Farina, pizzeria con cucina, ha fatto tris con Paolo Bissaro, chef de La Canonica. Ma che successo per i dolci di Matteo Ghigino, lo chef di casa

di 

21 ottobre 2016

Paolo Bissaro all'opera mercoledì sera da Farina: ennesimo successo per la nota pizzeria pesarese

Paolo Bissaro all’opera mercoledì sera da Farina: ennesimo successo per la nota pizzeria pesarese

PESARO – Non c’è due senza tre… chef. Farina, Pizzeria con Cucina, ha fatto tris, in attesa del poker, del gran finale di una iniziativa che ha attirato l’attenzione di un modo che da qualche anno – grazie ai canali televisivi, più o meno tematici – è diventato protagonista delle cronache, contendendo la notorietà a calciatori, veline e granfratellisti (orribile, vero? Come il programma).

Però, in un mondo dove anche il cibo è urlato, operano anche persone che preferiscono lo “slow”, il lento, il piacere di cucinare, dando spazio ai prodotti del territorio, agli ingredienti locali, al chilometri zero che esalta la qualità di allevatori, coltivatori, vignaioli, birrai. Che da Farina trovano la loro “casa”, il “nido”. E magari consumatori che apprezzano, che non inseguono, anzi aborrono, il cibo veloce, ma privo di anima.

E’ bello cenare da Farina per tutte queste attenzioni, e magari incontrare Laura e Carlo, immancabili nelle serate sul tema Quattro pizze per quattro chef! Laura e Carlo, cultori del cibo da strada, il cibo buono, dove un panino vale un piatto famoso, erano lì, in Via Leonardo da Vinci, anche mercoledì sera, quando Paolo Bissaro, il “cuoco-artigiano” de La Canonica, il ristorante di Casteldimezzo, borgo gioiello della splendida Panoramica San Bartolo, ha proposto le sue idee in… pizzeria.

La prima – la mia preferita, da vegetariano – una rivisitazione della marinara fatta con estratto di pomodoro bruciato, prezzemolo, coriandolo, fibra di pomodoro bruciato e spray di zenzero. La seconda una rivisitazione della classica pizza salsiccia e cipolla, con salsiccia affumicata di mora romagnola di Zavoli, cipolla stufata e sugo d’arrosto (il fondo bruno).

A fare compagnia alla pizza la birra Trini del birrificio Renton di Fano, Via Mura Augustee 14.

Il dolce? Superbo: una rivisitazione di un cannolo siciliano (con tagliatelle fritte) ideato e realizzato da Matteo Ghigino, lo chef di Farina.

Un dolce così, come il cheese cake interpretato dalla cucina di Farina, merita di essere inserito nel menù della pizzeria tanto amata dai pesaresi, e non solo. Chi scrive, ma anche Rita, Laura e Carlo sono i primi firmatari di una petizione indirizzata a Paolo Severi, che ha inventato Farina.

E chissà cosa attende lunedì 24 ottobre, alle ore 20,30, quando Stefano Bragina, chef de La Gioconda di Gabicce Monte chiuderà il ciclo, facendo poker. Già, quattro, come Quattro pizze per quattro chef! Peccato, siamo all’epilogo, ma attendiamo con curiosità ulteriori iniziative firmate da Paolo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>