Pesaro applaude Enrico Dominici, bronzo al torneo nazionale seniores di boxe

di 

5 novembre 2016

PESARO – L’Asd Boxing Club ’88 Pesaro continua a “macinare” medaglie e campioni. Dopo Diego Vergoni, ecco Enrico Dominici, classe 1988, che a ottobre ha conquistato la medaglia di bronzo al torneo nazionale seniores maschile di boxe, categoria medio-massimi (81 chili).

Questa mattina, nella sala Rossa del Comune, l’assessore allo Sport Mila Della Dora e il vicesindaco Daniele Vimini, gli hanno consegnato un attestato di “plauso della città”, per il prestigioso risultato ottenuto alle recenti finali, svoltesi a Montoro Inferiore, Avellino.

“Lo sport è un grande veicolo per trasmettere valori – ha detto l’assessore Mila Della Dora – ti insegna ad avere rispetto dell’avversario, ad essere leale e ti dà anche una grande forza di volontà. Come nel caso di Enrico, che grazie al sul impegno e alla sua determinazione è riuscito ad ottenere brillanti risultati”. Complimenti al campione per l’ottima prova, sono venuti anche dal vicesindaco Daniele Vimini, mentre per l’allenatore, il maestro Antonio Raspugli, “Enrico avrebbe potuto conquistare un metallo più pregiato, ma forse nel match delle semifinali non è riuscito a tirar fuori tutto il suo potenziale tecnico-tattico. Comunque sono molto soddisfatto, con il suo potenziale, potrà diventare un grande campione”.

Enrico Dominici, milita nelle file dell’asd Boxing Club ’88 Pesaro. L’atleta, ha partecipato alla massima rassegna nazionale, alla quale hanno preso parte 118 pugili. In apertura di stagione agonistica, Dominici si è aggiudicato anche un altro torneo interregionale FPI ( Marche-Umbria),  svoltosi a Loreto nei giorno 12 e 13 marzo 2016.

Nato nel 1988 a Pesaro, da padre italiano e madre argentina, Enrico nel corso della sua carriera sportiva ha disputato 15 match, collezionando 14 vittorie e una sola sconfitta, proprio nella semifinale del torneo nazionale.

“Sono arrivato alla boxe a 18 anni, dopo un’esperienza calcistica – ha raccontato Dominici – ma con il pugilato è stata un’altra cosa, mi sono subito appassionato e non sono più riuscito a smettere”.

L’atleta, che lavora in un cantiere edile, svolge l’attività agonistica allenandosi con costanza e impegno. “Il pugilato a certi livelli richiede almeno sei allenamenti settimanali, se necessario due volte al giorno, ed Enrico ha sempre dimostrato grande spirito di sacrificio, alimentato dalla passione verso la ‘nobile arte’”, ha detto Raspugli, che inoltre ha lanciato un appello alle società pesaresi affinché si mobilitino con iniziative per aiutare gli atleti delle zone terremotate.

Sport e solidarietà, un binomio indivisibile. “Il Comune di Pesaro – ha ricordato Della Dora – questo weekend ha messo a disposizione delle società sportive colpite dal terremoto campi da gioco e strutture. E lo farà anche nelle prossime settimane, in modo tale che possano andare avanti con le loro attività, disputando anche gli incontri di campionato”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tags: , , , , , ,

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>