Grande successo per la moda marchigiana in Bielorussia nella settima Moda Italia a Minsk

di 

4 novembre 2016

moreno-premiazionePESARO – Ennesimo successo per le Marche con Moda Italia a Minsk, evento ormai diventato un must legato al fashion e al gusto italiano. La settima edizione è stata l’ennesima grande dimostrazione del gradimento delle collezioni dei nostri brand e dell’ottima organizzazione di un evento nel suo collaudato format di successo. Nella capitale della Bielorussia il defilé organizzato dalla CNA e dedicato alla sartoria artigiana della provincia e delle Marche, è stato proposto per presentare al pubblico ed ai buyer commerciali il meglio della moda italiana e marchigiana. Grazie all’organizzazione della CNA di Pesaro e Urbino e alla collaborazione con la Camera di Commercio e dell’Ambasciata Italiana, questa settima edizione ha superato ogni più rosea aspettativa. Un successo straordinario per la kermesse, diventata per i media nazionali bielorussi un vero e proprio evento legato al fashion e allo stile italiano, tanto che le reti nazionali non hanno mancato di dedicare special all’evento. La sfilata si è tenuta nela nuova cornice del Reinassance Hotel di Minsk alla presenza delle massime autorità. Ad aprire il defilé e a suggellare l’importanza dell’evento è stato il saluto dell’ambasciatore italiano in Bielorussia Stefano Bianchi.

Sulla passerella di Minsk sono sfilate le calzature donna e le borse di Giovanni Fabiani; i costumi e lo swimming weare diTotty; le scarpe di Vittorio Virgili; la collezione di borse di Marino Orlandi;le pellicce diOrsi Russi; la collezione di piumini di Basetti; la collezione di Omar Morotti; le scarpe di Iceberg; le maglie di Pamira; le scarpe di Preziosa.

Novanta minuti di grande spettacolo e di grande sartoria hanno caratterizzato questa versione da esportazione di Idee in Moda. La delegazione marchigiana, oltre agli imprenditori impegnati nella kermesse era guidata dal segretario della CNA di Pesaro e Urbino, Moreno Bordoni e dal presidente della CNA, Alberto Barilari e dal coordinatore dell’evento, Riccardo Rossetti . A Bordoni, nel corso della sfilata è stato consegnato ufficialmente il recente riconoscimento di Rappresentante della Camera di Commercio e Industria della Bielorussia per le Marche. Un premio ottenuto grazie anche al protocollo d’intesa elaborato dalla Camera di Commercio di Pesaro e Urbino.

reinassance-sfilata“Un prestigioso riconoscimento – ha detto dal palco il segretario della CNA – che mi onora e che premia il lavoro svolto in questi anni dalla CNA a favore dell’internazionalizzazione delle imprese”. Nella sfilata dedicata alle creazioni di alta moda dei brand made in Italy, sono stati proposti momenti di spettacolo che hanno offerto al pubblico un saggio delle eccellenze italiane. Come nel caso dell’esibizione dei cantanti Maryline Leonetti (soprano); Marcello Lippi (baritono); Fulvio Oberto (tenore); Emanuela Grassi (mezzosoprano); che hanno proposto arie tratte dalla Traviata di Verdi e altre opere.

Ma la sfilata ha proposto anche un momento di solidarietà e integrazione. Sulla passarella del Reinassance Hotel sono stati presentati accessori di moda realizzati da adolescenti bielorusse (con alle spalle problemi con la giustizia), che stanno seguendo un percorso di riabilitazione. Una testimonianza forte e significativa dell’opera dell’Unicef che è stata illustrata nel corso della serata da Rashed Mustafa Sarwar, dell’Agenzia Onu. Il giorno successivo le stesse ragazze hanno partecipato ad una seguitissima Master class tenuta dall’imprenditore pesarese Omar Morotti e dal segretario della CNA, Moreno Bordoni.

Nel corso della due giorni dedicata alla moda, si sono tenuti dei B2B tra imprenditori italiani e operatori bielorussi per attivare nuovi canali commerciali e offrire nuove opportunità di business.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>