MotoGp, in Australia Vinales primo, una “bella bega” per Valentino Rossi solo 12esimo

di 

17 febbraio 2017

Valentino Rossi (foto eurosport.com)

Valentino Rossi (foto eurosport.com)

PHILIP ISLAND (Australia) – Nei giorni scorsi Valentino Rossi, parlando del suo nuovo giovane compagno di squadra Vinales, che ha sostituto Lorenzo in Yamaha, lo aveva definito “una bella bega”. Si riferiva il Dottore alla velocità e alla capacità di adattamento alla M1 del 21enne iberico e, probabilmente, oggi ha colto quali siano le vere proporzioni della “bega” perché anche nell’ultimo giorno di test sul circuito australiano di Phillip Island, Maverik Vinales ha dominato.

Vinales il più veloce a Philip Island e anche a Sepang

Vinales il più veloce a Philip Island e anche a Sepang

Da quando è salito in sella alla Yamaha, MVK25 ha sempre primeggiato: miglior tempo a Valencia nel giorno del debutto, miglior tempo a Sepang nei precedenti test e, nella terza giornata a Phillip Island stampando un crono di 1’28.549, ha dato quasi un secondo di distacco (921 millesimi per la precisione) al suo blasonato compagno di scuderia, dodicesimo in classifica, fuori dalla top ten.

Vinales ha preceduto il campione del mondo in carica Marquez di 294 millesimi: Marc ha un gran passo e, in assetto gara, resta il pilota di riferimento.

Al terzo posto l’altro pilota Honda, quel Dani Pedrosa distante 0.484 dal primo, forse un segno che Gibernau, nuovo “aiutante di pista” di Pedrosa, ha dato una mano a “Torero Camomillo” a ritrovare la velocità che Dani ha nel polso destro.

A certificare la competitività della M1 ci ha pensato il debuttante Folger, ottimo quarto, in sella alla Yamaha del team satellite Tech 3, protagonista anche  di una scivolata senza conseguenze.

Convincente pure la prestazione di Crutchlow: l’inglese del team Lcr di Lucio Cecchinello si è piazzato quinto con la Honda davanti all’esordiente Rins con la  Suzuki, altra bella sorpresa e nota positiva di giornata.

Al settimo posto la prima delle Ducati, quella del forlivese Dovizioso che accusa un distacco da Vinales pari a 693 millesimi.

Il pilota romagnolo ha preceduto Lorenzo di soli 91 millesimi (+0.793 il distacco di Lorenzo da Vinales) e nell’ultimo giorno Jorge, dopo un gran lavoro di affinamento sia del suo stile sia del set up della nuova Desmosedici, ha fatto un gran passo avanti rispetto a ieri.

Nono tempo per Miller, decimo per Aleix Espargaro con la bella e performante Aprilia RS-GP che conclude la tre giorni australiana nella top ten agguantando un gran bel risultato, molto importante sia per il Gruppo Piaggio sia per tutto lo staff Aprilia  che ha lavorato intensamente per rendere competitiva la moto di Noale.

Valentino, 12simo, ha detto: “Abbiamo lavorato molto e risolto poco… abbiamo dei dubbi…”.

Qualche dubbio lo hanno anche Iannone, 13esimo con la Suzuki, e Petrucci con la Ducati che si è piazzato alle spalle del pilota di Vasto, mentre Vinales e Marquez – che oggi festeggia il 24esimo compleanno – se ne vanno da Phillip Island con qualche certezza in più.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>