Gestione del museo? Molto più sostegno politico. La replica di Pergola Unita ad Amerigo Varotti

di 

11 ottobre 2016

PERGOLA – Dall’Associazione Pergola Unita riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato stampa in replica al precedente intervento del direttore provinciale di Confcommercio Amerigo Varotti (rileggi qui) pubblicato ieri su Pu24:

Capiamo che continuare a ricevere tutti gli anni “SENZA GARA D’APPALTO” e quindi senza concorrenti, la gestione del museo dei Bronzi Dorati di Pergola possa far gola ed è forse è proprio per questo metodo di assegnazione che contestiamo che Confcommercio è sempre pronta a salire sugli scudi contro Pergola Unita.

Visto che Varotti si dice molto attento alla forma allora sarebbe stato piò opportuno se, con lo stesso tempismo con il quale scrive articoli sul giornale, avesse risposto anche al nostro invito a partecipare alla celebrazione dei 70 anni dal ritrovamento dei Bronzi, cosa che NON HA MAI FATTO.

Strano poi che abbia contattato proprio il suo “amico” Renato Minardi, che però secondo Baldelli è un NEMICO DI PERGOLA, per congratularsi e inviare il progetto con cui grazie al nostro interessamento arriveranno ben 100.000 € al museo. A noi piuttosto risulta proprio il contrario.

Ma aldilà di questo e dell’atteggiamento piccato di Varotti, vorremmo soffermarci sulle inesattezze o forse è meglio chiamarle bugie, che egli dice in merito a quanto abbiamo scritto a pagina 16 del nostro programma elettorale. Come potete leggere Voi stessi, NON abbiamo mai scritto quanto Varotti sostiene. Ecco qui la pagina 16 e tutto il programma: http://www.pergolaunita.it/fileadmin/documenti/Programma%20Pergola%20Unita.pdf

Per quanto riguarda poi il resto siamo felici che Varotti riconosca finalmente l’esistenza di queste risorse, smentendo completamente Baldelli e certificando che le cose stanno proprio come diciamo noi da tempo e a stando alle parole di Varotti sembrerebbe che Baldelli abbia allora proprio mentito ai cittadini sapendo di mentire, perché se Varotti dice di essersi subito attivato dopo aver visto la notizia sui giornali assieme al sindaco, c’è da chiedersi come mai allora Baldelli e i suoi assessori sono andati sul giornale a dire proprio nello stesso periodo che non fosse vero nulla! Ci permettiamo anche di consigliargli di migliorare anche la comunicazione interna e di dirlo anche al suo collega Ippaso che solo alcuni giorni dopo la nostra celebrazione dei 70 anni, etichettava questa operazione come una “bufala”. È chiaro a tutti che il supporto di Confcommercio all’amministrazione Baldelli è soprattutto di carattere politico, questo passaggio ne è stata solo un ulteriore conferma.

Per quanto ci riguarda, continueremo a tenere la linea per la quale il rinnovo della convenzione per la gestione del Museo avvenga attraverso una gara d’appalto e valutando alternative perché la gestione dei Bronzi Dorati non è solo questione economica, oltre ai costi di gestione devono essere valutate anche le opportunità che una gestione può offrire. Varotti si può sbattere quindi quanto vuole ma noi terremo sempre la nostra linea fatta di chiarezza e rispetto nei confronti dei cittadini, e non di mezze verità come quelle che egli ed il suo alleato Baldelli raccontano per sostenersi a vicenda.

Nel frattempo chiediamo alla giunta Baldelli e all’amico Varotti di essere però più puntuali quando parlano di numeri e di ingressi e di non ostentarli come spot elettorali ma con precise analisi. Perché non citano mai il dettaglio dei biglietti staccati? I cittadini potrebbero scoprire ad esempio che degli 11.089 ingressi al museo nel 2015, quelli gratuiti sono stati ben 1.269 pari all’11,44% del totale. Scoprirebbero anche che, sempre nel 2015 gli ingressi sono stati ben 774 in meno del 2014 e che i biglietti a prezzo intero hanno rappresentato soltanto il 25,62% del totale. Non proprio un risultato eccellente.

Stefano Cuccaroni e Mattia Priori a colloquio con il ministro Franceschini

Stefano Cuccaroni e Mattia Priori a colloquio con il ministro Franceschini

Vorremmo inoltre sottolineare come gli stessi funzionari Confcommercio, a fine marzo 2016, dopo che avevamo richiesto di poter visionare mensilmente i dati relativi agli ingressi del Museo dei Bronzi Dorati, hanno arbitrariamente smesso di inviarli all’ufficio comunale competente, adducendo, solo dopo nostre richieste di chiarimenti, che stavano valutando possibili variazioni alle modalità di rendicontazione, il tutto in barba alla convenzione approvata dal Consiglio Comunale. Dopo anni, una gestione ben consolidata e funzionale viene modificata misteriosamente ed in maniera inizialmente unilaterale da Confcommercio e guarda caso proprio dopo che Pergola Unita ha chiesto di ricevere i dati con regolarità.

Insomma, Confcommercio sembra aver sposato appieno la discutibile linea comportamentale dell’amministrazione Baldelli, anziché astenersi dalla contesa politica del nostro comune.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>