Volley Pesaro, gli scaramantici facciano gli scongiuri: l’ultima sconfitta a Campanara, il 24 gennaio, per mano della Delta Informatica. Da allora 8 vittorie

di 

9 novembre 2016

Roberto Postal e Miroslav Kijakova (Foto Alessio Marchi - Trentino Rosa)

Roberto Postal e Miroslav Kijakova (Foto Alessio Marchi – Trentino Rosa)

PESARO – Lo confesso: oltre che per la myCicero Pesaro, ho un debole per tre società che partecipano al campionato di pallavolo femminile serie A2. Sono Filottrano, Chieri e Trento, che comunicano regolarmente le informazioni sulle loro squadre.

Se fosse stata una loro giocatrice a realizzare 36 punti, come ha fatto Giulia Angelina, l’avrei saputo in poco tempo, forse dopo pochi minuti dalla conclusione della partita. Gli uffici stampa di Lardini, Fenera e Delta Informatica, come del resto quello del Volley Pesaro, sono attenti a dare visibilità agli sponsor, ma anche all’impegno dello staff tecnico e delle giocatrici.

Abitualmente, non utilizzo le notizie ricevute dall’ufficio stampa della myCicero, meno che meno le interviste, limitandomi a riprendere le informazioni di servizio. Ritengo che sia più rispettoso del lavoro del tecnico e delle ragazze offrire notizie diverse dal “copia e incolla”.

Capita, però, che comunicati provenienti da altre società, che poi sono quelle già citate, offrano spunti interessanti e magari frasi che consentono di occuparsi di un fatto o più semplicemente della partita successiva.

Il presidente di Trento carica le sue ragazze: “La myCicero ha più qualità in assoluto, ma non ci sono squadre imbattibili”

E’ il caso del comunicato diffuso nel primo pomeriggio dalla Delta Informatica. E’ una lunga intervista al presidente Roberto Postal che entra nel merito – che sinceramente non condivido – tecnico. Ritengo, infatti, che il discorso tecnico riguardi l’allenatore. Però, tra le risposte offerte da Postal, una mi sembra da riprendere.

Domenica farete visita a Pesaro, la squadra considerata dagli addetti ai lavori la candidata principale alla vittoria del campionato.

«Pesaro – commenta il presidente gialloblù – è la squadra che ha più qualità in assoluto, ma credo che in questo campionato di formazioni imbattibili non ce ne siano. La classifica, seppur siano trascorse solo poche settimane, inizia a delinearsi e non penso sia casuale che Pesaro, Filottrano e Trento occupino le prime tre posizioni. Ovviamente qualche squadra inizierà presto a correre, penso a Soverato, ma anche ad altre squadre che non meritano la posizione di classifica che occupano. Ma noi siamo sereni, l’obiettivo dichiarato è quello di centrare il pass per i playoff e la stagione è solamente all’inizio».

Come volevasi dimostrare. Anzi, come ha anticipato Matteo Bertini, allenatore della myCicero, parlando di una Delta Informatica che arriverà a Pesaro con la chiara intenzione di espugnare il PalaCampanara per raggiungere l’attuale capolista. Accadesse, sarebbe un grande favore alla Lardini che, approfittando dell’incontro casalingo (peraltro non così facile) con Chieri, conquisterebbe il primato.

Gli appassionati di volley, anzi della myCicero (quelli trentini sarebbero ben lieti di averne conferma), in particolare gli scaramantici (presidente Giancarlo Sorbini in testa) non dimentichino gli insegnamenti di Giambattista Vico, della sua Scienza nova dove sono narrati i corsi e ricorsi della storia. La Delta Informatica Trentino è stata l’ultima a espugnare Campanara. Accadde lo scorso 24 gennaio 2016, quando Carolina Zardo e compagne (di quel gruppo, oltre il libero, sono rimaste Michieletto, Bogatec, Antonucci e Bortoli, che in verità giocano poco) s’imposero al tie-break sempre conducendo nel risultato. Da allora, la myCicero ha vinto sempre in casa, infilando 8 successi consecutivi: 7 nella stagione regolare tra il 2015 e il 2016, 1 nel playoff con Monza. Di più: l’ultima sconfitta pesarese in stagione regolare risale al 31 gennaio. Da allora, in casa e fuori, solo vittorie.

Trento penserà anche al precedente favorevole, ma Federica Mastrodicasa e compagne faranno di tutto per cancellare quella battuta d’arresto. Domenica (ore 17, arbitri Luca Grassia e Maurizio Merli) è in programma una sfida che s’annuncia mai così avvincente.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>