Volley A2, alla myCicero servono due set per conquistare la finale di Coppa… Marche

di 

14 febbraio 2017

Immagine dell'andata: alla mancina Grigolo che attacca da posto 4 s'oppone il muro di Di Iulio e Olivotto (pagina Facebook Sab Grima)

Immagine dell’andata: alla mancina Grigolo che attacca da posto 4 s’oppone il muro di Di Iulio e Olivotto (pagina Facebook Sab Grima)

PESARO – Serve vincere subito 2 set. Che poi sia vittoria, oppure sconfitta, cambierà poco, perché con 2 set in cassaforte la myCicero sarà protagonista di quella che s’annuncia, già da oggi, come la Coppa… Marche, coincidente con la Coppa Italia di serie A2.

Nessun dubbio che una delle due finaliste sarà la Lardini, che, dopo avere vinto con il massimo scarto a Trento, ha necessità di vincere 1 set per ospitare la finale, in programma domenica 12 marzo, quando la serie A2 riposerà per consentire l’epilogo del secondo torneo del campionato cadetto.

Con Filottrano che ha già un piede e… tre quarti sul taraflex amico, visto che la Coppa Italia verrà assegnata nel PalaBaldinelli di Osimo, dove la Lardini disputa le gare interne, perché diventi una festa della pallavolo marchigiana la myCicero ha bisogno di vincere 2 set.

Non sarà compito facile e la Sab Grima – che il prossimo 5 marzo ospiterà le pesaresi nell’ottava giornata di ritorno – ha tutte le intenzioni di tornare nelle Marche, dove ha vinto già con la myCicero e rischiato di fare altrettanto in casa Lardini, sconfitta solo al tie-break.

Il titolo del comunicato sulla sfida di domani sera, diffuso poco fa dalla società lombarda, non consente dubbi: “Sab Grima Legnano a caccia della finale di Coppa Italia”.

Curioso: il programma d’avvicinamento delle due squadre alla partita è praticamente uguale: entrambe si sono sottoposte stamattina al lavoro in sala pesi e l’allenamento di questo pomeriggio è programmato per le ore 16,30. Per le colibrì, prima seduta video, poi lavoro tecnico. Seduta tecnica anche mercoledì mattina, mentre la Sab Grima, che ha scelto di viaggiare nel giorno della partita, non prenderà confidenza con il taraflex pesarese. Le basterà il ricordo della straordinaria partita disputata il 4 dicembre, quando Legnano s’impose 3-1. Rispetto a quella partita, come già nella gara d’andata di una settimana fa, Andrea Pistola non potrà contare sulla centrale Fabiola Facchinetti, sostituita dalla giovane Francesca Figini.

Nella gara d’andata, la myCicero ha colpito molto con le centrali (29 punti in due, contro i 13 di Figini e Furlan). E’ presumibile, viste le buone cose mostrate anche in campionato da Mastrodicasa e Olivotto, che Di Iulio giocherà ancora su primi tempi e fast, che sono gli attacchi con maggiore efficacia.

A prescindere dalle nostre ipotesi, la myCicero dovrà imporre subito il suo ritmo, la sua determinazione, la sua aggressività, che poi sono gli ingredienti – oltre al gran lavoro in tutti i fondamentali – che hanno consentito alle ragazze di Bertini di espugnare Legnano.

Si gioca mercoledì 15, alle ore 20,30, arbitri Brancati e Mattei, in una serata dedicata alla Champions League di calcio (Real Madrid – Napoli), ma anche alla pallavolo, visto che alla stessa ora sono in programma sia l’altra semifinale di serie A2 tra Lardini e Delta Informatica Trentino, sia le partite della sesta giornata di ritorno di serie A1: Novara – Conegliano; Casalmaggiore – Busto Arsizio; Modena – Monza; Scandicci – Club Italia (diretta su Rai Sport); Bergamo -Montichiari; Bolzano – Firenze.

Ma – come anticipato ieri – la myCicero Volley Pesaro propone prezzi da cogliere al volo pet agevolare una partecipazione adeguata all’importanza della partita: 5 euro. I giovani fino a 18 anni entreranno gratis, come pure gli abbonati. E gli abbonati che porteranno un amico gli consentiranno di vedere la partita pagando 1 solo euro, come i genitori del tesserati del Volley Pesaro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>