Volley A2, il meglio (ma anche il peggio) della nona giornata: un mercoledì sera da ricordare per Cisterna e Mondovì. Mazzaro da applausi, è Mvp

di 

8 dicembre 2016

PESARO – La prova del 9 è stata positiva per diverse squadre, a incominciare da Cisterna e Mondovì che hanno conquistato la seconda vittoria stagionale, la prima con bottino pieno per le laziali. Al contrario, alcune delle possibili pretendenti alla promozione hanno accusato ulteriori battute d’arresto. E’ vero che mercoledì sera si è concluso solo il primo terzo della stagione regolare, ma se Caserta – che tutti giudicavano sicura protagonista, con Filottrano, Pesaro e Trento – vorrà rientrare almeno nella lotta per i playoff dovrà cambiare marcia negli ultimi due terzi.

La prova del 9 ha confermato inoltre le qualità di giocatrici importanti per le squadre d’appartenenza, a incominciare da Alessia Mazzaro, la nostra Miss Volley della nona di campionato.

Eccoci, allora, al meglio (ma anche al peggio) della giornata in serie A2:

Miss Scorer, migliore realizzatrice

manfredini

Costanza Manfredini (Volley Soverato): l’opposto comasco ha realizzato 27 punti, come la collega Tereza Vanzurova. Però attribuiamo il riconoscimento alla giocatrice lombarda, che ha trascinato la squadra calabrese a un successo prezioso come quello conquistato a Settimo Torinese, contro la Lilliput che si presentava all’appuntamento occupando il terzo gradino del podio, anche se è doveroso sottolineare la sfortuna delle piemontesi: già prive di Vilcu, hanno dovuto rinunciare anche ad Akrari, vittima dell’influenza.

Miss Ace, migliore servizio

unknown

Alice Degradi (myCicero Pesaro): i suoi 5 ace, di cui 3 a inizio terzo set per scacciare la paura dopo un set gettato al vento dalle ragazze di Bertini.

Miss Wall, migliore muro

furlan

Eleonora Furlan (Sab Grima Legnano): la ventunenne di Ponte di Piave, che Legnano ha pescato a Rovigo (come Grigolo), è un muro invalicabile per le attaccanti bresciane: 6 muri in 3 set sono tanta ricchezza per la squadra di Andrea Pistola.

Miss Spiker, migliore attaccante

unknown-1

Kiesha Leggs (Fenera Chieri): l’americana ex Urbino chiude con il 61% offensivo, in virtù di 11 su 18, che magari non basta per vincere, ma serve per tornare a casa con 1 punto, dopo che Chieri era andata sotto di 2 set nel derby con Mondovì.

Miss Setter, migliore palleggiatrice

caracuta

Valeria Caracuta (Golem Software Palmi): l’esperta regista, una vita in serie A1, scudetti e altri trofei al coperto e sulla sabbia, trascina Palmi a un successo facile su Caserta. C’è da scommettere che vorrà ripetersi domenica, per festeggiare nel migliore dei modi il 29° compleanno (mercoledì 14). Auguri!

Miss Bagher, migliore ricezione

barbagallo

Alice Barbagallo (Golem Software Palmi): seconda stagione in Calabria per il libero aretuseo, 19 anni, che produce grandi cifre contro Caserta: 12 ricezioni, niente errori, 92% positiva, 58% perfetta.

Miss Flop, la delusione della giornata

vyakovic

Olga Vyazovik (Battistelli San Giovanni in Marignano): in realtà, sarebbe una (brutta) sfida con Bertone, che ha numeri peggiori (1/12 offensivo, 8%) della russa, che totalizza 4/26 (15%). Ma Olga è stata scelta per dare una mano alla matricola. Una mano che in verità non si vede, tanto che ieri sera, nel palasport romagnolo, si parlava di un possibile divorzio tra lei e la Battistelli, che – priva di Marta Agostinetto – sperava in molto più di un pessimo 4/26 di Vyazovik.

Miss Volley, la migliore giocatrice della giornata

unknown-2

Alessia Mazzaro (Lardini Filottrano): 6 muri come Furlan, 1 ace e 9/13 offensivo (53%), migliore percentuale individuale fra le ragazze di Massimo Bellano, che conferma posizione e ruolo. E – cari amici – ha festeggiato 18 anni meno di 3 mesi fa. Sembrava impossibile a inizio stagione, ma lei sta smentendo tutti e si candida al ruolo di Miss Volley della serie A2.

Mister Coach, migliore allenatore

droghei

William Droghei (Omia Cisterna): la squadra laziale ha espugnato Olbia, conquistando il secondo successo stagionale, il primo che ha fatto incamerare 3 punti. Un successo in rimonta, in trasferta, tanto morale per l’allenatore e le ragazze. Attenzione a non ritenere Cisterna, ma anche Mondovì, già spacciate. Entrambe le squadre hanno qualità e forza morale per venire fuori da una brutta posizione in classifica. I successi di mercoledì sera sono una conferma e uno stimolo a fare meglio.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>