“Cosa mi manca di Pesaro? Tutto”. Martina Bordignon ha “spiato” Chieri, prossima avversaria della myCicero: “Una squadra temibile”

di 

25 ottobre 2016

Martina Bordignon e Sofia Spadoni domenica a Chieri (dalla pagina Facebook)

Martina Bordignon e Sofia Spadoni domenica a Chieri (dalla pagina Facebook)

PESARO – “Cosa mi manca di Pesaro? Tutto!”.

Martina Bordignon, due stagioni in maglia Volley Pesaro, oggi gioca a Pinerolo, serie B1, ma il legame con Pesaro è fortissimo…

Abito con Sofia Spadoni, così quando sento la nostalgia di Pesato, ascolto Sofia parlare con accento pesarese e mi sembra di essere lì”.

Domenica scorsa, Martina e Sofia erano libere da impegni con la loro Eurospin, che come la gran parte della squadre di serie B1 gioca di sabato. E sabato sera aveva vinto (3-0) a Monza, contro la squadra in cui gioca Rachele Rimoldi, sorella di Rebecca, palleggiatrice della myCicero. Due partite, altrettante vittorie, Pinerolo è in vetta alla classifica del Girone A, in compagnia di Properzi Lodi e Colleoni Bergamo.

Però – commenta Martina – finora abbiamo affrontato squadre under 18. Meglio stare con i piedi a terra, e non mi sbilancio, anche perché nel Girone A di B1 non mancano squadre abbastanza forti… Almeno 4-5 squadre puntano a fare una bella stagione. Sarà il campo a stabilire chi farà meglio. In passato Pinerolo ha allestito squadre competitive e anche quest’anno puntiamo a entrare nei playoff. Questo non lo nego. Al momento, però, posso affermare che stiamo lavorando bene in allenamento e io sono soddisfatta dell’impegno che metto in palestra”.

Dunque, Martina e Sofia hanno approfittato della domenica libera per andare a Chieri a vedere la sfida tra Fenera e Soverato. Un’occasione per salutare Giulia Gennari. Come si diceva? Una volta colibrì, sempre colibrì; una volta lille, sempre lille. Ne abbiamo approfittato per parlare della prossima avversaria della myCicero, la Fenera Chieri che ha vinto nettamente la sfida con le joniche.

Non è stata una gran partita. Chieri ha giocato molto bene, ma non so fino a che punto per suo merito o per demeriti di Soverato, che non ha azzeccato una palla”.

Le statistiche raccontano di una grande prestazione delle piemontesi.
Mi sono piaciute. La squadra è forte fisicamente e vanta alcune individualità davvero notevoli. Conosciamo bene Natalia Serena, che giocava a Chieri anche la scorsa stagione, poi tra l’opposto (la bulgara Elena Nenkovska, 39 anni il prossimo 1 dicembre, un’esperienza incredibile; ndr) e le centrali (Leggs e Caneva; ndr) hanno una grande presenza a rete. Con Soverato ha giocato anche Provaroni che ha fatto un ottimo lavoro in ricezione, pure se ha sbagliato molto in attacco”.

Quindi, a parere di Martina Bordignon, Chieri s’annuncia avversaria temibile per la myCicero.
Sì. Se sapranno ripetere la partita con Soverato, le mie ex compagne avranno tanto filo da torcere. Ovvio che io tifi Pesaro, nessun dubbio su questo. Però il Fenera è una bella squadra”.

Che pallavolo propone?
Provaroni gioca una palla super, tipo – come mi ha detto Isabella Di Iulio – quella di Alice. Serena predilige una palla più morbida. L’opposto mi è piaciuto tanto e – secondo me – in A2 può fare la differenza”.

Cosa sa della nuova myCicero?
Ho un filo diretto con Isa e so praticamente tutto. Mi ha raccontato che anche quest’anno è una bella squadra. Sono contenta”.

Martina con Isabella Di Iulio nelle stagioni pesaresi (dalla pagina Facebook)

Martina con Isabella Di Iulio nelle stagioni pesaresi (dalla pagina Facebook)

Presumo che quando la myCicero giocherà dalle sue parti farà di tutto per vederla all’opera.
Ho detto già a Isa di procurarmi gli accrediti perché ci sarò assolutamente. All’andata le due torinesi giocheranno a Pesaro, quindi dovrò attendere il ritorno. Invece, quando la myCicero giocherà al PalaBorsani di Castellanza, ospite di Legnano, penso e sperò che Isa si fermerà a casa mia, a Varese. Non mancheranno neppure i miei genitori, che non vorranno perdere l’occasione di salutare tutti, da Barbara Rossi a Matteo Bertini”.

Perché sembra evidente che se a Martina manca Pesaro, anche i genitori hanno nostalgia di questa città e della pallavolo pesarese.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>