La saggezza di Eleni Kiosi: “La partita riflette il lavoro in allenamento. Non avete visto ancora il meglio della myCicero Volley Pesaro”

di 

14 novembre 2016

Un attacco di Eleni Kiosi contro il muro di Fondriest e Michieletto (ufficio stampa Delta Informatica Trentino)

Un attacco di Eleni Kiosi contro il muro di Fondriest e Michieletto (ufficio stampa Delta Informatica Trentino)

PESARO – Gioca a pallavolo con in tasca la laurea in fisioterapia. In campo deve mettere a terra quanti più palloni possibile. Fuori regala pillole di saggezza. Normale per una greca, figlia della terra della filosofia.

Eleni Kiosi mi guarda stupita, quando faccio i complimenti, a lei e a tutta la myCicero, come a dire: “Aspetta, è troppo presto, se ce li fai adesso, cosa dovrai dirci in seguito”.

E’ la sintesi del breve colloquio con l’opposto di Thessaloniki, Salonicco, che ha vinto il derby personale con Maria Nomikou, che è nata a Marousi, periferia di Atene. Conta, però, che abbia vinto la myCicero, che lo scorso campionato inciampò, in casa, con la Delta Informatica Trentino.

“Avete visto una partita tra due belle squadre. Non è facile vincere sempre, conquistare i 3 punti, ma ci alleniamo per questo, lavoriamo tutti i giorni, tutte le settimane per ottenere questi risultati…”.

Vincete, ma non solo: giocate anche bene, perché la rimonta nel primo set e soprattutto gli altri due parziali hanno mostrato scampoli di bel gioco. Non solo in attacco, ma anche in difesa. E che recuperi, poi…

“In partita si vedono i frutti di quanto facciamo in allenamento… Ogni allenamento è una battaglia”.

In queste parole ci sono anche tanti complimenti per le ragazze che non hanno giocato: Pamio, Rimoldi e Tonello devono essere fiere del contributo che danno, se Eleni le ringrazia così.

“Immaginate cosa possiamo fare in partita (visti i presupposti della settimana)”.

Vero, abbiamo visto gli ultimi allenamenti della settimana appena conclusa, con il sestetto titolare messo spesso in difficoltà. E abbiamo visto schiacciate impossibili di Kiosi difese da Alessia Ghilardi, con urlo conseguente. E la risposta – con urlo altrettanto possente – di Eleni.

“Siamo un bellissimo gruppo, una squadra piena di giocatrici vincenti, che danno sempre il meglio. Pertanto, ogni allenamento si gioca a mille all’ora. Vi dico di più: finora non avete visto niente di speciale. Non abbiamo toccato ancora il nostro massimo. Ci stiamo arrivando, piano piano, e io sono felicissima”.

Il campionato di serie A2 parla marchigiano: al momento, sembra una sfida con la sua ex squadra, la Lardini Filottrano.

“E’ ancora presto per dirlo. Siamo una squadra consapevole dei propri mezzi, ma non arrogante. Siamo contenti di come è andata la partita con Trento, ma da domani pensiamo già alla prossima. Il viaggio di questo campionato è lungo, non c’è solo Filottrano, che pure è una bella squadra, com conferma la seconda posizione, ma non conosco squadre che entrano in campo per perdere. Daranno tutte il massimo contro Pesaro e noi dobbiamo rispondere sempre bene se vogliamo continuare a vincere”. La prossima partita è ancora in casa (domenica, ore 17) contro Brescia dell’ex Laura Saccomani.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>