Dopo il ko di Ciampino, il PesaroFano ospita martedì l’imbattuta capolista Prato

di 

31 ottobre 2016

PESARO – Sarà una partita chiave per capire di che pasta è fatta l’Italservice PesaroFano di calcio a cinque (serie A2). Martedì 1 novembre alle 15,30 al PalaCampanara arriva infatti la capolista, finora imbattuta, Prato.

La squadra del presidente Lorenzo Pizza deve assolutamente vincere per non perdere terreno e allontanarsi ulteriormente dalla vetta.“Dobbiamo fare punti – suona la carica mister Cafù -, altrimenti diventa difficile agganciare chi ci sta davanti”. La sconfitta dell’ultimo turno a Ciampino è stata molto dolorosa, anche perché si è consumata negli ultimi secondi di gioco. “In questi giorni ne abbiamo parlato, abbiamo cercato di valutare e capire cosa è successo. Dalle sconfitte bisogna solo imparare e la partita successiva non cadere sugli stessi errori“.

Del resto in casa del PesaroFano arriva un’avversaria che non farà nessuno sconto: “Se finora non ha mai perso ci sarà un perchè. Sicuramente non è una formazione scarsa”.L’Italservice deve migliorare parecchie cose se vuole ambire a posizioni più alte: “Dobbiamo cambiare approccio, è una questione anche mentale”.

Esultanza PesaroFano (Foto Filippo Baioni)

Esultanza PesaroFano (Foto Filippo Baioni)

I marchigiani dovranno fare a meno ancora una volta di Burato, ancora infortunato. “Non possiamo rischiarlo, altrimenti potrebbe poi restare fuori altri due o tre mesi”.

L’avversaria di turno è una corazzata che fa della forza dei singoli la sua marcia in più: “E’ un organico ricco di individualità, giocatori capaci di fare la differenza“. Una squadra che segna tanto, bisognerà quindi limitarla. Dobbiamo giocare con più cinismo – continua Cafù -, noi creiamo tanto ma poi non siamo capaci ancora di concretizzare tutto quello che costruiamo“.

Alla partita di cartello con Prato ci sarà anche la Vuelle accompagnata dal presidente Ario Costa e una rappresentativa dei Bees con il responsabile Graziano Sartini. All’intervallo Ario Costa sarà premiato dal presidente Lorenzo Pizza.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>