Volley A2, Eleni Kiosi trascina la myCicero con 7 ace e tanti attacchi vincenti, Rimoldi guida bene la capolista che rinuncia a Di Iulio e porta in panchina la giovane Aluigi

di 

27 novembre 2016

Eleni Kiosi premiata come migliore giocatrice della partita

Eleni Kiosi premiata come migliore giocatrice della partita

LPM BAM MONDOVI’ – MYCICERO VOLLEY PESARO 0-3
LPM BAM: Bici 10 (9/34; 1 muro), Costamagna ne,, Carraro, Poma (L: ricezioni 18, errori 2, positiva 50%, perfetta 22%), Martina ne, Dhimitriadhi 11 (10/38; 1 muro), Borgogno 7 (3/9; 4 muri), Bruno 1 (0/5; 1 muro), Stomeo 3 (2/2; 1 muro), Rolando (L: ricezioni 26, positiva 62%, perfetta 15%), Bonelli ne, Cane, Camperi 3 (3/22). All. Secchi; vice Pretto
MYCICERO: Mastrodicasa 6 (4/7; 2 muri), Degradi 10 (9/30; 1 ace), Olivotto 7 (5/12 ; 2 muri), Ghilardi (L: ricezioni 14, positiva 93%, perfetta 57%), Gamba 1 (1 ace), Kiosi 22 (14/33; 7 ace; 1 muro), Bussoli ne, Santini 15 (15/35. ricezioni 20, positiva 75%, perfetta 30%), Pamio (0/1), Rimoldi 1 (0/1; 1 muro), Tonello. All. Bertini; vice Burini
ARBITRI: Angelo Santoro di Varese e Michele Marotta di Firenze
PARZIALI: 19-25; 18-25; 15-25 in 73 minuti
STATISTICHE DI SQUADRA: MONDOVI': Battute 53, errori 4. Ricezioni 69, errori 9, positiva 52%, perfetta 16%. Attacchi 110, errori 8, muri subiti 6, punti 27, 25%. Muri fatti 8. Errori avversarie 17. PESARO: Battute 74, errori 5, punti 9. Ricezioni 49, positiva 76%, perfetta 41%. Attacchi 119, errori 7, muri subiti 8, punti 47, 39%. Muri fatti 6. Errori avversarie 13
NOTE: spettatori circa 500. In tribuna anche 7 Balusch arrivati in auto da Pesaro, ma anche Martina Bordignon e Sofia Spadoni, ex colibrì

I Balusch presenti al Palamanera di Mondovì

I Balusch presenti al Palamanera di Mondovì

PESARO – Chissà come si dice in greco “figliol prodigo”. O se Luca Secchi ha pensato all’opposto ellenico come Cesare davanti a Bruto. Eleni, portata in Italia dall’allenatore della Lpm, ha sfoderato una partita di assoluto valore. Forse la migliore in maglia myCicero, come confermano sia la percentuale offensiva, sia i 7 ace che hanno mortificato la ricezione di Mondovì, “una squadra giovane che – parole di Barbara Rossi, presidente del Volley Pesaro – che merita assai più dei punti che ha in classifica”.

Una serata da “megálos”, da grandissima, per Eleni.

E pensare che in mattinata, quando la squadra pesarese aveva preso confidenza con il taraflex del Palamanera, si era avuta la conferma che i problemi di Isabella Di Iulio non erano finiti con l’estrazione di un dente del giudizio. Così si è dimostrata felice l’intuizione di portare a Mondovì la giovanissima Mariaelena Aluigi, classe 2001, palleggiatrice e sorella d’arte, della quale abbiamo scritto in settimana, raccontando che, in assenza della titolare, aveva garantito allenamenti competitivi.

Allenamenti che avevano confermato le qualità di Rebecca Rimoldi. Come già lo scorso anno contro Pesaro, quando indossava la maglia di Monza, e aveva partecipato da protagonista al successo sulle ragazze di Bertini, la palleggiatrice milanese ha guidato con grande serenità la myCicero, confermando incredibili doti di equilibrio per la sua giovane età (classe 1998). Ci piace averlo raccontato in settimane, ci piace confermarlo oggi. Brave le compagne, a incominciare da una super Ghilardi, che si era tanto arrabbiata per la prova di domenica scorsa contro Brescia e ha risposto con la solita classe. Lei, ma anche Degradi e soprattutto Santini – certamente alla sua migliore prestazione da quando è a Pesaro, hanno messo in mano alla regista tante palle ben giocabili. La ricezione pesarese è stata davvero efficace, come confermano le statistiche individuali e di squadra.

Così, espugnando il Palamanera di Mondovì, la myCicero ha conquistato la settima vittoria in altrettante partite. Sette su sette, facendo sempre il pieno, 21 punti per la squadra che guida una classifica che sembra avviata a un lungo derby marchigiano, visto che la Lardini conferma le proprie qualità espugnando agevolmente Brescia, con la sempre più sorprendente Lilliput nel ruolo di terzo incomodo.

Il primo parziale è deciso dall’attacco pesarese

Le colibrì salutano i tifosi pesaresi e il pubblico piemontese: sorride anche Marialena Aluigi

Le colibrì salutano i tifosi pesaresi e il pubblico piemontese: sorride anche Marialena Aluigi

PRIMO SET
Lo vince (19-25 in 26 minuti) la myCicero, che all’inizio (ma anche nella fase decisiva) soffre l’impegno delle monregalesi scese sul taraflex con Stomeo in regia in diagonale con Bici; al centro Borgogno e Bruno, a schiacciare e ricevere Dhimitriadhi e Camperi; Rolando libero. Bertini manda in campo Rimoldi. E con la giovane palleggiatrice milanese le solite titolari: Kiosi in diagonale, al centro Mastrodicasa e Olivotto, a schiacciare e ricevere Degradi e Santini, Ghilardi libero. I primi vantaggi sono monregalesi. Giusto un punto, però, perché il primo break è esterno, con Santini e Kiosi in luce: 5-7. Due punti che diventano 3 sull’8-11. Mondovì risponde con Borgogno e Dhimitriadhi a quota 2 ed è parità a 12, quando la metà dei punti è omaggio delle colibrì, che invece, quando riprendono 2 lunghezze di margine (12-14) hanno realizzato ben 13 punti con 11 attacchi, 1 ace (Kiosi) e 1 muro (Mastrodicasa). Altro break pesarese sul 14-17, con 5 colibrì a segno e Rimoldi a distribuire. L’elastico s’allunga verso le pesaresi (15-20) che hanno tre ragazze a quota 4, una a 3 e due a 1, con Rimoldi che ha messo a terra un muro. La myCicero si fa quasi riprendere (19-21), ma con Rimoldi in battuta chiude agevolmente. Sarebbe stato impossibile non farlo, perché se le ricezioni si equivalgono (zero errori pesaresi, 71% positiva, 35% perfetta; 1 errore e 70% e 22% Lpm, l’attacco ha fatto la differenza: 37% (17/46), contro il 25% (11/44) di Mondovì. 8 punti di Kiosi, 4 di Santini, 3 per Mastrodicasa e Degradi, 1 Olivotto e Rimoldi. Per la squadra di Secchi, 4 punti Dhimitriadhi, solo 2 (su 12) per Erblira Bici, obbligata al 17% dalla difesa pesarese. Fa altrettanto la difesa Lpm di Alife Degradi, che va al cambio di campo con 3/12, inusuale per lei.

Se Bertini fa il… meccanico

SECONDO SET
Si ripete la myCicero, che vince anche il secondo parziale (18-25 in 26 minuti). Pronti, via ed è subito fuga (0-4), rintuzzata dalla Lpm (5 pari. Nella terra che ha dato grandi campioni al ciclismo (Fausto Coppi su tutti), e contro una squadra che schiera… Bici, la myCicero insiste e vola via (9-17) ancora una volta con il servizio di Rimoldi, quando Kiosi è già in doppia cifra. Sul 10-18, però, le colibrì accusano la fatica di una salita che diventa difficile e sui tornanti proposti dal servizio di Monica Bruno forano 4 volte, obbligando il “meccanico” Bertini a intervenire (14-18). La più lesta al cambio… gomme è Kiosi e la myCicero recupera 6 lunghezze (15-21). Chi insegue, però, non ha alcuna intenzione d’arrendersi e infila un parziale di 8-3 (18-21). Ancora una volta è Kiosi a respingere il tentativo di rimonta, mettendo a terra il terzo ace della sua gara. Pesaro guadagna 6 palle set e chiude alla prima.

Nicole Gamba mette il sigillo con un ace

TERZO SET
Finisce 15-25 in 21 minuti e vede in campo anche Alice Pamio, per la quale ha speso splendide parole l’allenatore della Lpm. Parte bene la myCicero, che si porta sul 2-6 e difende il margine dalla risposta monregalese. Anzi l’aumenta (6-11) con Olivotto che mura Bici. Kiosi obbliga il suo ex allenatore Secchi a fermare il gioco schiacciando una palla difesa benissimo da Ghilardi: 7-13. La Lpm, però, ha una straordinaria forza d’animo e impedisce l’ennesima fuga (12-14), obbligando Bertini al time-out. Una pausa vincente, perché le colibrì, tra un muro di Olivotto, le schiacciate di Santini e Mastrodicasa e l’ennesimo servizio vincente di Kiosi, si portano sul 13-20. Secchi ferma il gioco, ma non la vena dell’opposto di Salonicco che infila un’altra battuta perfetta. Un’invasione di Borgogno, che pure aveva messo a terra l’attacco, regala il punto numero 22 alla myCicero. Si rivede Degradi e Pesaro è a due punti dalla vittoria. Bici non ci sta e prova ad allungare la partita, ma la Lpm niente può sul pallonetto di Santini e il successivo ace di Nicole Gamba.

Barbara Rossi applaude Mondovì: “Pubblico molto sportivo”

Alla fine, Barbara Rossi ha applaudito la Lpm: “Abbiamo giocato in un bel palazzetto, che ospita anche la serie A2 maschile, davanti a un bel pubblico, composto da tifosi molto corretti. Ho conosciuto anche la presidente Alessandra Fissolo; sono persone molto sportive”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>