Pesaro Rugby, domenica arriva la Capitolina. Edmond cerca subito la scintilla

di 

24 febbraio 2017

PESARO – Paspa Pesaro Rugby di nuovo al Toti Patrignani. Di nuovo contro i romani dell’Unione Rugby Capitolina (domenica ore 14.30). Di nuovo sospinta dalle motivazioni di chi vuole gettare il cuore oltre l’ostacolo per risollevarsi dopo una sconfitta bruciante.

Per la prima volta dopo quattro campionati sarà però una Pesaro Rugby senza Ernesto Ballarini. Il ko col Gran Sasso ha fatto propendere la società giallorossa per una scelta radicale: contro la Capitolina sarà la prima delle 8 partite restanti con Alan Edmond al timone. Che da martedì lavora senza sosta sul 15 giallorosso.

Il tecnico anglo-australiano, che fino dicembre è stato a Udine dividendosi dal club friulano dopo un confortante secondo posto, sta facendo l’impossibile per bruciare le tappe: «E’ impensabile per un allenatore dare una propria impronta in pochi allenamenti, ma si possono già toccare tasti importanti – spiega il 49enne nato a Portsmouth, ma cresciuto in Australia – Il mio primo obiettivo è puntare sulla mentalità, sulla carica agonistica e sull’entusiasmo di una squadra che ho trovato preoccupata. Qui c’è un lavoro precedente che non va assolutamente sconvolto, ma dal quale ripartire. Ma quello che più mi preme ora è scaricare la pressione da questi ragazzi e riportarli immediatamente a divertirsi nel giocare a rugby».

Edmond racconta di come in questi giorni abbia cercato «di accelerare più possibile la conoscenza del gruppo. Sul campo e visionando i video. So che cominciamo affrontando un avversario forte, ma mi interessa la mia squadra. Dove ho trovato un bel gruppo, tanti elementi interessanti e un bel ventaglio di soluzioni».

Alan Edmond

Alan Edmond

Edmond ha alle spalle una carriera da pilone in Australia dove ha cominciato un percorso da allenatore trovando successivamente un certo feeling col campionato italiano: da Colleferro a Mogliano, passando per Udine e Pesaro. «L’Italia mi piace e ci sono più analogie con l’Australia di quanto si credi. Io cerco sempre di trarre il meglio da ogni cultura e mescolarle. A Pesaro ho trovato una società di gente onesta e voglio ripagare la loro fiducia».

 

Domenica alle 14.30 al Toti Patrignani arriva l’Unione R. Capitolina che è probabilmente la grande delusa di questa Poule Retrocessione. Sei vittorie e quattro sconfitte non sono bastate ai romani per evitare il quarto posto dopo una prima fase trascorsa costantemente sul podio del raggruppamento, per poi vedersi soffiare il terzo posto negli ultimi 80 minuti della prima fase. Dall’Ottopagine Benevento che ha collezionato un solo punto in più dei romani. E’ stata una prima fase in cui la Capitolina ha vinto a Pesaro per 22-24 in quello che è stato forse il miglior primo tempo del campionato dei pesaresi. Giallorossi che a Roma sono stati sconfitti 32-5 l’11 dicembre scorso.

In questa Poule la Capitolina ha perso un’equilibrata gara d’esordio a Prato e si è rifatta domenica scorsa vincendo un altrettanto tirato match casalingo col Cus Genova.

 

Programma 3’giornata Poule Retrocessione

Paspa Pesaro Rugby – Unione R. Capitolina

Gran Sasso – Rugby Noceto

Cavalieri Prato Sesto – Cus Genova

 

Classifica: Cavalieri PratoSesto 8, Cus Genova 6, Rugby Noceto, Unione R. Capitolina e Gran Sasso 5, Pesaro Rugby 1

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>