Volley A2 verso il derby Pesaro – Filottrano: un brivido per una caviglia di Federica Mastrodicasa che però oggi si è allenata. Bertini: “Serve la nostra migliore partita”

di 

25 dicembre 2016

Matteo Bertini fotografato da Eleonora Ioele

Matteo Bertini fotografato da Eleonora Ioele

PESARO – Brividi alla vigilia di Natale, che sarebbe l’antivigilia del derby che myCicero Pesaro e Lardini Filottrano disputeranno lunedì 26 dicembre (PalaCampanara).

Venerdì sera il capitano è caduta su un piede di Degradi

Federica Mastrodicasa (Foto Eleonora Ioele)

Federica Mastrodicasa (Foto Eleonora Ioele)

Brividi, ma non di freddo, anche se la temperatura esterna è di circa 3 gradi. I brividi li regala il capitano, anzi la sua caviglia sinistra, che rischia una distorsione quando Federica – scendendo a terra dopo l’elevazione per un muro – atterra sul piede di Alice Degradi. Il classico infortunio sotto rete di cui è piena la storia dello sport, soprattutto di pallavolo e basket. In campo scende il gelo. In tribuna pure, malgrado l’aria calda che riscalda i tifosi, mai così numerosi a un allenamento.

Federica viene accompagnata fuori, aiutata da Simone Mencaccini, il preparatore atletico. Il capitano resta sdraiata sul taraflex, poi la sua caviglia viene fasciata con la borsa del ghiaccio. Sono passati pochi minuti dalle ore 18 di venerdì. Mancano meno di 48 ore alla prima battuta del derby. L’allenamento è interrotto per qualche minuto, poi si riprende con Luca Nico, l’addetto ai video e alle statistiche del Volley Pesaro, che prende il posto di Federica. Intanto arriva il fisioterapista Claudio Di Lorenzi che accompagna la giocatrice abruzzese, sancascianese d’adozione, in infermeria. Lapo, fidanzato di Federica, tranquillizza, sembra una cosa da poco, anche se a fine allenamento, quando lascia lo spogliatoio, il capitano zoppica.

Le colibrì regalano una gigantografia ai Balusch

Questo slideshow richiede JavaScript.

Eppure non manca di partecipare alla consegna del regalo fatto dalle colibrì ai Balusch. Una bella sorpresa per i tifosi, che ricevono una gigantografia della squadra. I tifosi ringraziano, e applaudono le ragazze. Poi circondano Federica che lascia Campanara per chiederle della caviglia. Lei sembra più serena. Ma in questi casi, si sa, è meglio attendere che trascorra la notte. Così, è Lapo che regala la bella notizia del giorno di Natale: “Federica sta meglio e si è allenata!”.

La myCicero è andata in palestra anche stamattina, due ore di lavoro più blando rispetto all’intensità dei giorni precedenti. Come ogni vigilia, gran parte dell’allenamento è stata dedicata al bagherone. Una sfida infinita fra le dodici ragazze, che – in attesa del pranzo di Natale, molte in compagnia delle famiglie – si sono divertite, dimenticando i brividi della sera prima quando Federica era rimasta a terra.

In verità, Matteo Bertini aveva rassicurato già a fine allenamento.

Niente di grave. Purtroppo Federica ha messo male il piede, capita”.

E’ stata una settimana molto intensa. L’allenatore ha tenuto molto alta la concentrazione, intervenendo immediatamente a ogni pur minimo calo di attenzione. Ci ha colpito una sua frase, detta, anzi urlata, alle ragazze: “Ci siamo detti niente disattenzioni, andiamo avanti su questa linea”.
E’ una mia richiesta, ma deve essere anche un obiettivo delle giocatrici. Per avvicinarsi alla perfezione, per cercare la massima qualità possibile, serve la massima attenzione soprattutto nei dettagli”.

Servirà la perfezione per superare Filottrano?
Senza dubbio bisognerà giocare la migliore partita possibile. Fino a oggi la Lardini è la squadra che ha il livello di gioco probabilmente più alto. Soprattutto ha grande continuità, riuscendo a mantenere il livello di gioco per più tempo. Anche loro hanno cali durante una partita, ma sono brave a limitarli nel tempo. Una caratteristica che nei fatti è la loro grande forza. Inoltre regalano davvero poco alle avversarie”.

Fra le tante note positive, della Lardini colpisce la ferocia con cui gioca i punti decisivi.
E’ una qualità esaltata dalle vittorie che regalano una sicurezza smisurata. Hanno recuperato diverse partite grazie alla loro qualità, non ai regali avversari. Una caratteristica delle grandi squadre”.

Un bel mix tra esperienza (Negrini) e gioventù (Bosio e Mazzaro).
Una squadra completa. Quando le cose non vanno, le giovani s’appoggiano alle compagne più esperte. Inoltre hanno un grande equilibrio nel rapporto tra tecnica individuale e fisicità: tanta tecnica e grande fisicità che stanno sfruttando al meglio”.

Loro sono fortissime, ma abbiamo le qualità per batterle”

Altolà. Fatti i doverosi complimenti alla capolista, la myCicero non è da meno, potendo vantare una squadra ben costruita, anzi allestita per giocarsi certe partite, queste partite. Non solo un derby con tanta posta in palio, anche se sarebbe stato meglio affrontarlo in una posizione migliore.
La posizione è questa, ma l’affrontiamo nella giusta condizione mentale. Sappiamo che affronteremo un’avversaria molto forte, ma siamo convinti di avere tutte le qualità per batterla. Dovremo giocare la nostra migliore partita, con un atteggiamento propositivo. Servirà essere aggressive cercando di mettere in difficoltà la Lardini rischiando tantissimo, come ha fatto Legnano, che è riuscita in parte perché alle fine è venuta fuori l’esperienza della Lardini”.

Rischiare in battuta, ma non solo, spiega Bertini.
Il rischio non deve essere limitato a un fondamentale. Si deve rischiare dalla battuta all’attacco, dalle scelte di muro alla difesa. Dovremo essere brave come Legnano, anzi di più”.

La 12^ giornata d’andata (lunedì 26 dicembre, ore 17)

myCicero Pesaro – Lardini Filottrano
Volley Soverato – Golem Software Palmi
Millenium Brescia – Delta Informatica Trentino
VolAlto Caserta – Lpm Bam Mondovì
Fenera Chieri – Lilliput Settimo Torinese
Sab Grima Legnano – Entu Olbia
Omia Cisterna – Battistelli San Giovanni in Marignano

La classifica

Filottrano 31
PESARO 27
Legnano 22
Settimo Torinese 20
Trento 18
Soverato e Palmi 17
Chieri e San Giovanni in Marignano 15
Brescia 13
Olbia 12
Caserta 9 (*)
Mondovì e Cisterna 7

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>