In un’ora può nascere gratis una nuova startup. L’impegno di Camera di Commercio e Regione

di 

7 novembre 2016

PESARO – “Gli aspiranti imprenditori, che intendono costituire una startup innovativa in forma di società a responsabilità limitata, possono rivolgersi all’ufficio di Assistenza Qualificata Imprese, che è stato appena attivato presso la camera di commercio di Pesaro Urbino e, mediante una procedura telematica semplificata, stipulare atto costitutivo e statuto utilizzando un modello standard tipizzato e sottoscriverlo con firma digitale”. Lo ha annunciato oggi a Pesaro il presidente dell’ente camerale, Alberto Drudi, presentando anche le prime tre startup innovative che, “ognuna in poco più di un’ora, sono riuscite ad ottenere gratuitamente certificato d’iscrizione, partita iva e, soprattutto, la possibilità di iniziare immediatamente l’attività”.

Alberto Drudi e Manuela Bora (Foto Luca Toni)

Alberto Drudi e Manuela Bora (Foto Luca Toni)

“Quando ci interroghiamo sul ruolo futuro delle camere di commercio – ha sottolineato Drudi -, se da un lato l’aggregazione, anche nelle Marche, è un processo non più rinviabile, dall’altro non possiamo ignorare che la nostra attività accanto alle imprese procede di pari passi con l’evoluzione del sistema economico locale: abbiamo conoscenze che la riforma non deve disperdere e professionalità che chiedono solo di essere valorizzate, come dimostra anche questo nuovo tipo di servizio di assistenza alla nascita delle start up nella nostra provincia”.

“Va dato atto a Loreno Zandri, che coordina l’attività del registro delle imprese – ha aggiunto il segretario generale, Fabrizio Schiavonidi aver messo in campo un modello organizzativo che, ad oggi, non ha uguali a livello nazionale”

Tre le neo imprese appena formate: la Meblabs di Fano, che opererà nel comparto della progettazione, sviluppo e vendita di software su misura; la Multioptic Drone di Gabicce Mare, che ha sviluppato un rivoluzionario servizio di rilievo del suolo e del territorio mediante l’utilizzo dei droni; la Leafgreen di Urbino, che sviluppa, produce e vende prodotti e servizi ad alto valore tecnologico nel settore della cosmesi.

Si è detta “orgogliosa di essere testimone di un processo di rinnovamento nel fare impresa” l’assessora allo Sviluppo economico, che ha partecipato alla presentazione del servizio della camera di commercio pesarese e delle tre start up: “La nascita e l’affermazione sul mercato di nuove imprese in ambiti strategici per lo sviluppo della nostra regione – ha detto Manuela Borarappresenta un elemento fondamentale per rinnovare e dinamicizzare il nostro tessuto produttivo, creando nuovi modelli che potrebbero essere replicati, anche al fine di offrire alle nostre imprese tradizionali servizi ad alto valore aggiunto”.

ph.LucaToni“Viviamo in un tempo di straordinarie potenzialità, neppure immaginabili qualche tempo fa – ha aggiunto -: non parliamo di impresa in un giorno ma di impresa in un’ora, grazie all’ufficio di assistenza qualificata imprese (AQI)”.

“La Regione Marche, naturalmente, continuerà a fare la propria parte – ha concluso l’assessora -. Ha già messo sul piatto un finanziamento di 8 milioni di euro delle risorse complessive del POR FESR 2014-2020 per supportare lo sviluppo ed il  consolidamento sul mercato di nuove startup ad elevato potenziale di sviluppo, facilitando lo sfruttamento economico delle nuove idee”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>