Rof, è stato un 2016 da record. Il consuntivo della 37esima edizione

di 

1 dicembre 2016

Rossini.jpegPESARO – Il consuntivo del Rossini Opera Festival 2016 conferma i numeri anticipati la scorsa estate. Il botteghino ha fatto registrare il record assoluto di incassi (1.158.451,50 euro) e un numero di presenze (17.248) mai registrato nella storia recente della manifestazione. Senza precedenti anche la percentuale di stranieri, che ha raggiunto addirittura il 71%: ben 42 le nazioni presenti, ai primi posti Francia, Germania, Giappone, Inghilterra, Stati Uniti. Anche gran parte dei giornalisti vengono dall’estero: hanno realizzato servizi sul Rof testate provenienti da 33 paesi del mondo. Rai Radio3 ha diffuso in diretta su Euroradio il cartellone operistico della manifestazione, riproposto dalle radio di 14 paesi di tre continenti. Le tre opere sono state inoltre ascoltate in tutto il mondo in diretta online e, per una settimana, in streaming on demand sul sito web di Rai Radio3. Il viaggio a Reims del 12 agosto è stato trasmesso in diretta streaming sul sito web, sulla pagina Facebook e sul canale YouTube del Rossini Opera Festival. In aumento la presenza giovanile: oltre 500 gli Under 26, grazie alle speciali agevolazioni quali il Biglietto Giovane per gli spettacoli dell’Adriatic Arena, l’abbonamento Easy Rof per gli studenti del Conservatorio G. Rossini e la presenza di biglietti di fascia economica per tutti gli spettacoli del Festival. Ma l’interesse dei giovani per il Rof non è frutto solo delle politiche di prezzo: la quinta edizione di Crescendo per Rossini, l’attività didattica svolta del Festival nelle scuole primarie e secondarie della provincia, ha coinvolto 32 classi di 12 istituti scolastici della provincia, per un totale di circa 800 ragazzi. 300 di essi hanno inoltre assistito alla prova antegenerale della Donna del lago assieme ai loro insegnanti. Durante tutto il 2016 è proseguita l’intensa attività di promozione che il Festival svolge da anni in collaborazione con gli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Si sono tenuti cicli di videoproiezioni e recital nelle sedi di Sydney, Chicago, Los Angeles e Dublino. Il momento-clou della stagione è coinciso con le celebrazioni del compleanno di Rossini presso le sedi di Amburgo, Dublino, Istanbul, Chicago, Los Angeles, New York (Casa Italiana Zerilli Marimò), Sydney.

Il XXXVIII Rossini Opera Festival (10-22 agosto 2017) proporrà, in collaborazione con la Fondazione Rossini la prima assoluta in edizione critica di Le siège de Corynthe (direttore Roberto Abbado e regia affidata alla Fura dels Baus). Accanto ad essa, La pietra del paragone (direttore Daniele Rustioni e regia di Pierluigi Pizzi), che manca a Pesaro da quindici anni, e il rarissimo Torvaldo e Dorliska (direttore Francesco Lanzillotta e regia di Mario Martone). Il Festival giovane con Il viaggio a Reims (e Il viaggetto a Reims dedicato ai bambini), nonché un fitto programma di concerti, incontri e iniziative varie completeranno come sempre il cartellone, che si concluderà con lo Stabat Mater videotrasmesso in diretta in Piazza del Popolo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>