Consultinvest alla ricerca di continuità contro Varese. Adriatic Arena da sfruttare

di 

11 novembre 2016

Consultinvest vittoriosa contro Venezia (Foto Filippo Baioni)

Consultinvest vittoriosa contro Venezia (Foto Filippo Baioni)

PESARO – La partita contro Varese, si può considerare una sorta di prova del nove per la Consultinvest che, dopo aver vinto domenica scorsa contro Venezia, cercherà di conquistare altri due punti, per allontanarsi dalla zona calda di una classifica, che vede Brescia e Cremona all’ultimo posto, con una sola vittoria conquistata in sei turni. Ma non aspettiamoci una partita tranquilla, anzi in verità questo assioma, dovrebbe valere anche per tutte le prossime ventitré partite, perché è ormai chiaro a tutti che questo sarà un campionato strano, dove i valori possono cambiare ogni domenica, dove anche una corazzata come Milano è alle prese con problemi interni, dove a Caserta il proprietario Iavazzi è rimasto un’altra volta solo alla guida della Juve, dopo l’uscita scena di un famigerato gruppo inglese che non è mai stato realmente intenzionato ad investire nel nostro basket, ma nonostante questo la Pasta Reggia è salita al quarto posto, dove arrivi e partenze sono all’ordine del giorno, vedi la conferma di Crosariol a Pistoia, il taglio di Romeo Travis a Cantù, l’arrivo dell’ala Paul Harris a Cremona, con Omar Thomas messo fuori rosa, dove insomma, non sono tante le partite dal pronostico già chiuso in partenza.

E la sfida tra Pesaro e Varese rientra in questa categoria, match tra due formazioni abbastanza simili, dove i sette stranieri sono l’asse portante e gli italiani devono ritagliarsi il loro spazio. Sono due squadre che amano correre e che sfruttano il tiro da tre con alterne fortune, mentre i pivot sono leggermente fuori dai giochi e faticano a procurarsi dei buoni tiri, anche l’OpenjobMetis, come la Vuelle, si affida ad un paio di stranieri esperti del nostro campionato, come Eyenga e Kangur, per far da guida ad un gruppo infarcito di 23-24enni, alle loro prime esperienze in campo internazionale, ma ormai questo è un modo comune di costruire le squadre, specialmente per società dal budget non stellare, che devono puntare su qualche scommessa vincente per far quadrare il bilancio e la stagione, con la differenza che Varese è impegnata su due fronti e la Fiba Champions League può portargli via energie, sia fisiche che mentali.

Con la trasferta proibitiva di Reggio Emilia alle porte, conquistare i due punti contro i lombardi sarebbe una bella iniezione di fiducia, per un gruppo che sta cominciando a conoscersi reciprocamente e che lascia intravedere quelle potenzialità espresse nel precampionato, Varese è una di quelle formazioni che il prossimo maggio potrebbero orbitare nella stessa fascia della Vuelle e allora torna in auge la famigerata differenza canestri, calcolo misterioso per gli americani, ma che coach Bucchi e il suo staff devono avere bene in mente, perché in un campionato così equilibrato, anche un particolare può fare la differenza.

 

LA PARTITA DELLA SETTIMANA

 

CONSULTINVEST PESARO (4 PUNTI) – OPENJOB METIS VARESE (4 PUNTI)

DOMENICA 13 NOVEMBRE – ORE 18.15 – ADRIATIC ARENA DI PESARO

 

L’AVVERSARIA DELLA SETTIMANA

Foto Filippo Baioni

Foto Filippo Baioni

Coach Paolo Moretti è uno degli allenatori emergenti del nostro campionato e fa giocare alle sue squadre un basket redditizio, ma anche spettacolare, dove i play hanno un ruolo fondamentale e non è casuale che dietro al titolare Eric Maynor, stia crescendo il 22enne serbo Avramovic – 9.5 punti – giovane dotato sia di personalità che doti tecniche. Melvin Johnson e Christian Eyenga sono i titolari di un reparto esterni che può contare anche su Daniele Cavaliero e Giancarlo Ferrero, con il 39enne Massimo Bulleri sempre in grado di garantire dieci minuti di buona pallacanestro.

Kristian Kangur, a Varese, ha lo stesso compito di Jasaitis in casa Consultinvest, ovvero quello di fare da trait d’union tra i due reparti e soprattutto di fare da chioccia a giovani interessanti come il 23 enne Norvis Pelle, centro di 211 cm che nelle ultime partite è stato promosso titolare causa indisponibilità di O.D. Anosike, anche se il nigeriano ex Vuelle dovrebbe rientrare proprio domenica, per dare sostanza ad un settore lunghi, dove Luca Campani sta dando il consueto buon contributo.

IL DUELLO CHIAVE

Brandon Fields vs Melvin Johnson: Più penetratore il primo, più tiratore il secondo, per due modi diversi di interpretare il ruolo di guardia, con Fields che ama correre in contropiede ed attaccare il ferro, mentre Johnson è il classico tiratore sugli scarichi, con qualche problema in fase difensiva.

IL MOMENTO DELLA SQUADRA

Il mestiere d’allenatore è spesso avaro di soddisfazioni, essendo quello più esposto alle critiche e ai risultati e non sono sfuggiti a questa regola né Paolo Moretti, né Piero Bucchi, L’allenatore varesino è già sul banco degli imputati, complice una partenza così così in campionato e soprattutto l’1/4 in Fiba Champions League, con il meno 25 di mercoledì scorso in Lettonia che ha complicato non poco le possibilità di qualificazione al turno successivo dell’OpenjobMetis,  che si è presentata al doppio impegno forse con un roster non attrezzato. Le otto sconfitte in undici incontri non fanno dormire sonni tranquilli a Moretti, che in caso uscisse a mani vuote da Pesaro, potrebbe rischiare il posto, in questo basket dove non c’è tempo per far crescere una squadra.

Situazione diversa quella di Piero Bucchi, che ancora non è mai stato messo in discussione, ma sul quale pende ancora il caso Jasaitis, ufficialmente risolto dalla società, che giustamente fa il suo dovere e spegne l’incendio sul nascere, ma con una piccola fiamma che continua ad ardere sotto le ceneri, perché, al di là delle frasi di circostanza, il rapporto tra l’allenatore e il giocatore lituano non è idilliaco e Jasaitis rischia di vedersi drasticamente diminuire il minutaggio, se non riuscirà a ritornare al 100% della forma fisica, soprattutto in una Vuelle che vuole correre in ogni occasione e che vuole fare della difesa il suo punto di forza – con i suoi 74,3 punti subiti è la migliore difesa del campionato – due qualità che fatichiamo ad abbinare al Jasaitis attuale, che non è un fulmine sui 28 metri e che in difesa viene spesso battuto dal suo avversario diretto.

consultinvest-vuelle-umana-venezia-foto-filippo-baioni-00014Così, anche se siamo solamente alla settima giornata, il match tra Pesaro e Varese assume già una notevole importanza per il futuro delle due squadre e dei loro allenatori e dovremmo assistere ad un match equilibrato, sulla falsariga degli ultimi due disputati all’Adriatic Arena dalla Consultinvest che, contro Avellino ha pagato la classe superiore dei giocatori irpini, mentre contro Venezia, ha fatto valere la maggior voglia di conquistare i due punti, sfruttando quel fattore casalingo sul quale si poggeranno molte delle speranze della Vuelle di non soffrire fino al prossimo maggio.

LA SETTIMA GIORNATA IN PILLOLE

Nessun anticipo al sabato o a mezzogiorno, in una settima giornata che stranamente presenta ben sei partite nel canonico orario delle 18.15 domenicali. Due big match in programma: Avellino riceve Reggio Emilia, in una sfida che deciderà chi rimarrà da sola al secondo posto, mentre alle 20.45, Milano ospita Sassari, con l’Armani che, nonostante il successo in Eurolega, non ha ancora risolto i problemi interni. Caserta tenterà di rimanere nella parte nobile della classifica, cercando di espugnare il parquet dell’Acqua Vitasnella Cantù, mentre potrebbero sfruttare il turno casalingo: Venezia, che ospita Pistoia, Brindisi, che riceve Brescia e Capo d’Orlando, dove arriverà la Vanoli Cremona con il nuovo arrivato Paul Harris, in una settima giornata che si chiuderà lunedì sera col posticipo tra Trento e Torino.

 

I PROSSIMI TURNI DELLA CONSULTINVEST

Domenica 20 novembre – ore 18.15: Grissin Bon Reggio Emilia – Consultinvest Pesaro

Domenica 27 novembre – ore 12.00: Consultinvest Pesaro – Dolomiti Energia Trento

Domenica 4 dicembre – ore 18.15: Vanoli Cremona – Consultinvest Pesaro

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>