Arriva Noceto e per la Pesaro Rugby sarà la prima di dieci finali

di 

8 febbraio 2017

PESARO – Si ricomincia. Ed è il caso di dire… finalmente. Domenica inizia la Poule Retrocessione con il Rugby Noceto che alle 14.30 sarà il primo avversario da affrontare e che per la Paspa Pesaro Rugby sarà la terza partita giocata in tre mesi. Astinenza da mischie che vale tanto per i kiwi quanto per gli emiliani. Chi avrà perso meno ritmo-partita dal 15 gennaio scorso (ultimo match ufficiale giocato), avrà sicuramente una marcia in più: “Noi siamo più che soddisfatti di come si è lavorato in queste lunghe settimane senza partite – racconta la terza linea pesarese Smail JaouhariIn pratica abbiamo giocato meno e ci siamo allenati di più. Abbiamo aggiunto pure il lunedì allenandoci cinque volte e abbiamo avuto importanti indicazioni dalle amichevoli giocate due volte sia con Jesi che con Fano”.

A Noceto si sono preparati facendo altrettanto: “Anzi – precisa Jaouhari – l’hanno fatto confrontandosi con avversari di livello come Parma. Ma a noi cambia poco. Sappiamo che da domenica avremo dieci finali in cui non abbiamo più tempo per le scuse o per le attenuanti. Se prima abbiamo avuto bisogno di sbattere il muso su una categoria che andava compresa e dalla quale imparare, ora abbiamo capito quello che c’era da capire. E tutta l’esperienza di questi mesi va messa in pratica per vincere e salvarci”.

Smail Jaouhari palla in manoSi riparte con tutte le squadre a zero punti e si riparte con un Jaouhari reduce dalla partita con la Primavera in cui fu eletto ‘man of the match’ a dispetto della sconfitta dei pesaresi: “E’ stata una piacevole sorpresa – dice – perché in assenza di Mills mi sono adattato a giocare da numero 8. Ruolo che ho provato raramente. E’ andata bene e per me, come per tutti i miei compagni, questa stagione è un confortante crescendo. Ogni partita mi ha insegnato qualcosa che ho potuto migliorare nella seguente”.

E per domenica Jaouhari strizza l’occhio al Toti Patrignani: “Scommetto che ci saranno tanti i pesaresi che faranno sentire il loro calore – conclude il 28enne – La posta in palio è alta, Noceto è un avversaria sentita dai tempi della serie B e il nostro pubblico può darci una grossa spinta verso un risultato positivo”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>