Volley Coppa Italia, agevolazioni per assistere alla semifinale di mercoledì tra myCicero e Legnano

di 

13 febbraio 2017

Incontro ravvicinato tra Santini e De Lellis, gara d'andata di Coppa Italia (dalla pagina Facebook della Sab Grima Legnano)

Incontro ravvicinato tra Santini e De Lellis, gara d’andata di Coppa Italia (dalla pagina Facebook della Sab Grima Legnano)

PESARO – “Ah! A tal colpo inaspettato…”. La myCicero come i protagonisti de Il viaggio a Reims.

Visto che la seconda stagione in A2 della squadre pesarese è partita con lo slogan “La musica ci ha messo in moto”, la sconfitta di ieri, a Trento, è stata accolta con le parole e la musica di una delle cantate più famose di Gioachino Rossini.

Nella bellissima cantata scenica, il gruppo di 14 ospiti che si trova a Plombières, nell’albergo Il Giglio d’Oro, in attesa di viaggiare a Reims, dove andrà ad assistere all’incoronazione di Carlo X Re di Francia, riceve una fatale notizia: non ci sono cavalli, e neppure carrozze, non si può partire. Come reagisce? Cantando: “Ah! A tal colpo inaspettato”.

La domanda che accompagna questo lunedì è la stessa: come reagiranno le 12 colibrì “a tal colpo inaspettato”, arrivato dopo 8 successi consecutivi, alla mancata nona sinfonia che non ha trovato finale pure dopo una grande ouverture?

C’è grande curiosità in tutto l’ambiente, dai sedici tifosi che si sono sciroppati quasi 800 chilometri per andare e tornare da Trento, a quelli che sono rimasti a casa e hanno seguito la diretta streaming, che sembrava promettere assai più di un 3-1 per la Delta Informatica Trentino. Non solo curiosità, anche apprensione, visto che la myCicero tornerà subito in campo per giocare una partita che non avrà appello. Mercoledì sera (PalaCampanara, ore 20,30), la squadra di Bertini ospiterà la Sab Grima Legnano nella gara di ritorno della semifinale di Coppa Italia. Lo farà partendo dal positivo 3-1 maturato in trasferta. Per accedere alla finale, che al 99,99 per 100 si giocherà domenica 12 marzo sul taraflex del PalaBaldinelli di Osimo, casa della Lardini Filottrano, capitan Mastrodicasa e compagne hanno bisogno di vincere almeno 2 set. Dopo gara 1, giocata mercoledì scorso, il pronostico era decisamente a favore delle pesaresi. Oggi ci si chiede se la sconfitta di ieri può avere lasciato scorie nella mente e nel corpo delle colibrì. Una cosa è certa: la Sab Grima ci proverà fino in fondo e la reazione mostrata a San Giovanni in Marignano, dove le ragazze di Andrea Pistola hanno incominciato ad annusare l’aria delle vicine Marche, ne è puntuale conferma. La Battistelli, che una settimana prima, con una straordinaria rimonta, era stata capace di vincere in casa della Lilliput Settimo Torinese, è stata superata in 3 set dalle lombarde, che hanno rischiato solo nel terzo parziale, quando le romagnole si sono arrese 32-34.

Nell’intervista che abbiamo pubblicato già domenica sera, Matteo Bertini ha dichiarato di essere rimasto a sua volta sorpreso dalla sconfitta patita a Trento e confermato che andare in finale di Coppa Italia è uno degli obiettivi della stagione.

Anche per questo, la società confida che le ragazze possano contare sul sostegno del pubblico amico che nelle ultime giornate è accorso in numero inferiore rispetto al valore della squadra che comunque è seconda in classifica, preceduta solo dall’invincibile Lardini Filottrano.

Per agevolare una partecipazione adeguata all’importanza della partita di mercoledì, il Volley Pesaro ha deciso che il biglietto d’entrata costerà 5 euro, con ingresso gratuito per i giovani fino a 18 anni, ma anche per gli abbonati. A proposito, l’abbonato che porta un amico gli consentirà di entrare pagando solo 1 euro. E 1 euro pagheranno i genitori dei tesserati del Volley Pesaro.

La squadra, tornata a casa nella notte, torna in palestra questo pomeriggio per svolgere una seduta con i pesi che ripeterà martedì mattina. Nel pomeriggio allenamento tecnico a Campanara, mentre mercoledì mattina allenamento tecnico al PalaSnoopy per rifinire la preparazione in vista della partita della sera che sarà diretta da Rocco Brancati di Perugia e Lorenzo Mattei di Macerata.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>