Controlli della Polstrada: raffica di multe per uso del telefonino alla guida

di 

18 ottobre 2016

PESARO – Fine settimana intenso per la Polizia Stradale di Pesaro che ha svolto una capillare operazione di controllo che ha portato ad elevare 252 contesti.

polizia-controlli-su-stradaIl Comando Provinciale della Polstrada di via Gagarin, sotto la direzione del Vice Questore aggiunto Antonio Colantuono ha impiegato 63 pattuglie che hanno sottoposto a verifica complessivamente oltre 560 veicoli. Tra questi , spiccano ben 292 mezzi pesanti , per i quali sono state elevate complessivamente 115 contravvenzioni ( infrazioni per mancato rispetto dei tempi di guida -Art.174 Cds – e diverse irregolarità ed omissioni relative alla registrazione con gli apparati di cronotachigrafo -Art.19 legge nr.727/789 )   e 21 autobus , durante i controlli dei quali sono emerse irregolarità che hanno portato ad elevare 8 contesti .

A carico di automobilisti di vetture private nelle sole giornate di venerdì e sabato scorso, sono state verbalizzate ben 35 sanzioni per l’uso di telefono (art.173, II e III , CdS ) durante la guida ad altrettanti conducenti che si vedranno decurtare 5 punti dal titolo di guida, oltre l’onere del pagamento dei previsti 161 euro.

Dall’analisi dell’incremento degli incidenti attribuibili a distrazione, emerge in maniera sempre più evidente, che il nemico numero uno per chi guida rischiano di diventare proprio gli smartphone e i social network. Una vera droga per chi è al volante, distratto da sms, selfie ed email. Oltre a distrarsi e distogliere lo sguardo dalla strada, infatti, quando si usa il cellulare si tende ad abbandonare – almeno con una mano – il volante limitando inevitabilmente anche la mobilità dell’altra. Inoltre il guidatore che usa il cellulare tende spesso a rallentare, in modo eccessivo e repentino, valuta approssimativamente le distanze di sicurezza, reagisce meno prontamente ai cambiamenti di velocità dell’eventuale veicolo che precede, tende ad usare di meno gli specchietti retrovisori .

polizia-controlliPer scongiurare tale atteggiamenti, la Sezione di Polizia Stradale di Pesaro – unitamente alle sue unità operative distaccate territorialmente – ha attuato una serie di servizi, su tutto il territorio pesarese, utilizzando auto con colori di serie – piuttosto che con i classici colori d’istituto – ma con a bordo personale rigorosamente in divisa, che una volta intercettata l’infrazione – e cristallizzata ineccepibilmente – ferma l’autovettura e contesta al conducente la violazione.

Non sono mancate, in questa circostanza , giustificazioni e supposte emergenzialità da parte dei contravventori, che tuttavia non hanno potuto trovare la tolleranza degli Agenti che ricordano all’utenza , che accostarsi al ciglio della strada e fermarsi per rispondere richiede un tempo ed un impegno di manovra che spesso evita conseguenze ben più gravi . A tale proposito, la Polizia Stradale, ha già avviato sul territorio nazionale un’iniziativa diffusa su web, social network e radio con lo slogan “Se non rispondi non muore nessuno. Quando guidi , #guidaebasta “ .

Nell’ambito degli stessi servizi di prevenzione, sono stati, inoltre fermati e sanzionati ben 15 automobilisti , che oltre a far uso del telefonino alla guida sono stati colti incuranti anche dell’obbligo di far uso delle cinture di sicurezza – per ognuno di loro è stata sommata anche la sanzione di 81 euro e avviata la procedura di decurtazione di ulteriori 5 punti dalla patente. (art.172, I e X CdS).

Contestualmente all’attività programmata, la Squadra Investigativa di questa Sezione di Polizia Stradale ha rinvenuto venerdì 14 ottobre, dopo una brillante e tempestiva attività di ricerca e localizzazione , due pregiate autovetture Mercedes GLA rubate . Entrambi i mezzi , nuovi, di proprietà di una ditta tedesca venivano denunciati come rubati fin dalle prime ore del giorno 14 stesso, in Germania.

poliziaDopo aver riscontrato il rintraccio – quasi in tempo reale – dei veicoli nel Sistema Informativo su rete europea ,   i componenti della Polstrada sono riusciti a captare per uno dei due mezzi, l’unico impulso di geo-localizzazione che verosimilmente ne anticipava il tentativo di manomissione e distacco, proprio sul territorio pesarese ed in centro città, all’altezza di via Cavallotti. Poco dopo una delle due autovetture è stata rinvenuta immediatamente fuori dal centro abitato, sulla SS16.

Sulle circostanze e modalità in cui il veicolo è stato ritrovato, gli investigatori della Polstrada di via Gagarin stanno acquisendo, nelle ultime ore, ulteriori spunti deduttivi. L’altro veicolo, poco più tardi, ancora dotato di GPS funzionante , è stato rinvenuto a Forli’ dalla Sezione della Polizia Stradale del posto. Sulle auto, immediatamente sequestrate, si stanno eseguendo diversi rilievi e riscontri sui cui seguiti e risvolti investigativi ci si riserva .

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>