Ottobre rosso Vuelle: vince Cantù 77-68

di 

16 ottobre 2016

Una immagine di Cantù-Pesaro

Una immagine di Cantù-Pesaro

RED OCTOBER CANTU’ – CONSULTINVEST PESARO 77-68
RED OCTOBER CANTU’: Baparapè ne,  Parrillo ne, Laganà ne, Waters 14, Pilepic 17, Callahan 3, Kariniauskas 5, Darden 14, Quaglia ne, Travis 2, Johnson J. 11, Lawal 11. All. Kurtinaitis
CONSULTINVEST PESARO: Fields 8, Gazzotti 0, Cassese ne, Thornton 13, Jasaitis 2, Ceron 2, Jones 21, Serpilli ne, Nnoko 6, Zavackas 6, Harrow 10. All. Bucchi
ARBITRI: Sabetta, Biggi, Paglialunga
PARZIALI: 23-25, 18-15, 20-10, 16-18

CANTU’ (Como) – Niente da fare per la Vuelle, che rimedia la seconda sconfitta consecutiva in trasferta, sul parquet di Desio, con Cantù che mette la freccia nel terzo quarto e piazza il break che ha di fatto deciso un match che la Red October si aggiudica col punteggio di 77 a 68. Benino Jones e Thornton per Pesaro, con Nnoko che è andato a sprazzi, come Zavackas, mentre Jasaitis è stato evanescente. Poche note positive purtoppo arrivano da questa trasferta, per una Consultinvest attesa domenica prossima dal delicato match contro Avellino.

Pesaro parte col solito quintetto, compreso il recuperato Jasaitis, ma è dei padroni di casa il primo canestro, grazie ad una schiacciata di Lawal,  con Cantù che tenta l’allungo sul 7 a 2, con un contropiede finalizzato da Darden, ma la Vuelle è brava a rispondere subito e con un parziale di 6 a 0 firmato Fields, si porta avanti sull’8 a 7, costringendo coach Kurtinaitis a chiamare un  timeout, che dà buoni frutti (11-8). La difesa biancorossa concede qualcosina di troppo e sul 13 a 10 è il turno di coach Bucchi di chiamare il suo primo timeout e di effettuare I primi cambi, inserendo sul parquet Zavackas e Harrow che si fanno notare con un canestro a testa, consentendo alla Vuelle di tornare avanti sul 15 a 13. Si scaldano le mani, con Jones che infila una tripla da otto metri e al 7’Il tabellone recita 18 pari, prima che la coppia di nuovi entrati biancorossi,  ripiazzi un parzailino di 5 a 0 (18-23), con Zavackas alla sua seconda tripla di giornata. Si segna parecchio, in un primo quarto giocato a buoni ritmi, che si conclude sul punteggio di Pesaro 25-Cantù 23.

Thornton segna in arresto e tiro dai conque metri, ma è sotto canestro che la difesa biancorossa accusa qualche passaggio a vuoto, con tre canestri consecutivi concessi ad un metro dal ferro per il 29 a 27 Cantù, con l’attacco ospite che resta senza segnare per oltre tre minuti, emoraggia fermata con un solo libero segnato da Thornton e che consente alla Red October di raggiungere il suo massimo vantaggio ,con la tripla di Pilepic del 34 a 28, Jones trova due buoni canestri, ma è in difesa che le cose continuano a non funzionare, con troppa libertà concessa ai tiratori canturini, che ringraziano e portano la Red October sul 41 a 32. Un paio di belle iniziative firmate Thornton e Jasaitis riportano a meno cinque la Vuelle, che sfrutta anche un antisportivo fischiato a Pilepic, per piazzare un break di 8 a 0 che fissa il punteggio del secondo quarto sul 41 a 40 per Cantù.

Le statistiche di metà partita evidenziano gli 11 punti messi a segno da Thornton e una sostanziale parità a rimbalzo (15-14 Pesaro), con la Vuelle che sta tirando col 50% dal campo.

Si ricomincia con la Rec October che piazza subito un parzaile di 5 a 0, sfruttando il terzo fallo – antisportivo – fischiato a Nnoko, mentre Pesaro trova punti solo da Jones e continua ad avere problemi in fase difensiva, con I padroni di casa che continuano a segnare triple su triple e sull’ennesima messa a segno da Pilepic, Cantù raggiunge per la prima volta la doppia cifra di vantaggio (54-44 al 25’), dando l’impressione di poter controllare il match. Si rimane senza segnare per un paio di minuti, avvantaggiando la formazione avanti nel punteggio, con l’attacco pesarese fermo a soli sei punti segnati, subendo tre stoppate consecutive da Johnson e Cantù, senza fare niente di trascendentale, chiude meritatamente avanti il terzo quarto sul punteggio di 61 a 50.

Ci sarebbe tutto il tempo per recuperare undici punti di svantaggio, a patto che la Vuelle scenda sul parquet con un atteggiamento diverso da quello di un terzo periodo giocato veramente sottotono, ma Pesaro non sembra in giornata, con la Red October che mantiene tranquillamente la doppia cifra di vantaggio (67-56 al 33’), Gazzotti si fa notare per un paio di cross, con l’attacco biancorosso che vive di azioni individuali, con Jones che fa sempre la sua parte, ma non basta per ridurre uno svantaggio che continua ad essere consistente (75-64 al 37), c’è il tempo per vedere un paio di palle perse firmate Harrow e Thornton e ci si avvia verso la sirena finale che sancisce la meritata vittoria di Cantù col punteggio finale di 77 a 68.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>