Anno nuovo, piacere vecchio? La rubrica delle Sessuologhe di De.Sidera

di 

14 gennaio 2017

SextingDott.ssa Giorgia Giacani*

Anno nuovo addiction vecchie. Pensavamo che questo 2017 ci riservasse qualche novità in campo sessuale e invece… continua ad essere sulla cresta dell’onda il voyeurismo estremo, quello che non fa uscire nemmeno di casa per andare al parcheggio più vicino per spiare la focosa coppietta non consenziente.

Se speravamo in un 2017 ricco di Relazioni sessuali (intese come incontro con l’ intimità dell’Altro) ci dobbiamo ricredere. Sexting, web-cam girls e “Chaturbate” continuano ad essere i migliori amici del sesso non solo adolescenziale, di scoperta e conoscenza, ma anche di quello adulto che decide di non voler incontrare l’Altro nella sua interezza ma solo nei suoi genitali.

“Chaturbate” è democratico, non chiede password ma solo il vostro nome, un’unica accortezza (per fortuna) per entrare è necessario dichiarare di essere maggiorenni.

Detto questo il mondo del free sex è vostro.

Si può decidere se pagare oppure assistere agli spettacoli gratuiti comodamente seduti nella poltrona di casa, quando vi va, se vi va, potete chattare con il vostro oggetto sessuale.

Perché di oggetto si tratta e non di desiderio.

Perché, diciamolo molto chiaramente, l’altro è sicuramente consenziente, viene retribuito per la prestazione sessuale che decide di offrire, l’interazione col fruitore semi sconosciuto non c’è. È un mero rapporto di domanda/offerta, caso ben diverso dal cyber bullismo che purtroppo abbiamo imparato a conoscere a causa dei vergognosi casi di  cronaca.

Senza giudizio alcuno però ritengo fondamentale che nella Relazione sessuale la cosa fondamentale è la comunicazione sincera con l’Altro.

Il voyeurismo è una parafilia e indica un comportamento che devia dalla norma, possiamo considerarle perversione soft se usata come pepe nella propria relazione di coppia, e includiamo quindi anche il sexting che se usato responsabilmente non fa male.

Certo, è che quando l’unico modo per raggiungere il piacere è starsene seduti nel divano di casa a guardare un altro spogliarsi per noi e per altri 1.000 contemporaneamente, è evidente che la relazionalità è inficiata. Quando è meno vergognoso masturbarsi di fronte ad un pc anziché coinvolgere il partner nelle proprie fantasie (1 individuo su 10 condivide le proprie fantasie sex con il partner) l’area del piacere si sta irrigidendo. Stiamo entrando nel campo della perversione hard.

Se c’è un augurio per questo nuovo anno di certo è quello di guardare un po’ meno con il filtro del desktop e un po’ più con gli occhi desiderosi di toccare dal vivo il piacere.

*Psicologa, psicosessuologa

de.Sidera, chi siamo:

L’associazione di psicologia e sessuologia “de.Sidera” vuole essere uno spazio culturale di discussione di tematiche psico-sessuologiche, un momento per riflettere sulla propria sessualità, per rendersi consapevoli che il piacere, in ogni ambito, è accessibile, basta volerlo.

L’associazione “de.Sidera” è formata da psicologhe e sessuologhe e si occupa inoltre di servizi alla persona attraverso consulenze all’individuo, alla famiglia e alla coppia e fornisce servizi di consulenze ai professionisti.

Siamo a Fermignano e potete seguirci su:
www.desidera.psico@wordpress.it

www.facebook.com/desiderando

oppure contattarci su
mail desidera.info@gmail.com
cellulare 348.6516339

Tags: , , ,

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>