Finalmente Vuelle: la Consultinvest espugna Cremona (73-71)

di 

4 dicembre 2016

vuelle-varese-foto-filippo-baioni-00014-2VANOLI CREMONA – CONSULTINVEST PESARO 71-73
VANOLI CREMONA: Amato 2, Mian 2, Gaspardo 11, Harris 8, Carlino 6, Wojciechowski 0, Biligha 9, Turner 8, Thomas 8, Holloway 17. All. Pancotto
CONSULTINVEST PESARO: Fields 15, Gazzotti 3, Cassese 0, Thornton 8, Jasatis ne, Ceron 1, Jones 16, Serpilli 0, Nnoko 8, Zavackas 3, Harrow 19. All. Bucchi
ARBITRI: Seghetti, Bettini, Quarta
PARZIALI: 22-29, 23-12, 13-15, 13-17

CREMONA – Era ora. Pesaro torna a vincere fuori casa dopo otto mesi e lascia l’ultimo posto solitario proprio a Cremona, al termine di un match bruttino, tra due squadre che non hanno giocato certamente una bella pallacanestro. A decidere la partita è stata una tripla segnata da Thornton negli ultimi secondi, con la Vuelle che ha fatto di tutto per perderla, tra rimbalzi lasciati agli avversari e la solita deficitaria percentuale dalla lunetta, ma fortunatamente la Vanoli ha fatto peggio della Consultinvest, che ha avuto comunque il merito di crederci, rimontando uno svantaggio che aveva anche raggiunto la doppia cifra, bene Jones e Harrow, segnali positivi da Nnoko e anche Fields ha fatto la sua parte, per una Vuelle che non ha risolto i suoi problemi, ma può guardare al futuro con un pizzico di tranquillità in più.

La Consultinvest si presenta al PalaRadi con Jasaitis nei dodici solo per onor di firma, dovendo rinunciare anche stasera al lituano, fermato dalla lombalgia che ormai lo affligge da una decina di giorni e coach Bucchi cambia qualcosa nello starting five, schierando Nnoko e Jones sotto i tabelloni, con Thornton, Fields e Harrow da esterni, i primi quattro punti biancorossi arrivano per merito di Nnoko, che finalmente viene servito coi tempi giusti vicino a canestro e si fa notare anche per una bella stoppata su Holloway e su un arresto e tiro di Thornton, Pesaro si porta sul 6 a 3, vantaggio annullato subito dai padroni di casa che, con una tripla di Turner, ribaltano il punteggio, portandosi sull’11 a 10, la Vuelle allora decide di andare da Jones, che risponde presente con cinque punti consecutivi, ma deve fare a meno temporaneamente di un positivo Nnoko, che commette il solito prematuro secondo fallo, sostituito da capitan Gazzotti. Si fa notare anche Fields e sulla tripla dall’angolo segnata da Harrow, la Consultinvest si porta sul 18 a 14, con Cremona che sfrutta il bonus esaurito per rimanere in scia, grazie alla buona percentuale dalla lunetta e sono proprio due liberi di Gaspardo a riportare il punteggio in parità a quota 20, in un primo quarto dove si è segnato molto e che la Consultinvest chiude meritamente avanti per 29 a 22, grazie ad una tripla segnata da Jones a fil di sirena.

C’è anche il baby Cassese nel quintetto che inizia il secondo quarto, per una Vuelle che raggiunge il massimo vantaggio (31-22) grazie a Thornton, mentre Jones arriva a quota 12 punti personali, ma Cremona piazza il break che la riporta sul 29 a 33, costringendo coach Bucchi a chiamare timeout, incentrato sulle amnesie difensive dei suoi giocatori, con Gaspardo che segna sei punti consecutivi senza nessuna opposizione, le percentuali dal campo scendono inevitabilmente per la Vuelle, dopo un buon primo quarto e la Vanoli ne approfitta per portarsi in parità a quota 37 grazie al solito Gaspardo, da segnalare che Pesaro segna il primo libero del match dopo ben 17 minuti con Ceron, ma l’inerzia del match sembra girata dalla parte dei padroni di casa, che battono la difesa stile presepe della Vuelle senza troppe difficoltà e volano sul 41 a 38, con un parziale aperto di 17 a 5. Jones non riesce più a trovare la via del canestro e ci vuole una tripla di Zavackas per rompere un digiuno offensivo che si stava prolungando pericolosamente, per una Vuelle che ha giocato un pessimo secondo quarto, dove ha segnato solamente 12 punti, finendo sotto nel punteggio per 41 a 45.

Le statistiche di metà partita evidenziano i 14 punti e i 6 rimbalzi di Jones, per un Consultinvest che sta tirando male da tre (4 su 14), ma soprattutto è stata dominata a rimbalzo, con Cremona che ne ha catturati ben 30 contro i 13 dei pesaresi, con la gemma dei 10 offensivi, contro i soli 9 difensivi presi dai ragazzi di coach Bucchi.

Pesaro ripresenta il quintetto all-black ad inizio del terzo periodo, con Thornton che segna la tripla del meno tre, ma butta via un paio di palloni nelle azioni successive, costringendo la Vuelle ad inseguire una Vanoli che si porta sul 54 a 46, grazie ad una tripla di Turner. I ragazzi di coach Bucchi sembrano in rottura prolungata, con l’attacco che è ritornato a quell’’uno contro cinque che difficilmente ti fa vincere le partite e la difesa che fatica a rientrare e concede troppi canestri facili agli avversari, che senza grossi meriti specifici, si trovano a gestire un vantaggio che ha già raggiunto la doppia cifra. L’attacco pesarese è nelle mani del solo Harrow – 16 punti – che con una tripla riporta i suoi a meno cinque (58-53), ma non riesce mai a coinvolgere i compagni negli schemi o a quello che ci va più vicino, considerando che l’assist sembra un optional, ma almeno ha il merito di provarci e consente alla Consultinvest di chiudere il terzo quarto in svantaggio di soli due punti sul punteggio di 58 a 56.

Archiviato un terzo quarto da cancellare subito dal vostro MySky, rimangono dieci minuti per provare l’impresa di vincere fuori casa ad otto mesi di distanza dall’ultima volta, ma ci vorrà il contributo della Vanoli, altrimenti non sarà affatto semplice, una tripla di capitan Gazzotti riporta avanti Pesaro, mentre Harrow deve uscire dopo aver ricevuto un colpo al ginocchio, riconsegnando così la bacchetta del comando a Thornton, che si fa subito notare per aver orchestrato due azioni concluse con due tiracci allo scadere dei 24 secondi, si segna col contagocce (62-61) e Bucchi prova la carta della zona. Si rivede Fields, con tre canestri consecutivi per il nuovo vantaggio ospite e si entra negli ultimi tre minuti con la Vuelle avanti per 68 a 64, vantaggio ridotto da due liberi segnati da Holloway, mentre Jones conquista un importante rimbalzo offensivo, tramutato nel canestro del 70 a 66, quando mancano 68 secondi alla sirena. Holloway si ripresenta in lunetta e fa un nuovo due su due, ma ci pensa Thornton a segnare la tripla del 73 a 68, al termine di una delle migliori azioni costruite dalla Vuelle in questo match. Il cronometro indica che mancano 37 secondi e Cremona si affida ai soliti liberi di Holloway (70-73) per tornare sotto e a decidere la partita sarà proprio la percentuale dalla lunetta delle due squadre, Jones sbaglia da tre e a 5 secondi dal termine è ancora Holloway a presentarsi in lunetta, il cremonese ne segna uno solo (71-73) e il pallone decisivo finisce nelle mani di Harrow che subisce fallo e sbaglia entrambi i liberi, ma fortunatamente il tempo finisce e la Vuelle vince col punteggio finale di 73 a 71.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>