Altro ko per la Pesaro Rugby: vince il Gran Sasso 22-16

di 

23 ottobre 2016

VILLA SANT’ANGELO (L’Aquila), 23 ottobre 2016 – Quarta sconfitta su altrettante gare di serie A per la Paspa Pesaro Rugby. Ma, come contro l’Unione Capitolina, anche sul difficile terreno aquilano di Villa Sant’Angelo, i kiwi capitolano al termine di una guerra di nervi punto a punto. Con poche mete al termine di una partita estremamente tattica e condita da tanti errori e altrettanti falli.

Come contro la Capitolina, è Pesaro a passare. Ancora una volta con Spinelli. Dopo 4 minuti è infatti l’argentino a portare avanti i suoi trasformando un calcio di punizione concesso all’altezza dei 22 metri grigiorossi. La Gran Sasso prova subito a rifarsi e al 21’ arriva dal piede dell’estremo sudafricano Du Toit il pareggio su calcio di punizione. 3 a 3 ed è lo specchio del trend di gioco frammentato che accompagna il primo tempo. Dove si va avanti a botta e risposta di calci piazzati. Quello fra il tentativo di fuga di Du Toit e Spinelli per un 6-6 tutto di piede. Moneta che il Gran Sasso capovolge con altri due piazzati a bersaglio dello stesso Du Toit per il 12-6 con cui si va al riposo.

jose-ignacio-spinelli

Jose Ignacio Spinelli (Foto Filippo Baioni)

Parte forte la Gran Sasso nel secondo tempo, ma Pesaro dimostra di gestire la pressione e accorcia di nuovo le distanze con piazzato di Spinelli. Che finirà con un buon 4 su 5 al tiro svilito al confronto del 6-6 di Du Toit. Che è decisivo nel contenere le velleità di rimonta pesarese. Quelle apparecchiate con un rugby semplice ed efficace. Una manovra che fa sognare la rimonta quando Gai è bravo ad intercettare un passaggio stretto di capitan Giampietri e si invola da metà campo a schiacciare in mezzo ai pali la prima meta del match. Meta che Spinelli trasforma. Pesaro sogna, ma la Gran Sasso non ci sta e al 72’ un’azione larga completa la giornata da man of the match di Du Toit. Che va in meta e si conferma chirurgico alla trasformazione.

Ma ci sono quasi 10 minuti da giocare in cui Pesaro mette alle corde il Gran Sasso col gioco di maul. La diga abruzzese però tiene fino al 45’, conserva il 22-16 e si prende vittoria e 4 punti. La Paspa rimedia il palliativo di 1 punto.

Prossimo turno domenica 30 ottobre al Toti Patrignani con la romana Primavera Rugby seconda in classifica.

RISULTATI 4’ GIORNATA

Gran Sasso – Pesaro Rugby 22-16

Benevento – Unione Rugby Capitolina 18-5

Primavera Rugby – L’Aquila 10-13

Classifica: L’Aquila 18, Primavera 10, Benevento, Gran Sasso e Unione Capitolina 9, Pesaro 3

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>