Volley A2 Coppa Italia, nel gelo di Campanara la myCicero soffre un set poi – trascinata da Tonello (8 muri) e Pamio – vola in semifinale

di 

25 gennaio 2017

Tonello-Bussoli, che carica per la myCicero che vola in semifinale di Coppa Italia (Foto dalla pagina Facebook di Chieri)

Tonello-Bussoli, che carica per la myCicero che vola in semifinale di Coppa Italia (Foto dalla pagina Facebook di Chieri)

MYCICERO PESARO – FENERA CHIERI 3-1
PESARO: Mastrodicasa 6, Degradi 6, Olivotto ne, Ghilardi (L), Gamba, Kiosi 10, Di Iulio, Bussoli 7, Santini 11, Pamio 13, Rimoldi, Tonello 14. All. Bertini; vice Burini
CHIERI: Bresciani (L), Mezzi 10, Leggs 4, Errichiello 9, Provaroni 4, Scapati 1, Tasca ne, Serena 8, Nenkovska 9, Armando, Caneva 9, Vingaretti 2. All. Guidetti ; vice Druetti
ARBITRI: Maurina Sessolo di Treviso e Massimo Piubelli di Verona
PARZIALI: 18-25; 25-18; 25-19; 25-16; in 95 minuti
STATISTICHE DI SQUADRA: PESARO: Battute 92, errori 8, punti 3. Ricezioni 70, errori 1, positiva 59%, perfetta 33%. Attacchi 164, errori 6, muri subiti 13, punti 52; 32%. Muri fatti 12. Errori avversarie 26. CHIERI: Battute 79, errori 9, punti 1. Ricezioni 84, errori 3, positiva 62%, perfetta 27%. Attacchi 158, errori 12, muri subiti 12, punti 42; 27%. Muri fatti 13. Errori avversarie 22
NOTE: spettatori circa 200. In tribuna i giocatori della Victoria Libertas basket, Nnoko e Thornton.

PESARO – La myCicero è in semifinale di Coppa Italia, dove affronterà la Sab Grima Legnano, una delle due squadre (l’altra è Filottrano) che hanno espugnato il PalaCampanara. Quel PalaCampanara che accoglie al freddo un manipolo di appassionati. Niente male per la Città dello Sport. Già, da comunicare all’assessorato del Comune: mancavano gli sport invernali? Accontentato.

Chi è fredda, anzi gelida, è la myCicero, che ha un approccio difficile, perde il set d’apertura e deve attendere il secondo parziale per mandare in archivio la qualificazione. Magari sperando che il 18-25 iniziale possa essere utile per la partita di domenica, quando le colibrì torneranno a Chieri per la terza giornata del girone di ritorno.

PRIMO SET: Bertini manda in campo il sestetto titolare, con Tonello al posto di Olivotto, in una sorta di turnover tra centrali, dopo che all’andata la genovese aveva avvicendato Mastrodicasa. Quello che va in scena sul taraflex pesarese è un film che è tutto il contrario di quello visto una settimana fa nel PalaPininfarina di Santena. Una sola squadra in campo. In Piemonte fu la myCicero, in questo set il Fenera, che tocca ogni attacco delle colibrì (ferme al 22% offensivo: 11/49) e mette a segno 7 punti (sette) diretti bloccando le velleità delle blu e rosse di Bertini. E pensare che le ragazze di Guidetti avevano incominciato imprecise in battuta (3 errori sul 9-8 interno). Da quel momento, però, sostenendo l’ottimo set di Nenkovska (7 punti) con una buonissima prestazione di squadra, il Fenera prima pareggia, poi mette la freccia e piazza uno 0-6 che la porta sul 9-14. Poi, dopo che Degradi ha interrotto il digiuno pesarese con una diagonale vincente, incrementa il vantaggio volando sul 13-21 con l’ennesimo muro. Bertini, che in precedenza ha speso il time-out, gioca la carta del doppio cambio: Pamio (a segno con un pallonetto da applausi) per Di Iulio, Rimoldi al posto di Kiosi. Pesaro, che ha subito tanto al muro, prova a riaprire il parziale con una scatenata Viola Tonello (3 muri). Il divario diminuisce (18-23), ma una battuta sbagliata e il settimo sigillo di Nenkovska mandano in archivio il primo set: 18-25 in 25 minuti. Chieri ha fatto un po’ meglio in attacco (11/41: 27%), pure ricevendo peggio (53% e 13% contro il 70% e 35%), ma ha murato di più (Pesaro 4 muri) e approfittato del 7 errori (a 3) delle colibrì che hanno avuto 5 punti (5/19) da Kiosi, 3 da Tonello (solo muri), 2 da Mastrodicasa, Degradi e Santini.

SECONDO SET: Se non vuole rischiare di dilapidare il tesoro accumulato 7 giorni prima, la myCicero deve vincere il secondo parziale. Ora la squadra di Bertini sembra meno fredda. E apre benissimo: 8-2. Poi, complice un’incomprensibile distrazione (la palla difesa da Chieri cade a terra nel campo pesarese), consente alle ospiti di recuperare: 8-4. Un ace di Kiosi fissa il massimo vantaggio (12-5), incrementando due buoni attacchi di Santini. Guidetti, che ha giocato Scapati per Leggs, ottiene buone cose dalla giovane centrale che propone un bel turno di servizio che porta il Fenera a meno 3 (12-9). E’ un gran muro di Santini a fermare l’emorragia. Ma Chieri è brava a riportarsi a meno 2: 14-12. E’ l’ultimo incontro ravvicinato. Dopo che Caneva ha sbagliato la battuta, un ace di Degradi suona l’ultima carica. La myCicero va sul più 6 e chiede, invano, una doppia in palleggio di Vingaretti. Bussoli avvicenda Degradi, tornano Pamio e Rimoldi, ritorna anche la schiacciatrice pavese ed è proprio lei, dopo un muro di Mastrodicasa, a colpire con il mani fuori per il 24-18. Si chiude subito – in 26 minuti – con un errore in attacco di Serena. Curiosità dai numeri: ora è Pesaro ad attaccare con il 27% (12/44), mentre Chieri è ferma al 22% (9/41). Ancora 5 punti di Kiosi. Fa altrettanto Santini (4/12 per entrambe), mentre Nenkovska è calata (2/14). Bene Tonello (2/3). Pesaro ha commesso 5 errori, Chieri 8. Le statistiche non raccontano le difese, ma alcune giocate di Ghilardi sono da sballo, come nel primo set.

TERZO SET: Squadre rivoluzionate, con Bertini che s’affida a Rimoldi e Pamio in diagonale, a schiacciare e ricevere Bussoli e Santini, al centro Mastrodicasa e Tonello; libero Gamba. Pesaro conquista buoni vantaggi, che Chieri, a sua volta con le cosiddette seconde linee, prova a limitare, ma le ragazze di Bertini non voglio cedere neppure una briciola. Bene orchestrate da Rimoldi, ora Pamio, ora Tonello (anche 3 muri, tutti quelli della myCicero) respingono ogni tentativo. Chiude una giocata tutta talento di Alice Pamio, che da posto 2 inventa un tocco di biliardo che passa il muro e cade tra posto 4 e posto 5, beffando la difesa piemontese. Pamio 5 (in 11 attacchi), mentre in maglia Fenera si mette in luce Errichiello (7 punti con 5/14 e 2 muri). La differenza è ancora negli errori: 4 myCicero, 10 Fenera.

QUARTO SET: La myCicero non s’accontenta della qualificazione, vuole vincere anche la partita. Con i fatti, non con le parole. In particolare quelli che fa Viola Tonello, scatenata quando Pesaro va sul 19-13. Bussoli incrementa con una pipe che …scombussola la difesa avversaria. Ancora Tonello micidiale a rete, come gli attacchi mancini di Pamio, per la gioia di Santini e Mastrodicasa che fanno da chioccia alle giovani compagne. Chiude (25-16 in 20 minuti) il mani fuori di Silvia Bussoli. Chieri, che aveva dominato al muro, subisce la reazione delle pesaresi e ne piazza 6 nei restanti tre set; nessuno nell’ultimo. Muri che hanno avuto una protagonista assoluta: Viola Tonello che ne ha messi a segno 8.

Il quadro completo dei quarti di finale

Giocata martedì
Lardini Filottrano – Golem Software Palmi 3-2. All’andata 3-0. Notizia della sera: evidentemente lasciare Palmi porta bene. Dopo Valeria Caracuta, passata alla Liu Jo Modena, Luisa Casillo, dopo avere salutato la Golem, si è accasata alla Savino Del Bene Scandicci. Dai problemi in A2 alla serie A1.

Giocate oggi
Lilliput Settimo Torinese – Delta Informatica Trentino 2–3 (all’andata 0-3)
Sab Grima Legnano – Volley Soverato 3–0 (all’andata 3-1)
myCicero Pesaro – Fenera Chieri – (all’andata 3-0)

Le semifinali (andata 8 e ritorno il 15 febbraio)

Lardini Filottrano – Delta Informatica Trento
myCicero Pesaro – Sab Grima Legnano
(gare di ritorno a Filottrano e Pesaro)

Finale, in gara unica, domenica 12 marzo in casa della migliore classificata.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>