Masini-gol: Alma corsara a Mantova. Tre punti esterni importantissimi

di 

13 novembre 2016

MANTOVA – FANO 0-1
MANTOVA (3-5-2): Maniero; Cristini (37’ st Ruopolo), Siniscalchi, Carini; Bandini, Di Santantonio (14’ st Tripoli), Raggio Garibaldi, Zammarini, Regoli; Marchi, Caridi. A disp. Bonato, Errera, Menini, Gargiulo, Romeo, Boccalari. All. Prina
FANO (3-5-2): Menegatti; Zigrossi, Zullo, Ferrani; Cazzola (30’ st Lanini), Gualdi, Bellemo, Gabbianelli, Taino; Masini, Gucci (42’ st Borrelli). A disp. Andrenacci, Di Nicola, Carotti, Torta, Cazzola, Favo, Sassaroli, Capezzani, Zupo, Camilloni, Schiavini. All. Cusatis
ARBITRO: Amabile di Vicenza
RETI: 38’ st (rig.) Masini
NOTE: spettatori 1.900 circa (un centinaio fanesi); ammoniti Cazzola, Taino, Ferrani, Carini; angoli 2-1, recupero 1+3

 

I granata festeggiano la vittoria di Mantova sotto la curva dei tifosi del Fano

I granata festeggiano la vittoria di Mantova sotto la curva dei tifosi del Fano

MANTOVA – Alma hurrà. Il Fano dà continuità alla vittoria sul Forlì cogliendo il primo pieno stagionale lontano dalle mura amiche. Vittima il Mantova, in quello che era un delicato scontro salvezza. Decisivo un rigore di Masini, realizzato a una manciata di minuti dalla fine e concesso per atterramento di Gucci.

La cronaca, non ricchissima, vede i locali assumere inizialmente il comando delle operazioni, sfruttando la catena di sinistra. Da quella fascia arrivano le maggiori minacce, comunque sventate da Zullo. All’11’ brivido per Menegatti sul cross di Caridi, ma Di Santantonio liscia una sfera succulenta. Risponde il Fano con Cazzola, ma il tiro improvviso lambisce il sette ed esce. I granata reggono l’urto e sul finire di tempo si fanno vedere con Gabbianelli che costringe Maniero alla parata. Nell’azione successiva è poi decisiva l’uscita dello stesso portiere su Masini, lanciato in profondità da Gabbianelli. Quest’ultimo ci riprova in proprio a stretto giro, trovando l’opposizione di Siniscalchi.

Nella ripresa le due squadre producono poco e niente. Giusto un’occasione per Gucci (tocco largo d’un soffio) e una per Marchi (incrocio sfiorato). La svolta quando mancano meno di 10 minuti: sventagliata di Gabbianelli per Gucci, affossato da Carini. E’ rigore, trasformato da Masini per il più letale dei gol dell’ex.

(Si ringrazia Sport Fano 24)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>