Come si diventa famiglia affidataria. Un appuntamento questa sera a Montecchio. Si replica il 16 dicembre a Pesaro

di 

25 novembre 2016

PESARO – L’Ambito territoriale sociale 1 di Pesaro, con il sostegno dell’assessorato alla Solidarietà del  Comune, organizza  due  incontri di conoscenza e approfondimento, per informare e sensibilizzare i cittadini sulla risorsa: “affido familiare”.

Il primo incontro si svolge oggi venerdì 25 novembre, a Montecchio alle 21 nella parrocchia Santa Maria Assunta (in piazza S Giovanni XXIII).

Le iniziative sono realizzate con in collaborazione con l’associazione Papa Giovanni XXIII e la comunità Caanan di Montelabbate.

L’incontro successivo è previsto per venerdì 16 dicembre nella  sede  del  centro per le Famiglie di Pesaro, in via Rossini (accanto al teatro Sperimentale).

Una parte degli incontri  è dedicato al ruolo della comunità familiare nell’accompagnamento del bambino, dalla sua uscita dalla comunità ad una famiglia affidataria, mentre nella parte successiva verrà  posto  al centro dell’attenzione la testimonianza di famiglie che stanno vivendo l’esperienza dell’affido. Le iniziativa hanno come obiettivo principale la ricerca di famiglie che desiderano candidarsi come affidatarie, oltre ad  informare tutte le persone interessate che a vario titolo si occupano dell’infanzia e delle sue problematiche.

L’affido famigliare consiste nell’aiutare una famiglia ad attraversare un periodo di vita difficile prendendosi cura dei suoi figli.

famiglia3501La famiglia affidataria ha il delicato compito di accompagnare il minore in una fase evolutiva della sua crescita per un periodo di tempo che può essere più o meno lungo.

L’affido può essere di tipo residenziale oppure  per alcuni giorni o per alcune ore durante il corso della settimana.

 

La famiglia che ha in affido il minore collabora con il servizio Affidi e le istituzioni coinvolte per favorire un possibile rientro del minore  nella propria famiglia di origine, occupandosi della sua educazione, delle sue necessità e supportandolo anche affettivamente nel superare i disagi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>