La ‘regina’ del Furlo ha abdicato, una giovane aquila reale prende il posto di Penna Bianca

di 

3 febbraio 2017

La nuova femmina di aquila reale

La nuova femmina di aquila reale

FURLO DI ACQUALAGNA – La femmina di aquila reale, storica regina del Furlo, ha ceduto il trono dopo aver regnato per circa 40 anni nei cieli della Riserva Naturale Statale “Gola del Furlo” ed aver lasciato un folto gruppo di eredi, circa 35 aquilotti che immaginiamo abbiano popolato le vette del nostro Appennino.

Sembra infatti che il posto della “regina”, che tutti conoscevano col nome di Elena o Penna Bianca (per le numerose penne bianche sopraggiunte sulle ali vista l’età), sia stato preso da una giovane femmina dall’apparente età di 3-4 anni, che vive ora accanto al maschio. A notarlo è stato Maurizio Saltarelli, appassionato ornitologo che da molti anni, insieme a Rino Clementi della polizia provinciale, monitora e vigila sulla coppia di aquile reali che nidifica al Furlo, così come sulle altre 3 coppie presenti nel territorio provinciale, raccogliendo dati, foto e video.

“Non sappiamo – spiegano dalla Riserva – se la vecchia aquila sia deceduta oppure cacciata dalla giovane intrusa. Già nei mesi di ottobre e novembre, dopo aver accudito insieme al compagno il pullo nato in aprile, si era osservato l’allontanamento di Penna Bianca.

La nuova coppia di aquile reali

La nuova coppia di aquile reali

Contemporaneamente, nelle zone limitrofe alla Riserva del Furlo e nelle aree interne della provincia, era stata notata la presenza di una nuova aquila reale, che dalla fine di gennaio fa coppia fissa con il maschio, volando insieme a lui e gradendo i suoi segnali di corteggiamento, con ripetuti display e voli a festoni. A confermare l’ipotesi della scomparsa di Penna Bianca è stato il ripetuto accoppiamento fra la giovane femmina e il maschio adulto”.

Come sottolineano ancora dalla Riserva, per un’aquila 40 anni vissuti in natura sono un traguardo importante (l’età media si aggira sui 30 – 35 anni, solo occasionalmente 50 anni). “Ci eravamo abituati alla fierezza della vecchia regina. Ma eravamo consapevoli che prima o poi sarebbe successo”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>