Pesaro Rugby: Simone Mattioli ancora presidente. Ecco il nuovo consiglio direttivo

di 

22 novembre 2016

PESARO – Sabato scorso, come da cronoprogramma cadenzato dall’attuale anno olimpico, la Pesaro Rugby si è riunita in assemblea per il rinnovo di tutte le sue cariche societarie. Nell’occasione è stato composto il nuovo consiglio direttivo per il quadriennio 2016-2020, con l’assemblea elettiva che ha confermato in Simone Mattioli la carica di presidente del sodalizio giallorosso per i prossimi quattro anni. Carica che Mattioli ricopre già dal 2010.

 

Il nuovo consiglio direttivo ha visto in primis la nomina di Francesco Antinori che passa da tesoriere a vicepresidente della società. Consiglio direttivo che ha visto anche la conferma del prof. Roberto Lisotti, di Giovanni Di Bari e Massimo Pozzi . Cinque le new entries nel consiglio: Christian Polidori, Marco Bonacoscia, Donato Rutigliano e gli avvocati Roberto Biagiotti e Federica Panicali.

 

Rinnovo delle cariche che ha ratificato anche la conferma di Matteo Diotalevi in qualità di direttore sportivo, la nomina di Roberto Biagiotti nelle vesti di direttore operativo e quella di Giacomo Gargamelli come tesoriere.

 

L’assemblea elettiva è stata anche l’occasione per nominare due nuovi soci onorari come Gabriele Del Monte e Enrico Luè Verri per i grandi meriti sportivi riconosciuti nel loro impegno per il rugby fin dagli albori della palla ovale pesarese. Sono stati invece nominati per il Collegio dei Probiviri Roberto Baldini, Severino Coculla e lo stesso Enrico Luè Verri.

 

E’ il punto di partenza di un quadriennio importante perché segnerà un appuntamento storico come il cinquantennale della Pesaro Rugby (nel 2019) – spiega il presidente Mattioli – Vogliamo onorare questo appuntamento confermando quanto di buono fatto e cercando di migliorarci ulteriormente”. A cominciare dall’aspetto sportivo: “Puntiamo a mantenere questa prestigiosa categoria di serie A per la prima squadra e continuare il percorso fruttuoso intrapreso da Under 16 e Under 18. Dove vogliamo che il serbatoio giovanile sia ancor più qualificato. Ugualmente siamo decisi a rinnovare il nostro impegno con la squadra Cadetta puntando a guadagnare anche una categoria superiore all’attuale C2”. Macro-obiettivi che contemplano anche il salto di qualità infrastrutturale: “L’arrivo della nuova tribuna (vedi foto ) – conclude Mattioli – deve essere solo il primo passo per creare nei prossimi quattro anni un ambiente sempre più funzionale e accogliente. In primis l’aggiunta non più rimandabile di un secondo campo da gioco in sintetico e il miglioramento infrastrutturale di spogliatoi e servizi del Toti Patrignani

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>