Approvato il Piano Energetico Regionale. Biancani: “Previsti interventi per 77 milioni per efficientamento energetico di imprese e enti pubblici”

di 

23 dicembre 2016

ANCONA – Un finanziamento di 77 milioni di euro per l’efficientamento energetico e l’incremento delle energie rinnovabili per imprese, enti pubblici e per un minor inquinamento del nostro territorio è stato fissato dalla Regione Marche con il nuovo Piano energetico regionale.

“La strategia del nuovo PEAR si basa sul potenziamento dell’efficientamento energetico e sul rafforzamento dell’uso delle energie rinnovabili – afferma Andrea Biancani, Presidente della Commissione Ambiente della Regione – introducendo principi quali l’autoproduzione e l’autoconsumo con l’obiettivo di sostituire i combustibili fossili. Incremento della mobilità sostenibile, creazione di piattaforme logistiche per la distribuzione delle merci, sostituzione delle coperture di amianto negli edifici industriali e civili e nei parcheggi, illuminazione pubblica sono tra gli obiettivi prioritari del Piano che mira alla riduzione del consumo regionale di energia del 20% di cui il 25.8% deve provenire da fonti rinnovabili.”

Il PEAR prevede una serie di interventi che saranno supportati da un finanziamento di 57 milioni di Euro provenienti dal POR-FSER e 20 dal PSR.

Con i fondi del POR–FSER si intende sostenere soprattutto le piccole e medie imprese per il loro efficentamento che interesserà anche le strutture sanitarie, gli edifici pubblici, la pubblica illuminazione e la conversione del parco bus del trasporto pubblico locale. In merito a questo ultimo aspetto viene incentivato l’incremento della mobilità collettiva e la creazione di piattaforme logistiche per la distribuzione delle merci.

Andrea Biancani

Andrea Biancani

Per quanto concerne l’incremento delle fonti rinnovabili particolare attenzione è rivolta agli impianti fotovoltaici soprattutto per la sostituzione delle coperture in amianto negli edifici industriali e civili e nei parcheggi pubblici;

I venti milioni del PSR saranno destinati alle aziende agricole per la produzione di energia da fonti rinnovabili puntando soprattutto all’autoconsumo e al sostegno di quelle azioni volte alla riduzione dei consumi energetici.

La Regione dovrà ora produrre una serie di normative specifiche a sostegno degli obiettivi individuati dal PEAR e realizzare una campagna di informazione rivolta soprattutto alle imprese per far conoscere le consistenti potenzialità offerte dal Piano.

In questo quadro sarà anche importante una politica fiscale nazionale che veda proseguire l’impegno del Governo, già stabilito nella legge di stabilità per il 2017, per quanto concerne il bonus per la riqualificazione energetica delle abitazioni e l’acquisto di elettrodomestici efficienti.

Il Piano ha visto il confronto e il coinvolgimento di ventisei soggetti tra associazioni di categoria e ambientaliste, ordini professionali e sindacati che hanno presentato oltre duecento osservazioni, molte delle quali sono state accolte e inserite nel PEAR. Con questo nuovo strumento normativo le Marche puntano alla innovazione, alla sostenibilità e alla tutela dell’ambiente. Un modello positivo per l’intero Paese”

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>