Volley A2, Coppa Italia: myCicero da applausi a Chieri, la semifinale è a un set

di 

18 gennaio 2017

FENERA CHIERI – MYCICERO VOLLEY PESARO 0-3
FENERA: Bresciani (L: ricezioni 17, errori 1, positiva 65%, perfetta 35%), Mezzi 3 (3/16), Leggs 7 (6/13; 1 muro), Errichiello 3 (3/9), Provaroni 3 (3/7), Scapati ne, Tasca ne, Serena 5 (4/27; 1 muro), Nenkovska 10 (10/32), Armando, Caneva 6 (5/10; 1 muro), Vingaretti (0/1). All. Ettore Guidetti; vice Druetti
MYCICERO: Mastrodicasa ne, Degradi 11 (9/28; 1 ace; 1 muro), Olivotto 8 (5/16; 3 muri), Ghilardi (L: ricezioni 14, positiva 64%, perfetta 21%), Gamba, Kiosi 13 (12/26; 1 muro), Di Iulio 3 (2/3; 1 muro), Bussoli 1 (1/6), Santini 10 (10/24), Pamio 2 (2/2), Rimoldi, Tonello 10 (5/12; ace 2; 3 muri). All. Bertini; vice Burini
ARBITRI: Spinnicchia di Catania e Di Blasi di Roma
PARZIALI: 23-25; 9-25; 21-25 in 71 minuti
STATISTICHE DI SQUADRACHIERI: Battute 54, errori 6. Ricezioni 65, errori 3, positiva 58%, perfetta 18%. Attacchi 114, errori 8, muri subiti 9, punti 34, 30%. Muri fatti 3. Errori avversarie 16. PESARO: Battute 74, errori 9, punti 3. Ricezioni 48, positiva 73%, perfetta 35%. Attacchi 117, errori 7, muri subiti 3, punti 46, 39%. Muri fatti 9. Errori avversarie 17

PESARO – Barolo, castagne e… punti. Alla myCicero piacciono le trasferte in Piemonte, dove ha due successi in altrettanti viaggi, dove alcune ragazze hanno giocato o vivono e a Kiosi fa bene l’aria, visto che, dopo Mondovì, anche a Santena ha offerto momenti di grande qualità offensiva.

Espugnato il PalaPininfarina di Santena, ipotecato il passaggio alle semifinali di Coppa Italia, ma anche un’altra conferma:chi gioca abitualmente poco ha grandi qualità. Stasera protagonista assoluta è stata Viola Tonello.

Un successo netto, come raccontano i parziali – impietoso il secondo per il Fenera – che solo nella fase finale del primo set è stato messo in discussione, più per i propri errori che per i meriti delle piemontesi.

Grande prestazione di Viola Tonello

Viola Tonello, centrale genovese della myCicero

Viola Tonello, centrale genovese della myCicero

PRIMO SET: Lo vince la myCicero (23-25 in 26 minuti), ma per mandarlo in archivio deve vincerlo due volte. Prima contro se stessa, poi contro Chieri. Contro se stessa perché aprire bene (2-7) con un’eccellente Olivotto, ma regalare 6 punti (3 battute sbagliate, 2 errori in attacco e 1 invasione) già sul 7-11 è un invito al Fenera a credere che il set sia giocabile. Ed è ancora una battuta al vento – la quinta – a mettere un solo punto di margine (13-14). Sbaglia anche Chieri, ma decisamente meno: alla fine 4 errori a 10. Tanti troppi 10 errori, anche se mettere pressione al servizio ha mandato in tilt la qualità di Chieri, già in ansia per la sconfitta casalinga di domenica, la prima fra le mura amiche. Nel momento più difficile, è molto brava Viola Tonello, in campo malgrado il punto a punto della Lega dia in sestetto Mastrodicasa. La centrale genovese, che ha giocato a Pinerolo, prima segna in fast, poi con il primo ace della partita. Un errore Fenera dà il 14-18. Guidetti propone il doppio cambio ed è ripagato da Armando ed Errichiello. Soprattutto da quest’ultima che realizza 2 punti importanti. Chieri torna a meno 2, Bertini ferma il gioco. Kiosi gli dà ragione, realizzando il sesto punto personale che sembra sbloccare la myCicero che ha utilizzato anche un’altra ex Pinerolo, Silvia Bussoli. Ma avere concesso fiducia alla squadra di casa rischia di essere un grave peccato. Il tabellone del PalaPininfarina sembra raccontare una beffa: 22-23. Anche Bertini gioca il doppio cambio, con Rimoldi e Pamio per Di Iulio e Kiosi. Santini è bravissima a regalare due palle set, Mezzi cancella la prima, Alice Degradi capitalizza la seconda. Kiosi, 8 punti, 4 Olivotto, 3 Santini e Degradi, 2 Tonello. Nenkovska è la migliore realizzatrice di Chieri (5) che ha attaccato con il 32% (12/38). Pesaro ha fatto meglio (17/44 e 39%), con 3 muri (a 1) e 1 ace (a zero). Nella myCicero – hanno raccontato i due bravissimi radiocronisti di Radio Tbs, a parte un commento fuori luogo sui recenti guai gastrointestinali delle colibrì – superba, e non è una novità, prestazione di Alessia Ghilardi.

Eleni Kiosi passa il muro chierese

Eleni Kiosi passa il muro chierese

SECONDO SET: si ripete (9-25 in 19 minuti) la myCicero. Basta il punteggio a raccontare una partita a senso unico, con una superiorità esterna che fa infuriare coach Ettore Guidetti, obbligato a fermare il gioco già sull’1-5. L’esito è impalpabile. Così, mentre il divario cresce come il debito pubblico italiano, Guidetti sostituisce Vingaretti mandando in palleggio Ester Armando. Niente da fare per la squadra di casa, travolta dalla furia di una myCicero che vuole chiudere fin da stasera il discorso qualificazione. Si va sul 2-15 con Santini quasi perfetta (4/5) e le centrali Olivotto (2/4) e Tonello (2/2, più 1 ace e 2 muri) precise, a surrogare il calo delle altre bande, con Bussoli a lungo sul taraflex. Pesaro mura a piacimento (5 a 0) e concede briciole all’attacco chierese (7/35 e 20%), mentre quello di Bertini è a un notevole 43% (13/30). Il 17-24 è imbarazzante per il Fenera, che prova a scalfirlo con Provaroni. Una magia di Di Iulio per Bussoli che schiaccia il 25° punto manda al cambio di campo. Tonello (5) migliore realizzatrice. 4 Santini, 3 a testa per Degradi, Olivotto e Kiosi, 1 per Di Iulio e Bussoli. Pesaro ha azzerato gli errori, passati dai 10 del set precedente a 2.

Volley Pesaro esulta a Chieri

Volley Pesaro esulta a Chieri

TERZO SET: Chieri prova a reagire, guadagnando 2 punti (prima 2-0, poi 8-6), ma anche un più 3 (12-9) con il murone di Leggs su Olivotto. Bertini non concede ulteriore spazio al Fenera, con Degradi che gli dà ragione: pipe vincente. Anzi è la squadra che gli dà ragione, con Tonello che sorpassa: 12-13. Un’infrazione in palleggio di Vingaretti (12-14) impone a Guidetti di spendere un time-out. Peccato che un errore in attacco interrompa il break di 5 a 0 per le colibrì. Sul 13-15 esterno, Bertini ripropone il doppio cambio con Rimoldi e Pamio. Il giovane opposto veneto subito a segno: 13-17. Caneva riporta Chieri a meno 2, ma Viola Tonello dimostra con i fatti la sua passione per i felini: un suo muro azzera Nenkovska: 15-18. Sullo slancio Pesaro va sul 16-20 ed entra anche Gamba al servizio per Tonello. Rimoldi serve una polizza perfetta: palla a Pamio, punto assicurato e 17-21. Degradi è puntuale nell’attacco per il 18-22. Il Fenera prova a tenere aperto il set e magari la partita con Leggs, ma Provaroni sbaglia il servizio (20-23). Si ripete Leggs e la myCicero ha tre palle partita (21-24), con Di Iulio che manda i titoli di coda: 21-25 in 25 minuti.

Bertini elogia le ragazze che giocano meno

Volley Pesaro esulta a Chieri

Volley Pesaro esulta a Chieri

A fine partita, decisamente soddisfatto Matteo Bertini: “Molto soddisfatto della prestazione della squadra. Abbiamo espresso un’energia e una positività che non si vedeva da un po’. Vorrei elogiare chi finora ha giocato meno a cominciare da Tonello, che ha disputato tutta la partita, per poi passare a Rimoldi e Pamio che hanno creato il break, in nostro favore, nella terza frazione e il giusto impatto della Bussoli che ha chiuso il secondo parziale. Nel complesso si è visto il lavoro che svolgiamo in palestra: in questo periodo abbiamo lavorato sulla precisione e i risultati si sono visti. A questa manifestazione teniamo particolarmente – conclude il coach rossoblù – e sono molto contento per la vittoria”.

La Lardini travolge Palmi che ha perso anche Caracuta

Golem Software Palmi – Lardini Filottrano 0-3 (22-25; 18-25; 18-25) in 70 minuti.

Non avevamo torto, purtroppo, raccontando di problemi a Palmi. Persa la centrale Luisa Casillo, ma la società ha spiegato che la giocatrice aveva un contratto per il solo girone d’andata (confessiamo che non conosciamo precedenti), era assente anche Valeria Caracuta, una delle migliori palleggiatrici del campionato. In attesa di sapere come sarà giustificata questa assenza, vi forniamo la nostra versione: persone bene informate ci hanno raccontato che la giocatrice avrebbe lasciato Palmi. Perché? Potete immaginarlo Insomma, le solite cose che la pallavolo femminile si trascina dietro da tempo, malgrado le promesse e l’impegno della Lega pallavolo Serie A Femminile. Di conseguenza, coach Giangrossi è costretto a schierare solo otto giocatrici, compresi i due liberi Barbagallo e Quiligotti. Filottrano è senza la sua migliore realizzatrice, Tereza Vanzurova, rimasta a casa a smaltire l’influenza. Malgrado sia in condizioni impossibili, con una sola centrale (l’ex urbinate Ludovica Guidi), la Golem gioca con grande orgoglio, tanto da recuperare lo svantaggio iniziale (2-4) e condurre 8-6. Curiosità: 4 muri calabresi (2 di Zanette) 1 solo di Filottrano. Il divario sale a più 3 (14-11) ed è ancora in doppia cifra sul 19-17, con Bellano che ha sostituito Bosio con Galazzo. Due fast prepotenti di Cogliandro che rimedia a un errore precedente ribaltano il punteggio (19-20). Ultima parità a 20, poi un murone di Mazzaro, un’invasione calabrese e un eccellente primo tempo della centrale ex Monza chiudono il set: 22-25: Lana Scuka fa anche la parte di Vanzurova, realizzando 7 punti.

Il secondo set non ha storia: la Lardini se ne va sul 2-6 e difende agevolmente il vantaggio, con Mazzaro inarrestabile nei primi tempi, fino al 18-25. Il terzo è una passeggiata per la capolista imbattuta della serie A2.

Ricordiamo che la Golem Software Palmi sarà ospite domenica della myCicero nella seconda giornata di ritorno.

Delta Informatica Trentino – Lilliput Settimo Torinese 3-0 (26-24; 25-19; 25-13) in 75 minuti.

Volley Soverato – Sab Grima Legnano 1-3 (23-25; 25-23; 21-25; 14-25) in 112 minuti. La partita è stata sospesa a lungo sul 10-13 del quarto set, durato 40 minuti, causa un’interruzione dell’energia elettrica,

Le partite di ritorno sono in programma mercoledì 25, ma Lardini e Golem Software anticiperanno di 24 ore.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>