Volley verso le elezioni, rinnovata la Fipav provinciale con un candidato unico rieletto per l’ennesima volta. Mercoledì a Senigallia incontro con il comitato per il cambiamento

di 

31 gennaio 2017

La pallavolo è gioia. Dirigenti federali, non togliete il sorriso a chi pratica questo bellissimo sport

La pallavolo è gioia. Dirigenti federali, non togliete il sorriso a chi pratica questo bellissimo sport

In un mondo fossilizzato – che poi è la norma, come abbiamo raccontato giorni addietro, scrivendo che la pallavolo marchigiana s’appresta a confermare nell’incarico di presidente il signor Brasili, non pago di essere seduto sulla poltrona da 42 anni – anche le elezioni provinciali, svoltesi domenica, hanno confermato presidente Fabio Franchini, fanese, del quale non riusciamo a trovare con esattezza la durata della carica. Secondo qualcuno si sarebbe vicini al doppio decennio. Imbarazzante. Non per Franchini, ovvio, che forse il problema che noi avanziamo da tempo neppure se lo pone, ma per chi continua a votarlo. E neppure si candida contro, per avere un’elezione la meno bulgara possibile.

In verità, qualcosa sembra essersi mosso, se per la carica di presidente regionale si è presentata una seconda cordata, guidata dall’avvocato Paolo Carnevali, che fa parte della cordata legata a Bruno Cattaneo, che punta a scalzare Carlo Magri dalla carica di presidente della Federazione Italiana Pallavolo. Carnevali, come Cattaneo, ha un grande merito: avere interrotto la prassi della candidatura unica. Detto questo, però, ci sembra che si sia mosso tardivamente, non raggiungendo tutte le realtà marchigiane, come dimostra, appunto, Franchini, che nelle elezioni della provincia di Pesaro e Urbino era candidato unico.

Per quanto riguarda il programma di Carnevali, come di Cattaneo, la sensazione – dopo una lettura che garantisco è stata attenta – è che siano più le cose a unire che a dividere. Insomma, come confermato dalle interviste ai Cattaneo e Magri durante le finali di Coppa Italia maschile, pochissime differenze nella visione della pallavolo, salvo che Cattaneo – onestamente non a torto – è meno ottimista sulle grandi manifestazioni internazionali, molto costose e poco trainanti per il movimento, per la crescita della base.

Invece, saltando dal vertice alla periferia, Franchini – è scritto in un comunicato diffuso da Marche Volley – intende “sfruttare appieno quegli eventi che già nei prossimi mesi possono fare da cassa di risonanza nel territorio: la tappa di World League a Pesaro e la Finale Nazionale U18 maschile a Fano. Con tutti i settori in crescita, il comitato pesarese per il prossimo quadriennio dovrà essere soprattutto una opportunità di crescita e di esperienza umana finalizzata ad offrire ai ragazzi la migliore esperienza di sport e di vita”. In concreto? Parole, parole, parole. E una indiscutibile verità: le grandi manifestazioni servono da sempre ai dirigenti federali, di vertice e di periferia, a fare i pavoni con i soldi della collettività e l’impegno dei volontari.

Di interessante, a livello provinciale, dove è stata registrata la conferma di Massimo Gabbianelli (840 voti), Franco Passeri (2.210 voti) e Giancarlo Sorbini (presidente del Volley Pesaro, 1.550 voti), l’elezione di Isabella Patrignani (1.990 voti), dirigente di grande spessore che porta avanti l’impegno a favore della pallavolo nelle colline dell’entroterra fanese. Revisore dei conti Luciano Mattioli (906 voti). Franchini ha ricevuto 1.677 voti. Sono rimasti esclusi Cesare Vitali (600) che ha rappresentato da sempre la pallavolo urbinate e Mattia Brunetti (530) che è un dirigente della Virtus Fano.

Mercoledì sera, a Senigallia, si terrà un incontro organizzato dal VolleyMarche Comitato per il Cambiamento. L’appuntamento è alle ore 21 presso l’Auditorium San Rocco, in Piazza Garibaldi 1. Saranno presenti Bruno Cattaneo, Paolo carnevali, ma anche altri candidati ed è annunciata la presenza di Franco Bertoli (uno dei più grandi campioni della pallavolo italiana) e Catia Pedrini (presidente dell’Azimut Modena), entrambi nella lista di Cattaneo.

Ricordiamo che le elezioni per la Fipav regionale sono in programma domenica 5 febbraio.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>