Che peccato Vuelle: fa soffrire Reggio Emilia ma poi perde (80-87)

di 

20 novembre 2016

vuelle-varese-foto-filippo-baioni-00014-2GRISSIN BON REGGIO EMILIA – CONSULTINVEST PESARO 87-80
GRISSIN BON REGGIO EMILIA: Aradori 18, Needham 17, Polonara 11, James 2, Della Valle 16, De Nicolas 0, Bonacini 0, Strautins 2, Cervi 5, Lesic 14, Gentile S. 2. All. Menetti
CONSULTINVEST PESARO: Fields 7, Gazzotti 2, Cassese ne, Thornton 18, Jasaitis 6, Ceron 3, Bocconcelli ne, Jones 22, Serpilli ne, Nnoko 0, Zavackas 6, Harrow 16. All. Bucchi
ARBITRI: Filippini, Weidmann, Grigioni
PARZIALI: 23-26, 25-13, 8-21, 31-20

REGGIO EMILIA – Un vero peccato. Pesaro rimane meritamente in partita fino all’ultimo, sul campo della seconda in classifica, subendo solo negli ultimi secondi il parziale di 7 a 0 che ha consentito alla Grissin Bon di imporsi per 87 a 80. Dopo essere stata sotto anche di dieci punti, la Vuelle è stata brava a credere nella rimonta e trascinata da Harrow e Jones si è portata anche avanti nell’ultimo quarto, per poi giocarsi il tutto per tutto nelle ultime azioni dove la maggior classe degli avversari è venuta fuori di prepotenza, mentre Pesaro ha pagato le disattenzioni di un Thornton, fin lì positivo. Male Nnoko, così così i lituani, ma la Consultinvest vista a Reggio Emilia avrebbe potuto anche portare a casa i due punti e si spera che giochi con la stessa grinta nelle prossime giornate, quelle dove un calendario leggermente più abbordabile, potrebbe consentirle di muovere una classifica che continua ad essere molto preoccupante.

Coach Bucchi si affida inizialmente ad Harrow, Fields e Jasaitis da esterni, Jones e Zavackas nelle vicinanze del canestro ed è il piccolo play biancorosso a segnare i primi due punti del match, con i padroni di casa che si portano sul 5 a 4 grazie a tre liberi segnati da Della Valle, vantaggio annullato da un gioco da tre punti di Jones che vale il 7 a 5 ospite, per una Vuelle che si affida al suo centro per cercare l’allungo (8-11), anche se la Grissin Bon può contare su un Della Valle formato nazionale, autore già di 9 punti. Harrow azzecca un paio di entrate e sul quarto punto segnato da Jasaitis, Pesaro si porta sul 18 a 13, grazie anche ad un attacco che finalmente scarica qualche pallone dentro l’area e sul contropiede finalizzato da Thornton, il tabellone segna 22 a 15 per la Consultinvest e coach Menetti è costretto a chiamare timeout, per rimettere a posto un attacco reggiano che sta perdendo qualche pallone di troppo. Entrano sul parquet anche Gazzotti e Ceron, in un primo quarto comunque ben giocato dalla Vuelle, che si chiude sul punteggio di Pesaro 26 – Reggio Emilia 23.

Una tripla di Lesic consente alla Grissin Bon di pareggiare ad inizio del secondo quarto e coach Bucchi non sembra contento dell’impatto dei suoi giocatori e dopo soli 34 secondi chiama timeout, nel tentativo di non far cambiare l’inerzia del match, anche se l’infrazione di cinque secondi commessa sulla rimessa non sembra di buon auspicio e infatti Reggio Emilia piazza un break di 9 a 0 (32-26 al 12’). Entra in campo anche Nnoko, che commette fallo dopo appena sette secondi di presenza sul parquet e bisogna aspettare tre minuti per vedere la Vuelle sbloccarsi in attacco, grazie ad una tripla di Zavackas, con Thornton che riporta Pesaro a meno tre (31-34). Coach Bucchi prova la carta della zona, anche per tutelarsi dai falli, con la Vuelle che ha già esaurito il bonus dei falli, consentendo ai padroni di casa di andare in lunetta con continuità e sono proprio i liberi a portare la Grissin Bon al massimo vantaggio (40-31) e la sensazione che questo possa già essere il break decisivo del match, per una Consultinvest che ha segnato solo cinque punti in sei minuti e deve fare anche a meno di Harrow, costretto ad uscire per un problema alla caviglia destra. Senza il suo play titolare, si ripresentano puntali i problemi in cabina di regia e non è casuale che i primi due attacchi generino due forzature alla scadere dei 24 secondi, mentre Nnoko si fa notare solamente per i falli commessi – siamo già a quota tre – con la Grissin Bon che sembra in grado di controllare il match e chiude il secondo quarto avanti sul punteggio di 48 a 39.

Le statistiche di metà partita evidenziano i soliti problemi della Vuelle nel tiro da tre (2 su 8) e dalla lunetta (7 su 10), con la lotta a rimbalzo che vede i ragazzi di Bucchi avanti per 18 a 15 e la coppia Jones (12) e Thornton (11) in doppia cifra.

Si ricomincia senza Harrow e dovranno essere Thornton e Fields a farne le veci, con Brandon che segna sei punti di fila per il meno tre ospite (48-45), mentre Thornton commette due falli evitabili su De Nicolao, coach Bucchi rischia e rimette sul parquet Harrow, che non sembra in grandissima forma, ma prova stoicamente a dare il suo contributo, con tanto di assist per Jones che vale il meno uno (50-49) e la tripla del 52 pari, in un terzo quarto dove non si sta segnando tantissimo, con le difese abili nel contenere attacchi non proprio limpidissimi da ambo le parti e che si conclude con la Consultinvest avanti per 60 a 56, grazie ad una tripla di Ceron.

Aver tenuto gli avversari a soli otto punti segnati nel terzo periodo è sicuramente un merito dei giocatori di Bucchi, che sono ancora meritamente in partita e questo non era sicuramente scontato all’intervallo, anche se il coach pesarese deve sopperire alla serataccia di Nnoko, arrivato già a quattro falli commessi. Della Valle con una tripla riporta avanti i suoi (61-60), triple che la zona pesarese sta consentendo con troppa facilità e sul 66 a 62 per i padroni di casa, coach Bucchi chiama prontamente timeout, avendo visto la Vuelle subire 10 punti in soli due minuti, ci pensa Harrow con quattro punti consecutivi a far rimanere a galla Pesaro, che deve subire l’ennesima tripla dei reggiani (70-66) e si affida al solito Jones, arrivato a quota 20 punti personali, per cercare di rimanere in scia (70 pari al 35’) ad una Grissin Bon che con un gioco da tre punti di Aradori rimette il naso avanti. E’ il momento decisivo del match e Thornton segna il nuovo più uno ospite con un jump dai cinque metri e si entra negli ultimi tre minuti con la Vuelle avanti per 76 a 75, ma deve subire la tripla di Needham (76-78), subito pareggiata da Thornton. Aradori mostra tutta la sua classe con il canestro del 80 a 78, ma Pesaro crede nel colpaccio e con il 22esimo punto di Jones pareggia a cento secondi esatti dalla sirena. Reggio sbaglia tre attacchi consecutivi, ma dopo la palla persa da Thornton, è Needham a segnare la tripla del 83 a 80, lasciando a Pesaro 30 secondi per provare almeno ad impattare, ma purtroppo Thornton perde ancora palla banalmente, con un brutto passaggio ad Harrow sulla linea laterale e Aradori dalla lunetta porta i padroni di casa sul più cinque, sancendo di fatto la vittoria di una Grissin Bon cinica, che vince col punteggio finale di 87 a 80.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>