Provocazione di CasaPound: Babbo Natale per Ricci e la coop Labirinto

di 

24 dicembre 2016

PESARO – Una nuova azione dimostrativa di CasaPound: due Babbo Natale sono stati consegnati in via Filangeri e alla sede della cooperativa Labirinto per protestare contro la cessione dell’ex asilo per farne un centro di servizi dello SPRAR.

“Con anticipo, Babbo Natale Ricci ha consegnato al quartiere di Montegranaro dei nuovi uffici dedicati all’assistenza degli immigrati e alla Cooperativa Labirinto uno stabile ad uso gratuito per favorire il proprio business – scrive in una nota il responsabile pesarese di CasaPound Christiano Demontis – Mi hanno detto che in via Filangeri arriverebbero 3-4 rifugiati al giorno. Se i numeri sono questi si fa, non c’è protesta che tenga”.

“Così il nostro sindaco ha voluto mettere la pietra tombale su quella che per lui é una protesta inutile – continua Christiano Demontis – in barba ai cittadini e al loro chiaro desiderio di non ospitare in via Filangeri alcun ufficio Sprar. Chi ha fornito i numeri dell’affluenza a Ricci? Immaginiamo la stessa cooperativa Labirinto alla quale ha donato l’uso gratuito del locale comunale per 3 anni, senza bando e dopo averlo negato agli anziani del quartiere che ne chiedevano l’utilizzo”.

“L’arroganza con cui il sindaco ha preso posizione – prosegue la nota – dimostra ancora una volta che non c’è interesse per i bisogni reali dei cittadini, ma si preferisce soddisfare prontamente quelli di privati che guadagnano attraverso il business dell’accoglienza. Ci troviamo senza dubbio nella situazione paradossale di una Pesaro governata come un feudo, sottomesso ai capricci di chi governa e alle regole del vassallaggio, nel quale il cittadino ha valore solo per ciò che paga e non per ciò che rappresenta. Dove gli amici hanno diritto a qualunque cosa, anche di disporre gratuitamente di un bene comune negato ai pesaresi”.

“Parlare di sicurezza ad un sindaco che ha firmato la ridicola ordinanza anti accattonaggio capiamo che sia paradossale – continua il responsabile di CasaPound – forse dagli studi televisivi e dai salotti buoni la sicurezza è un concetto astratto, estraneo. Sicuramente è invece un tema di interesse per i cittadini che con il problema sicurezza convivono ogni giorno e spesso si sentono abbandonati”.

“Ci schieriamo a fianco dei cittadini del quartiere di Montegranaro  – conclude Demontis – per chiedere una soluzione rapida al problema di via Filangeri che consenta di rispettare la volontà e le chiare indicazioni dei residenti”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>