Volley A2, malgrado le ultime settimane il 2016 della myCicero è stato fantastico. E il 2017 s’aprirà dove iniziò una stagione da sogno

di 

31 dicembre 2016

Questo slideshow richiede JavaScript.

Anche se l’ultimo mese non è stato dei più esaltanti, il 2016 della myCicero Volley Pesaro va in archivio con un bilancio semplicemente fantastico, a incominciare dal quarto posto nella stagione regolare 2015/16 e dall’attuale seconda piazza.

Sconfitta, in casa, dalla Delta Informatica Trentino che espugnò il PalaCampanara il 24 gennaio 2016, imponendosi al tie-break, e una settimana dopo a Soverato con un secco 3-0, la squadra allenata da Matteo Bertini aprì una straordinaria striscia vincente inaugurata con un secco 3-0 casalingo ai danni del Fenera Chieri. Dal 7 febbraio in poi solo vittorie. Ben 11 nella stagione regolare e 2 nei playoff promozione, prima con Caserta, poi con Monza. Da allora e fino al 4 dicembre (partita persa sul taraflex amico per mano della Sab Grima Legnano), solo il Volley 2002 Forlì era riuscito a espugnare Pesaro, ma in Coppa Italia (3 febbraio, andata della semifinale, 0-3), visto che in campionato pagò dazio alla voglia di vincere delle “lille”.

In questo arco di tempo – 7 febbraio 4 dicembre – la myCicero ha disputato 26 partite, vincendone 22. Le 4 sconfitte per mano di Forlì in Coppa Italia e di Monza nella semifinale playoff, una sola davanti al pubblico amico, con una percentuale di vittorie pari all’84,61%. Un bilancio semplicemente straordinario. Soprattutto nella stagione regolare di una campionato difficile qual è la serie A2, in cui le sorprese sono sempre dietro l’angolo.

Pensate: durante il 2016 la myCicero ha disputato 26 partite (1 del girone d’andata 2015/16, 13 del ritorno; 12 dell’andata della stagione in corso) vincendo 21 volte e perdendo in 5 occasioni.

Il rammarico può esserci perché 3 di queste 5 sono arrivate nell’ultimo mese e per due volte davanti al pubblico amico (Legnano e Filottrano) e le sconfitte sono maturate al cospetto di chi precede e di chi segue le colibrì.

Ciò malgrado, il 2016 della myCicero è semplicemente straordinario.

Il calendario sembra amico: Olbia cambiò la stagione delle colibrì

Ora, però, brindato al nuovo anno, la squadra pesarese dovrà provare a riproporsi come la passata stagione. Ed è curioso che il calendario le riservi subito la trasferta di Olbia, dove Bertini e le sue ragazze diedero inizio a un periodo semplicemente straordinario. Sconfitte in casa da Trento – appunto il 24 gennaio – tre giorni dopo, pure senza Sestini e Babbi (la cui assenza diede via a un caso clamoroso), Mastrodicasa, promossa capitano, e compagne, espugnarono il GeoPalace. Olbia vinse il primo set (25-19), Pesaro i tre successivi (a 19 – 18 – 19), sorprendendo le galluresi con i 18 punti della debuttante Alessia Arciprete. La migliore realizzatrice fu Elisa Mezzasoma (20), ma tutte le ragazze offrirono un grande contributo (Mastrodicasa 11, Liliom 12, Di Marino 7, Di Iulio 1) con Ghilardi che mostrò grinta e classe, contribuendo a limitare al massimo la temutissima ex Natalia Brussa, che poi, in estate, sembrava vicinissima alla firma con la myCicero, ma preferì la serie A1 con il Bisonte Firenze.

Ghilardi (con Bertini), un ingaggio determinante

Ghilardi (con Bertini), un ingaggio determinante

A Olbia, mercoledì 27 gennaio 2016, iniziò la nuova stagione delle colibrì. Chissà che il 2017, proprio dal taraflex del GeoPalace, non restituisca la myCicero che si è smarrita nelle ultime settimane.

La vittoria in Coppa Italia diede grande consapevolezza e se è vero che in semifinale ci fu poco da fare contro Forlì, poi vincitrice del trofeo e promossa in A1, resta la storia di una stagione che portò Bertini e le sue ragazze a un passo dalla finale per la promozione. E se in gara 3, a Monza, non ci fosse stato l’infortunio di Diletta Sestini (il ricordo più triste della passata stagione) chissà come sarebbe andata.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>