difesa a zona pesarese non regge e deve subire la tripla di Wright del 73 a 68, ma un fallo tecnico fischiato a White consente a Ceron di segnare tre liberi e a Jones di segnare in gancio il canestro del 73 pari. Ci pensa Alibegovic a rompere la parità con una tripla da sette metri, con Pesaro che reagisce prontamente grazie a Fields e si entra nell’ultimo minuto con la Fiat avanti 76 a 75, Wright segna due liberi per il nuovo più tre casalingo, ma la tripla tentata da Jones viene stoppata, consentendo ancora a Wright di segnare in entrata l’80 a 75 a venti secondi dal termine. Dopo il timeout, Thornton infila subito la tripla del 78 a 80 e la Vuelle deve ricorrere naturalmente al fallo sistematico, mandando in lunetta Washington che segna un libero che vale il più tre Torino. Sul meno tre, Ceron sbaglia la tripla del pareggio, ma Jasatis cattura il rimbalzo offensivo e subisce fallo, segnando il primo libero e sbagliando apposta il secondo per cercare di catturare il rimbalzo offensivo, mancando solo quattro secondi, ma la palla finisce nelle mani di Alibegovic, che corona una grande partita, segnando il liberi della sicurezza, che fissano il punteggio sul 83 a 79 per la Fiat.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>