Pesaro ricorda il 60esimo anniversario della tragedia di Marcinelle attraverso Giovanni Marinelli

di 

19 ottobre 2016

PESARO – Venerdì 21 ottobre alla biblioteca San Giovanni alle 17.00, si svolge l’appuntamento “Conversazioni”, Marcinelle: 1956-2016. Giovanni Marinelli.

Il sindaco di Pesaro Matteo Ricci, il presidente del Consiglio comunale Luca Bartolucci, Andrea Tinterri direttore delle BAG Gallery, Christina Magnanelli Weitensfelder, responsabile generale della Art Company Bildung, dialogheranno sull’attualità del tema dell’immigrazione e del lavoro.

Si confronteranno con loro anche Jean-Louis Delaet direttore del Bois Du Cazier a Marcinelle e Carlo Briscolini sindacalista e segretario regionale generale FGTB.

L’evento sarà anche occasione per presentare il catalogo “Marcinelle: 1956-2016. Giovanni Marinelli” che racconta la mostra “Marcinelle: 1956 – 2016. L’exposition” del fotografo italiano Giovanni Marinelli, inaugurata il 7 ottobre al polo museale Bois Du Cazier – Charleroi (Belgio). Curata dal critico Andrea Tinterri, direttore delle BAG Gallery e organizzata da Zeitgeist Art Exhibit Group.

L'opera di Marinelli Bois du Cazier

L’opera di Marinelli Bois du Cazier

L’iniziativa è dedicata al ricordo dell’incidente avvenuto in Belgio l’8 agosto del 1956 nel quale morirono 262 persone, tra cui 136 italiani, 13 marchigiani. Nella miniera di carbone di Bois du Cazier a Marcinelle, in Belgio, scoppiò un incendio, si salvarono solo dieci minatori tra tutti quelli al lavoro quel giorno.

L’ avvenimento è ancora vivo nella memoria dei lavoratori italiani immigrati in Belgio dopo la seconda guerra mondiale.

Per maggiori informazioni: BAG GALLERY via Passeri 95 Pesaro | bag.gallery.pesaro@gmail.com

 

“Conversazioni”, Marcinelle: 1956-2016. Giovanni Marinelli

Patrocini e Collaborazioni:

MIBACT, Regione Marche, Provincia Pesaro Urbino, Comune di Pesaro e Urbino,

Confindustria Pesaro Urbino, Camera di Commercio Pesaro e Urbino, Ambasciata d’Italia a Bruxelles, Istituto Italiano di Cultura Bruxelles, Comune di Charleroi, Polo Museale Le Bois Du Cazier, Biblioteca San Giovanni di Pesaro, Greta Edizioni, #AImagazine – The Art Review

 

 

Giovanni Marinelli

Pesaro, 1945. Vincitore di numerosi premi, uno tra i quali il Premio internazio­nale Giotto nel 2009. Il lavoro di Marinelli è citato in libri d’ar­te ed enciclopedie. Il 2011 vede la sua partecipazione alla 54esima esposizione Biennale internazio­nale d’arte di Venezia. Nel 2012 l’esposizione al Museo Nazionale Alinari della fotografia di Fi­renze. Viene selezionato a Foto­grafia Europea 2013 di Reggio Emi­lia. Testimonial ufficiale dell’Associazione Nazionale ‘Gli Onconauti’.Vive e lavora a Pesaro.

 

Bag Gallery

Due le sedi: Pesaro e Parma. Un contenitore libertario dove comprendere anche la discussione, il dibattito, il contraddittorio. “Le BAG GALLERY sono contenitori sperimentali polifunzionali che comunicano con l’esterno”. Il marchio BAG GALLERY promuove il lavoro artistico con nuove e stimolanti forme in grado di avere un impatto sulla fotografia, sull’arte contemporanea e sulla cultura in generale. Presso le BAG GALLERY avviene l’incontro tra l’opera d’arte e l’esperienza possibile che ne può scaturire. Impegno, creatività e buon gusto il resto degli ingredienti.

 

Polo museale Bois du Cazier

Il Bois du Cazier, la miniera di Marcinelle pochi km a sud di Charleroi, è luogo di vita e di incontro sullo sfondo di uno storico patrimonio industriale.

Luogo del tragico incidente minerario, il sito riconvertito in museo è suddiviso in 3 diverse sezioni: lo Spazio 8 agosto 1956, in ricordo dei minatori morti nell’incidente; il Museo del Vetro con la sua prestigiosa collezione; il Museo dell’Industria dedicato all’epoca della Rivoluzione Industriale.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>