Aset premiata a Roma per il progetto Edifici Intelligenti per Fano

di 

25 ottobre 2016

FANO – Aset Spa è stata premiata, questa mattina a Roma, con una menzione speciale per il Programma Edifici Intelligenti per Fano (E.I.F.), nell’ambito di ‘Italian Resilience Award’, il premio nazionale rivolto ai comuni e alle aziende che, negli anni dal 2014 al 2016, si sono impegnati in un’attività condivisa a favore dello sviluppo sostenibile.

La Capodagli ritira le menzione

Lucia Capodagli ritira il riconoscimento

L’azienda si era candidata nella categoria 1, con fatturato entro i 100 milioni di euro. Il riconoscimento è stato ritirato dal presidente di Aset Spa, Lucia Capodagli, che era accompagnata dall’assessore Carla Cecchetelli, la quale si è detta “orgogliosa del riconoscimento ad un progetto che come amministratori abbiamo voluto far nascere e intendiamo ampliare, nella consapevolezza che si tratta di un progetto di sostenibilità che va a vantaggio delle nuove generazioni”.

“Quella che si sta concretizzando a Fano è una proposta ottimista e piena di speranza – ha dichiarato Lucia Capodagli -: di fronte a disvalori come banalizzazione del territorio, inquinamento, insicurezza, la risposta pubblica disegna una sana visione di sviluppo”. “Si tratta – ha aggiunto – di un piano di rigenerazione urbana, fondato sul consumo zero di suolo, sulla riqualificazione energetica degli edifici pubblici e privati, sulla trasformazione degli spazi pubblici in chiave smart ed eco-sostenibile, che trasformerà Fano in una città ad alta resilienza”.

Oltre ad Aset Spa, il Programma Edifici intelligenti per Fano coinvolge la Cna cittadina e l’Erap Marche, l’ente regionale per l’abitazione pubblica. Il progetto è stato ideato ed è coordinato dall’architetto Tiziana Gallo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>