Matteo Bertini alla vigilia del debutto della MyCicero Volley Pesaro: “La prima è sempre un’incognita, ma vogliamo esordire nel migliore dei modi”

di 

15 ottobre 2016

La myCicero al gran completo: tutti sognano una grande stagione (Foto Eleonora Ioele)

La myCicero al gran completo: tutti sognano una grande stagione (Foto Eleonora Ioele)

PESARO – Manca la… nuova rete con gli sponsor della Lega Pallavolo Serie A Femminile, ma le colibrì ci sanno fare anche da trapeziste, mostrando di essere pronte per il debutto nel Grande Circo della serie A2. Un campionato che s’annuncia di alto livello, probabilmente superiore  al precedente, quando soprattutto Forlì e Soverato fecero corsa a due, anche se Le calabresi crollarono in dirittura d’arrivo, lasciando spazio alla Saugella Monza che alla fine esibì “giocolieri” con maggiore controllo del corpo e dei nervi e conquistò, con pieno merito, la promozione in A1.

Manca la… nuova rete perché fino a ieri sera a Campanara non era arrivata, tanto che oggi Leo Giulianelli – deus ex machina della preparazione del campo di gioco, ma non solo – e i suoi compagni di fatica avranno tanto lavoro da fare per allestire la “casa” delle colibrì,, sperando che il taraflex – fino a ieri custodito sotto la tribuna est del PalaCampanara – non faccia scherzi.

Lo sapremo con certezza domani, alle ore 17, quando myCicero Volley Pesaro e Omia Cisterna scenderanno in campo per la prima partita della stagione 2016/17. Finalmente…

Matteo Bertini è pronto a dare gas fin dal primo dei 26... giri della stagione regolare (Foto Eleonora Ioele)

Matteo Bertini è pronto a dare gas fin dal primo dei 26… giri della stagione regolare (Foto Eleonora Ioele)

Finalmente, sì – conferma Matteo Bertini, allenatore della myCicero -: abbiamo bisogno di respirare l’aria del campionato. L’abbiamo annusata allenandoci a Campanara, anche se, come le ho detto le scorse settimane – il PalaSnoopy è eccezionale e ci ha permesso di allenarci nel migliore dei modi. Non vediamo l’ora di scendere in campo e di misurarci con le nostre avversarie Lo faremo con grande entusiasmo e tanta voglia di fare bene”.

Curiosa coincidenza: avete salutato la precedente stagione regolare vincendo a Cisterna. Aprite la nuova stagione ospitando la squadra pontina, che – lo scriviamo senza offender alcuno – se non altro porta bene al Volley Pesaro: due stagioni fa la superaste nei playoff guadagnando la promozione in A2; lo scorso campionato vinceste l’ultima gara della stagione regolare proprio a Cisterna, conquistando il quinto posto e quindi il diritto di giocare il primo turno dei playoff con il vantaggio del fattore campo. Non ci fu bisogno di utilizzare l’opportunità perché vi sbarazzaste in due sole partite della Vol’Alto Caserta. L’Omia si presenterà a Pesaro con un volto completamente nuovo. Che sfida vi attende?
Ci troveremo di fronte a una buona squadra, giovane e ricca d’entusiasmo. Incontrare all’inizio della stagione, anzi alla prima partita, questo tipo di squadre rappresenta un’incognita; come cercare di realizzare un terno al lotto. Squadre come Cisterna hanno nelle loro corde la possibilità di sfoderare una grande prestazione. Abbiamo visto alcune loro amichevoli, ma, come tutte le le partite di precampionato, hanno offerto poche indicazioni, non consentendoci di studiare il loro gioco. Abbiamo preparato qualcosa, ma saremo in grado di cambiare in corsa se Cisterna mostrasse un’altra faccia rispetto a quella che conosciamo al momento”.

Il regolamento consente di tesserare due giocatrici straniere. Brescia e al momento Palmi schiereranno solo italiane. Voi, Caserta (Percan), Chieri (Leggs), Legnano (Coneo), San Giovanni in Marignano (Vyazovik), SettimoTorinese (Vilcu).

Come Filottrano (Scuka e Vanzurova), Mondovì (Bici e Milanovic), Olbia (Whitaker e Radonjic), Soverato (Fedele e Karakasheva) e Trento (Nomikou e Kijakova), l’Omia ne ha tesserate due: la brasiliana Jessica Lorena Ventura Ferreira e la serba Ivana Bulajic. Può dirci qualcosa sulle straniere di Cisterna?
La brasiliana è un’ottima giocatrice, in particolare una buona attaccante. Finora nelle amichevoli è stata schierata sia posto 2 che posto 4; vedremo in quale posizione giocherà a Pesaro. La serba è una centrale molto valida dal punto di vista offensivo. Loro due, con Barboni e Maruotti, garantiscono all’Omia efficienza in attacco”.

Sensazioni a poche ore dal debutto?
La prima partita è sempre un’incognita, ma ci teniamo a esordire nel migliore dei modi davanti al nostro pubblico”.

Prima della partita, ancora due allenamenti per le colibrì: oggi (seduta video più lavoro tecnico); domani mattina rifinitura. Questo pomeriggio era attesa a Campanara anche Sara Anzanello, la fortissima giocatrice azzurra che tre anni fa, mentre giocava in Azerbaigian, era stata costretta a tornare d’urgenza in Italia per sottoporsi a trapianto di fegato e che lo scorso gennaio aveva ripreso a giocare. A Pesaro ospite del Panathlon della presidente Barbara Rossi, Sara ha espresso il desiderio di salutare le ragazze e Matteo Bertini.

Come già tre anni fa, un grande abbraccio a Sara Anzanello.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>