Le rotelle continuano ad appassionare i pesaresi. Successo per la seconda edizione dei Campionati Italiani di Pattinaggio Velocità all’Adriatic Arena

di 

13 febbraio 2017

PESARO – Giornata conclusiva dei Campionati italiani Corsa su pista piana indoor che anche quest’anno sono stati ospitati, con grande soddisfazione del numeroso pubblico presente, nello straordinario impianto coperto dell’Adriatic Arena di Pesaro, segno che la formula, ben congeniata, funziona ed appaga.
Il bilancio organizzativo e sportivo è assolutamente confortante: il movimento del pattinaggio Corsa esce da qui rafforzato dimostrando di essere in continua crescita e tornando ai fasti a cui ci aveva abituati negli anni passati, con l’obiettivo olimpico che torna prepotentemente in campo, anche sulla scia aperta alle discipline rotellistiche dallo skateboarding che, come noto, sarà presente alle prossime Olimpiadi di Tokyo 2020.
Ma nelle gambe degli atleti il traguardo di oggi è quello di portarsi a casa il titolo tricolore indoor e, in chiave internazionale, di guadagnarsi sotto gli occhi del CT Massimiliano Presti un posto ai Roller Games di Nanjing 2017, dove tutta la famiglia degli sport a rotelle si sfiderà per i titoli mondiali per la prima volta accorpati in un’unica sede.
foto copertina domenica pesaroFuori è una giornata uggiosa e fredda, ma l’atmosfera all’interno dell’Adriatic Arena è tutt’altra, riscaldata dalle finali delle gare delle americane a squadre, forse le più coinvolgenti per il pubblico assiepato sugli spalti, trascinato dal campanilismo tra le società e dal vorticoso susseguirsi dei cambi in pista.

Nella gara a staffetta lanciata, con gli atleti che girano a oltre 40 chilometri orari sui 3000 metri del percorso, si accoppiano le categorie: Ragazzi con Allievi e Junior con Senior. Oggi sono quindi 4, tra uomini e donne, le medaglie assegnate nella giornata di chiusura.
Il primo titolo è quello delle Ragazze/Allieve, dove vincono in solitaria le giovani pattinatrici della Polisportiva Bellusco (Belloni/Saronni/Tiberto/Zonca) davanti alla Casier di Treviso e alla Redblack Roller Team CR, mentre più tirata è stata la gare maschile dove il quartetto dello Skating Concorezzo (Morris/Bossi/Sanità/Penati) vince il testa a testa sull’ASD Padernese e sul Redblack Roller Team CR.

Nelle categorie superiori tra le ragazze Junior/Senior sono ancora una volta le moschettiere della Mens Sana in Corpore Sano di Siena a dimostrare la forza della squadra toscana nelle Americane e si vanno meritatamente a prendere per il secondo anno consecutivo il titolo tricolore con la formazione composta da Giulia Bonechi, Giorgia Bormida e Agnese Cerri. Secondo meritatissimo posto per la GS Scaltenigo, autrice con Lorenzato/Luciani /Zanetti di una splendida ma insufficiente rimonta, mentre terza la Pattinatori Savonesi con Bottinelli/Valanzano/Verteramo.

Infine nell’ultima gara per il titolo della 3000 metri America Junior/Senior maschile si è gareggiato sul filo di lana fino all’ultimo giro con i centimetri a fare la differenza sul traguardo. Alla fine trionfa il pattinaggio marchigiano con la Rotellistica Settempeda dei fratelli Angeletti (Andrea e Matteo) e Daniele Di Dio Trebastoni, davanti alla Derby Roller Team di Ladispoli con Bianco/Di Stefano/Iacono/Mareschi ed alla Olimpiade Pattinatori Siracusa che porta sul gradino più basso del podio Fiorito/Maiorca/Maiorca/Palumbo.

La classifica finale per società ha visto trionfare anche per il 2017 la SSD S Mens Sana in corpore Sano di Siena davanti alla ASS DP Bellusco ed alla Redblack Roller Team ASD.
Si chiude questa grande festa di sport con le premiazioni effettuate dal Vice sindaco di Pesaro Daniele Bini, dal Presidente dell’Aspes che gestisce l’Adriatic Arena e, in rappresentanza della Fihp, dal Vice Presidente federale Michele Grandolfo e dal CT Presti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>