Baldelli: “Riunione segrete per smantellare i nostri ospedali e favorire la sanità privata”

di 

17 novembre 2016

Antonio Baldelli

Antonio Baldelli

PERGOLA – Il segretario provinciale di Fratelli d’Italia Antonio Baldelli interviene sulla convocazione della conferenza dei sindaci d’area vasta a porte chiuse.

“La tragedia sulla sanità della nostra provincia – scrive – è ormai giunta al suo epilogo: il Pd e i suoi sindaci non potevano concluderla in maniera più squallida. È infatti arrivata, alla chetichella, la convocazione della conferenza dei sindaci d’area vasta a porte chiuse. Così recita la lettera di convocazione: “la conferenza di area vasta è convocata d’urgenza in seduta non aperta al pubblico per sabato 19 novembre alle 9.30″.

Insomma, senza essere visti e ascoltati, quelli del Pd vogliono decidere sul futuro dei nostri ospedali, lasciando fuori dalla porta i cittadini della nostra provincia. Nemmeno nei regimi totalitari di Ceausescu e Fidel Castro sarebbero accadute queste cose, nelle Marche di Ceriscioli e compagni sì.

Grottesche le motivazioni utilizzate per motivare l’urgenza: “l’urgenza è determinata dalla necessaria presenza sull’argomento del presidente della regione e dai tempi previsti per la riforma del sistema sanitario”.

Ma come, Ceriscioli, per un tema tanto importante, sarà a disposizione dei sindaci solo sabato prossimo e mai più? Quali sarebbero poi i tempi stringenti, considerato che la maggioranza regionale non è stata in grado di dare alla luce un nuovo piano sanitario mentre quello attuale, datato 2012-2014, è “scaduto” da 2 anni?

Altrettanto patetica la giustificazione della segretezza: “la decisione è determinata dalla necessità di garantire il corretto svolgimento della conferenza alla luce della complessità e degli argomenti su cui relazionerà il presidente della Regione Marche”.

A parte l’incerto italiano, solo pretesti d’una politica ingannatrice e lontana anni luce dalle reali esigenze dei cittadini.

La vera ragione di tanto squallore è il colpo di mano che tenteranno i sindaci del Pd su ordine del loro capo Ricci. Colpo di mano indicato nel secondo punto all’ordine del giorno della conferenza: “votazione sul criterio dell’area pubblica nell’individuazione del sito in  cui realizzare la nuova sede ospedaliera Marche Nord”.

Contrordine compagni! Avete perso tempo per un anno e mezzo, tra liti e sceneggiate, per scegliere il sito di Fosso Sejore  e ora, nascondendovi dai cittadini, deciderete di realizzare a Muraglia l’ospedale unico che chiuderà tutti gli ospedali della provincia per lasciare le porte aperte alla sanità privata e ai suoi interessi. Non serve la sfera di cristallo per comprendere che questo sarà l’esito della conferenza di sabato prossimo, senza ascoltare quei cittadini, sindaci e comitati che vi chiedono non l’ospedale unico ma un sistema ospedaliero policentrico che salvaguardi gli ospedali (di Fano, Pergola, Pesaro, Fossombrone, Urbino, Cagli e Sassocorvaro)!”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>