Tre compleanni e un onomastico festeggiati dai Balusch con le ragazze della myCicero Volley Pesaro

di 

12 novembre 2016

I Balusch

I Balusch

PESARO – Non ci fossero, bisognerebbe inventarli. I Balusch non perdono occasione per dimostrare affetto per la myCicero Volley Pesaro, la squadra del loro cuore. Così hanno voluto festeggiare – insieme alle colibrì – tre compleanni e un onomastico e hanno radunato le ragazze, lo staff tecnico e i co-presidenti Barbara Rossi e Giancarlo Sorbini per un piccolo rinfresco al termine dell’allenamento del venerdì sera, quando raggiungere il PalaCampanara è stata una vera impresa.

Piove a dirotto, la strada è allagata. Chissà cosa pensano i genitori di Alice Pamio, arrivati a trovare la figlia. Il “mondo” che circonda Campanara è una vergogna, ma il sindaco Ricci e l’assessore Della Dora non perdono occasione per esaltare la “Città dello sport”, che è vera, viva e regala soddisfazioni, ma la casa della pallavolo e del calcio a 5 è – lo ripetiamo per l’ennesima volta – in una zona degna del Camel Trophy, non del riconoscimento assegnato, con merito, alla città, che però, ignorando da sempre quanto accade a Campanara nei giorni di pioggia, si dimostra insensibile, ingrata, cancellando i diritti di alcune discipline. Che schierano – ad esempio la myCicero – ragazze che si sentono… pesaresi.

Che bello, la pizza Rossini, la mia favorita” esclama Alessia Ghilardi, quando si presenta “a tavola”. Il sindaco ne vuole fare uno dei simboli cittadini, magari prendendo accordi con la Calvè. Chieda ad Alessia di recitare il ruolo di testimonial.

Federica Mastrodicasa, il Capitano, distribuisce le pizze, poi serve la torta che riporta lo stemma dei Balusch, con la scritta in alto – ideata da Stefano Albertoni che festeggia il compleanno – “Nessuno di noi è forte come tutti noi”. Piacque moltissimo, l’anno scorso, alle lille di Bertini; continua a piacere anche quest’anno.

La torta dei Balusch

La torta dei Balusch

In basso la frase di Mauro Filippini, il signore della grafica, che non festeggia i compleanno, ma ha sempre idee geniali: “I Balusch vanno matti per le colibrì”. E le colibrì per le… pizze Rossini, con cui celebrano il compleanno di Stefano e quelli di Mino Calbini e della presidente dei Balusch, Giada Biagioli, che ricorrono lunedì 14. Ah, ragazze, sia Giada sia Mino vogliono festeggiarlo bene. A buone intenditrici, poche parole.

Carlo Giorgiani, il magnifico tifoso che non perde un allenamento, è coccolato da Alessia Ghilardi e dalle altre ragazze; lui festeggia, in lieve ritardo, l’onomastico.

E’ l’estate di San Martino, ma piove e fa decisamente freddo. L’estate vera è lontana, ma l’affetto e l’amicizia dei presenti scaldano i cuori delle ragazze, soprattutto delle nuove, che ogni giorno di più scoprono quanto sia bello giocare qui. Se ne rendono conto anche i genitori di Alice. E’ bello essere una colibrì, o una lilla, è bello essere nei cuori di persone in gamba, di tifosi unici, alcuni dei quali stanno organizzando già la trasferta dell’8 gennaio, a Olbia.

Intanto, però, incombe Trento. Ragazze, ricordate il desiderio di Giada, regalatele una bella festa di compleanno.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>